Home POLITICA Rifiuti e decoro in XV, Ribera (PD): “Passi indietro col M5S”

Rifiuti e decoro in XV, Ribera (PD): “Passi indietro col M5S”

comunicato stampa ribera

Se in tema di decoro e pulizia della città i romani hanno bocciato l’AMA, sugli stessi temi il PD del XV boccia l’amministrazione pentastellata di via Flaminia.
Il pollice verso è quello di Marcello Ribera, consigliere PD e vicepresidente della Commissione Ambiente del Municipio XV, che in una nota dichiara: “Molti i servizi diminuiti e in alcuni casi addirittura totalmente eliminati, dopo quasi due anni di amministrazione guidata da Stefano Simonelli il XV Municipio si è visto ridimensionare importanti servizi per il territorio che erano stati conquistati con enorme impegno”.

“Il servizio dei Centri Mobili di Raccolta dell’Ama è stato introdotto per la prima volta nei nostri quartieri a fine 2014; ultimamente il servizio è stato notevolmente ridotto tanto che, ad esclusione delle iniziative a via Tieri e Largo Nimis de “il tuo quartiere non è una discarica”, gli appuntamenti con i centri mobili si contano sulle dita di una mano e solo nei quartieri di Cesano e Valle Muricana. Il servizio purtroppo è stato completamente eliminato per la maggior parte dei cittadini del municipio che risiedono tra La Giustiniana, Tomba di Nerone, Fleming, Vigna Clara e Ponte Milvio”.

“Stessa situazione – ricorda Marcello Ribera – per tutte quelle iniziative di comunicazione e informazione sui servizi e sulla raccolta differenziata che l’allora amministrazione municipale aveva organizzato in collaborazione con Ama in molte scuole, parrocchie e centri anziani. Iniziative utilissime che servivano a responsabilizzare il territorio, creare senso di comunità, diffondere comportamenti corretti e avvicinare l’azienda agli utenti ma purtroppo anche su queste attività l’attuale amministrazione si è distinta per inefficienza, oggi non se ne parla più”.

“E’ importante inoltre – incalza il consigliere PD – ricordare la delibera dell’agosto 2017 che ha posto un freno al volontariato. L’amministrazione capitolina ha infatti disincentivato la collaborazione tra cittadini attivi e istituzioni, sono molti i gruppi di volontari che hanno dovuto rinunciare a prendersi cura del proprio quartiere per timore di essere multati e questa situazione ha anche avvantaggiato le associazioni più strutturate con le quali l’amministrazione intrattiene rapporti privilegiati a discapito dei liberi volontari che non hanno nemmeno più la possibilità di pulire un parco”.

E cosa ha fatto il PD? All’ipotetica domanda Ribera risponde che “Diverse sono state le proposte del gruppo del partito democratico e le aperture in commissione ambiente su questi temi, tuttavia queste sono state sempre respinte in consiglio dalla maggioranza. Questo scenario si aggrava a causa della totale assenza del presidente del Municipio su questi temi, il nostro territorio torna indietro e lui semplicemente non è presente, non è interessato a questi problemi. Una responsabilità e un dovere che probabilmente nemmeno riesce a rendersi conto di avere. Troppe volte alle critiche di alcuni consiglieri o semplici cittadini ha risposto con parole offensive e di scherno. Dispiace che mentre lui rida siano i cittadini del XV Municipio a piangere, oltre al danno anche la beffa”.

“Ora stiamo seguendo la vicenda dell’impianto di compostaggio tra Cesano e Osteria Nuova, proposta che il Presidente del Municipio Stefano Simonelli si era impegnato pubblicamente a non presentare senza l’ok da parte del Consiglio. Invece il 6 marzo scorso hanno avviato l’iter amministrativo, senza che sia stato conferito alcun mandato dal Consiglio. Si tratta dell’ennesimo mancato rispetto degli impegni assunti da parte di Simonelli. Sono mesi che chiedo che di questo progetto se ne discuta almeno nella commissione competente ma solo a seguito di una richiesta di accesso agli atti, sollecitata diverse volte, siamo riusciti ad ottenere la documentazione”.

“La maggioranza e il presidente – conclude Ribera – scappano da qualsiasi confronto, è più di un anno inoltre che aspettiamo la relazione annuale di Simonelli e la sua giunta ma, nonostante si comprenda che ben poco questa amministrazione abbia da relazionare a causa degli scarsi risultati e dei numerosi insuccessi, anche questo impegno rimane disatteso.”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome