Home CRONACA E’ morto Fabrizio Frizzi, l’eterno ragazzo della porta accanto

E’ morto Fabrizio Frizzi, l’eterno ragazzo della porta accanto

fabrizio frizzi

Per tanti anni Fabrizio Frizzi è stato definito “il ragazzo della porta accanto” perchè nonostante il successo raggiunto, non si è mai montato la testa, è rimasto sempre quel tenero ed educato ragazzo della porta accanto, quello che ogni mamma vorrebbe vedere a fianco della propria figlia. Un ragazzo, insomma, con i piedi ben saldati a terra.

Una terra che però ha lasciato questa notte. Fabrizio Frizzi è morto. A dare l’annuncio è stata la moglie Carlotta, il fratello Fabio ed i familiari  che in una nota hanno fatto sapere che Fabrizio è deceduto nella notte all’ospedale sant’Andrea in seguito ad una emorragia cerebrale.

Viveva a Roma Nord

Fabrizio Frizzi aveva 60 anni e lo scorso 23 ottobre, durante la registrazione di un programma televisivo, era stato colto da malore, una ischemia. Ricoverato, fu dimesso dopo pochi giorni e tornò al lavoro a dicembre.

Frizzi viveva a Roma Nord con la moglie Carlotta Mantovan, con la quale si era unito nel 2002, e la figlia Stella, avuta il 3 maggio del  2013.

Sono sempre stato un ragazzo di Roma Nord“, disse con quell’aria simpatica e un po’ goliardica, che da sempre lo contraddistingueva, in un’intervista a VignaClaraBlog.it nella quale raccontò come era approdato a Vigna Clara prima, e in zona Cortina d’Ampezzo successivamente, e quanto era soddisfatto di vivere in questo spicchio di Roma Nord.

Lutto in RAI

Fabrizio Frizzi lascia un gran vuoto nel mondo della televisione e nella Rai. E’ stato uno dei pochi artisti rimasti sempre fedele all’Azienda di Viale Mazzini per tutti i 40 anni della sua carriera.

La Rai per me è un po’ come una mamma. Mi ha preso per mano quando all’inizio della carriera, giovanissimo, ho condotto per sette anni la TV dei ragazzi e piano piano mi ha fatto crescere. Ho presentato centinaia di prime serate, un vero e proprio record per un conduttore” ci raccontò in quella intervista.

Con Fabrizio se ne va un pezzo di noi, della nostra storia, del nostro quotidiano. Non scompare solo un grande artista e uomo di spettacolo, con Fabrizio se ne va un caro amico, una persona che ci ha insegnato l’amore per il lavoro e per l’essere squadra, sempre attento e rispettoso verso il pubblico“.

Così i vertici della Rai commentano la notizia del decesso di Fabrizio Frizzi scrivendo in una nota che “se ne va l’uomo dei sorrisi e degli abbracci per tutti. L’interprete straordinario del coraggio e della voglia di vivere. È impossibile in questo momento esprimere tutto quello che la scomparsa di Fabrizio suscita in ognuno di noi. Così la Rai tutta, con la presidente Monica Maggioni e il direttore generale Mario Orfeo, può solo stringersi attorno a Carlotta e alla sua famiglia in questo momento di immenso dolore“.

La carriera, i suoi amori

Fabrizio Frizzi ha esordito in Rai con la tv dei ragazzi nella trasmissione a 20 anni con ‘Il barattolo’ nel 1980. Da ‘Scommettiamo che’ a ‘Europa Europa’, dal preserale ‘Luna park’ alla maratona benefica ‘Telethon’, diventato uno dei volti più popolari e amati di RaiUno. Ha condotto per 15 anni Miss Italia.

Grande appassionato di musica, fratello di Fabio il musicista autore di grandi colonne sonore, ha conquistato il pubblico giovane mettendosi in gioco come concorrente di ‘Tale e quale show’ condotto da Carlo Conti, di cui era grande amico, con cui ha fatto la staffetta per L’eredità.

Nella vita personale, è stato sposato con Rita Dalla Chiesa con la quale, dopo la separazione, avvenuta nel 1998, è rimasto in ottimi rapporti al punto da condurre insieme anche la ‘Posta del cuore’. Nel 2002, mentre conduceva uno dei tanti Miss Italia, conobbe Carlotta Mantovan, giornalista di Sky Tg24, con la quale si sposò nel 2014 dopo tanti anni di fidanzamento. L’anno precedente era diventato papà di Stella: “Con lei sono tornato bambino –  diceva sempre – con i bambini vedi il mondo in un altro modo“.

Edoardo Cafasso

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome