Home CRONACA Via della Farnesina condannata a discarica

Via della Farnesina condannata a discarica

rifiuti-via-della-farnesina

Usuale appuntamento notturno col tratto di venti metri di via della Farnesina – qualche passo più su dell’omonimo asilo nido comunale – condannato ormai a discarica a cielo aperto dopo che un grappolo di cassonetti vi è stato spostato togliendolo da davanti il nido.

Il che ha sì risparmiato ai piccoli l’olezzo e la vista dei rifiuti abbandonati ma di fatto ha sdoganato l’incivile uso di liberarsi di tutto e di più solo perchè magari, prima, qualcuno si faceva scrupolo di farlo davanti ad un asilo.

Risale a martedì 4 settembre la nostra prima segnalazione: cassonetti traboccanti chissà da quanto non svuotati,  bustoni di rifiuti, cartoni e scaldabagni abbandonati facevano bella mostra di sé fin dalle prime ore del pomeriggio del giorno precedente.

Mercoledì 5 la seconda: ai cassonetti ancora traboccanti, ai bustoni di rifiuti ed a cartoni, nella tarda serata si aggiungo due materassi, una rete, un boiler.
Ma non finisce qui. Pare infatti, stando a delle testimonianze, che il giorno dopo l’AMA – sollecitata da alcuni residenti – abbia inviato due operatori. Peccato che giunti a mani nude e con un piccolo mezzo abbiano potuto fare ben poco.

Ed arriviamo così a questa sera, venerdì 7 settembre.

Oltre ai cassonetti sempre più tracimanti anche di cassette di legno e rifiuti vegetali ed organici, materassi, rete e boiler sono sempre lì. Ma a far loro compagnia ecco un’asse da stiro, ecco altri cumuli di cartoni, ecco un espositore-contenitore di patatine di indubbia provenienza.

Pare incredibile, ma questa vicenda dura da lunedì. 4 giorni di latitanza AMA ma pure 4 giorni di inciviltà. E non solo di chi lì vive, ma anche di chi ci lavora.

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Non è la prima volta che si verificano situazioni come questa del traboccamento di cassonetti, stazionamento di immondizia che sa di tutto come anche di dispetto, sotto dove abito passano per la raccolta più volte al giorno ma è capitato lo stazionamento di immondizia come pure il traboccamento dei cassonetti e relativo disagio.
    Pensandoci bene lo stazionamento ed il traboccamento sono capitati in seguito e/o concomitanti una qualche iniziativa pubblica di rilievo in una qualche parte della città, tipo festival o processione o manifestazione o mercato o concerto ecc. ecc..
    Solidarietà dunque ai lavoratori dell’AMA e a tutti quelli che svolgono per la comunità compiti ingrati per una cittadinanza ingrata, orba e immemore.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome