Home CRONACA Caos a Vigna Clara, quartiere in ginocchio: strade chiuse e traffico in...

Caos a Vigna Clara, quartiere in ginocchio: strade chiuse e traffico in tilt

vignastelluti

AGGIORNAMENTO di sabato 22 h.12: nel corso della notte via Napoleone Colajanni è stata riaperta al traffico e Piazza Jacini è quindi di nuovo raggiungibile. Anche via di Vigna Stelluti è ora percorribile in ambedue i sensi… parcheggi in doppia fila permettendo.

°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Dalle prime ore di questa mattina il quartiere di Vigna Clara è nel caos totale a causa della rottura di un tombino in via Belloni, della contestuale apertura di una voragine in via di Vigna Stelluti e delle inevitabili modifiche alla viabilità che hanno messo in ginocchio l’intero quadrante.

Lunghe code di auto su Corso Francia in ambedue le direzioni –  anche a causa della chiusura di via Flaminia, al Fleming, per la voragine apertasi da circa un mese – via di Vigna Stelluti prima parzialmente ed ora totalmente chiusa al traffico fra Piazza Giochi Delfici e via Pompeo Neri, quest’ultima interamente imbottigliata.

via-pompeo-neriMa non solo. Piazza Jacini è accessibile solo da via Stefano Jacini sulla quale le auto sono tutte ferme e incolonnate, via Cassia da Ponte Milvio a Piazza Giochi Delfici è una lunga coda e la stessa piazza oggi ricorda gli ingorghi ante apertura Galleria Giovanni XXIII.

La scena si chiude con residenti senz’acqua, automobilisti imprigionati nel traffico che si sfogano parlando da soli dentro le loro auto, negozianti letteralmente imbufaliti per il drastico calo di vendite in una giornata che sulla carta doveva essere dedicata allo shopping natalizio.

Questo il quadro a metà pomeriggio di venerdì 21 dicembre senza che nessuno fornisca informazioni e previsioni. Tace l’ACEA sul cui sito non si fa alcuna menzione sui lavori in corso in via Belloni e in via di Vigna Stelluti, tace il Municipio XV sul cui portale la notizia più recente è di quindici giorni fa, tace il sito LuceVerde, gestito dalla Polizia Locale, che solo alle 15 si è ricordato di avvisare gli automobilisti della chiusura di via di Vigna Stelluti.

vigna-claraUn intero quartiere martoriato e ostaggio di voragini e di rotture idriche che si  ripetono ciclicamente come una jattura. Le ultime infatti – sempre in via Belloni e sempre in via di Vigna Stelluti – sono esattamente di un anno fa.

E sempre un anno fa, il 12 ottobre 2017,si ruppe una tubatura in via dell’Alpinismo; poi nella notte fra venerdì 13 e sabato 14 un fiume in piena uscì da una voragine in via Giochi Istmici allagando box e cantine; lunedì 15 nuovi allagamento in via Apollo Pizio, il giorno successivo il secondo. E come non ricordare la voragine apertasi in via Mengotti a maggio 2017, o l’avvallamento sospetto in via dei Giochi Istmici a gennaio dello stesso anno, o, tornando a Piazza Giochi Delfici, la voragine apertasi il 9 ottobre 2016 all’inizio di via di Vigna Stelluti che causò il blocco della viabilità per cinque giorni.

Vale quindi la pena ricordare quanto ci dichiarò Alberto Prestininzi,Professore Ordinario alla Sapienza e direttore del “Centro di Ricerca CERI Previsione Prevenzione e Controllo dei Rischi Geologici” in una nostra intervista di pochi anni fa.

Alla domanda come mai il territorio di Roma Nord, riferendoci in particolare all’area che va da Ponte Milvio a Vigna Clara, è così soggetto a frane e voragini, ci disse: “La zona di Vigna Clara come tutte le zone confinanti con l’antico centro di Roma sono state utilizzate tanto tempo fa come cave di approvvigionamento di materiale da costruzione con gallerie scavate in orizzontale. La successiva urbanizzazione di queste zone senza sufficienti indagini preventive o di prevenzione ha fatto si che alcune di queste cavità provocassero dei collassi con un meccanismo simile a questo“.

Nel frattempo, mentre scriviamo, la squadra al lavoro in via di Vigna Stelluti pare sia al termine de lavori. “Ora non ci resta che chiudere la voragine e poi attendere che Acea riapra il flusso – mormora uno degli addetti – e poi vediamo cosa succede”.  In parallelo, in via Belloni, sono solo da poco iniziate le ispezioni per accertare le cause della rottura del tombino e della fuoriuscita di acqua. Tempi  di soluzione? Quién sabe.

Gaia Azzali

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome