Home POLITICA Consiglieri vengono alle mani, arriva la Polizia: bagarre in XV Municipio

Consiglieri vengono alle mani, arriva la Polizia: bagarre in XV Municipio

municipio xv

Il coraggio è quello che ci vuole per alzarsi e parlare; il coraggio è anche quello che ci vuole per sedersi ed ascoltare” disse una volta Sir Winston Leonard Spencer Churchill, politico, storico e giornalista britannico conosciuto principalmente per aver guidato il Regno Unito durante la Seconda guerra mondiale.
Ma la flemma britannica insita in questo aforismo è più unica che rara e mal si coniuga soprattutto con l’italica sanguignità.

Quell’italica sanguignità che ha scatenato il putiferio nella giornata di giovedì 3 maggio in quel di via Flaminia 872, sede del XV Municipio, nel corso di una seduta della Commissione Lavori Pubblici nella quale si discuteva dell’annosa questione della rotatoria di via Cassia incrocio via Cortina d’Ampezzo. Una seduta infuocata, alla quale ha partecipato niente di meno che la Polizia di Stato.

A darne notizia è Luigina Chirizzi, consigliera PD nel XV Municipio, raccontando in una nota che al culmine di un diverbio molto acceso, “due consiglieri del Gruppo M5S – quello di maggioranza, quello che dovrebbe essere impegnato nella soluzione dei tanti problemi della città e del nostro municipio – sono venuti alle mani, tant’è che è stato richiesto l’intervento delle forze dell’ordine“.

Un evento così nel XV Municipio non accadeva da sei-sette anni, quando una scazzottata fra un cittadino e un consigliere, quest’ultimo provocato e preso pure a calci sugli stinchi da stivale di foggia femminea con relativa punta aguzza, mise fine ad una seduta di consiglio che andava avanti da circa nove ore. Nervosismo, stanchezza, parole sussurrate a mezza bocca a mo’ di provocazione politica  furono il micidiale mix che fece esplodere la tensione. Ma, almeno stando a Chirizzi, diversa è la miscela alla base del litigio odierno.

Non è solo l’inadeguatezza – commenta infatti Chirizzi – ma anche la crisi dei risultati quella che rende difficile la convivenza all’interno di una compagine che non è un disegno, non ha un progetto e non riesce ad esser in grado di affrontare i tanti problemi del territorio. Paradossalmente – conclude – per le loro tristi liti accade anche che vengano distratte le  forze, poche, a servizio del controllo del territorio. Il fallimento è evidente”.

Visita la nostra pagina di Facebook

12 COMMENTI

  1. Proprio oggi ero in Municipio per chiedere notizie per la riapertura di via Fabbroni e dopo aver aspettato piu’ di mezz’ora un tecnico,mi e’ stato consigliato di andare al terzo piano dove c’e’ il presidente,mentre cercavo la stanza sono stata invitata,malamente,ad allontanarmi perche’ c’era una riunione e questo e’ il risultato…. sono passati alle mani.Ho avuto modo di incontrare anche un assessore,anche lei molto scostante e antipatica e mi hanno invitata a scendere,quando finalmente,ricercato da tutto il municipio,ho incontrato il mio tecnico che parlava tranquillamente al cellulare nell’androne,mi ha spiegato,in perfetto politichese,che via Fabbroni per ora non si apre,quid prodest……il cantiere della clinica si e’ allrgato a tutta la strada

  2. Dimissioni per essere onesti Grazie una società civile così per un meraviglioso municipio ognuno le sue responsabilità

  3. Ma via Fabbroni mi era stato detto, dai vigili del comando di via Caprilli, essere stata chiusa per una perdita di gas. E’ ben altra cosa se invece fosse chiusa per il cantiere della clinica, oggetto di interessi esclusivamente privati a danno di quelli di tutti.
    Caro Vigna Clara blog perché è chiusa via Fabbroni?

    • Gentile Giulia, confermiamo: si è trattato di fuga di gas conseguente a rottura della rete che ha causato il rifacimento parziale della stessa.
      Cordialità

  4. Purtroppo i consiglieri M5S sono gli stessi che hanno bocciato la mozione, proposta dal PD, per la riapertura della Stazione di Vigna Clara. Direi che la gestione pentastellata fa acqua da tutte le parti. Ridateci Torquati. Grazie.

  5. Cosa sta succedendo a Viale Tor di Quinto all’altezza dell’Eni, prima di via Caprilli? Da mercoledì è diventata ad una corsia ( traffico in tilt da prima porta) con modifica della segnaletica orizzontale, ma ancora oggi nessuno che ci lavori e non si hanno notizie.

  6. Non mi sembra che una fuga di gas possa durare così a lungo……. forse la stessa ha svuotato la sede stradale con rischio frana oppure il danno è talmente grande da non poter intervenire. A questo punto dovevano sgombrare i palazzi con conseguente stop a tutte le attività di zona. Intanto abbiamo un bel problema di traffico sulla Flaminia.

  7. Quando leggo certi articoli mi viene proprio lo sconforto. @redazione posso chiedere cortesemente a voi, che avete sicuramente il polso della situazione più di noi, quali sono gli atti veri e concreti di rilevanza municipale adottati nell’ultimo anno????
    Il municipio ha avuto un crollo verticale….e pensare che con Torquati si pensava di essere arrivati al fondo del barile….

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome