Home GROTTAROSSA Grottarossa, operato il bambino ferito nel Parco Papacci

Grottarossa, operato il bambino ferito nel Parco Papacci

area-sotto-sequestro

Tutta la zona di Grottarossa, l’intera Cassia col fiato sospeso per le sorti del bambino di otto anni vittima di un grave incidente avvenuto nella giornata di venerdì 28 luglio nel Parco Papacci di via di Grottarossa.

Privo di sensi e con la mascherina per l’ossigeno sul volto è stato trasportato d’urgenza con l’elisoccorso al Policlinico Gemelli in codice rosso: oltre a presunte fratture presentava un ematoma alla testa.

Nel corso della serata, tramite i social il papà ha fatto sapere che il figliolo è stato operato e che “l’operazione ha permesso la riduzione della pressione cranica. Il trauma è stato forte e c’era anche un ematoma più grande di quanto si potesse vedere con la tac”.

Nel frattempo si ricostruisce la vicenda

I primi lanci d’agenzia parlavano di un tubo cadutogli sulla testa, un tubo staccatosi da un’impalcatura provvisoria dell’area basket, e che a seguito del colpo il bambino era caduto a terra sbattendo la testa con forza.

In realtà, dalle prime ricostruzioni, sembrerebbe che il bambino si sia invece appoggiato al corrimano metallico della recinzione dell’area basket. Il palo, dissaldatosi improvvisamente, gli ha fatto perdere l’equilibrio. Il piccolo sarebbe così caduto all’indietro sbattendo la testa al suolo.

Una casualità? Cattiva manutenzione? Danneggiato da atti vandalici? Come quel palo possa essersi staccato saranno gli inquirenti a dirlo.

Nella giornata l’area dove è avvenuto l’incidente è stata sottoposta a sequestro ed oggetto di controlli da parte della Polizia Scientifica e degli agenti del Commissariato Flaminio Nuovo che stanno svolgendo le indagini.

Sui social

Mentre si contano a centinaia gli attestati di solidarietà al piccolo e alla sua famiglia, su facebook c’è chi punta il dito contro presunti teppisti che di notte – forti del fatto che il Parco Papacci è sempre aperto – vandalizzano le strutture presenti.

Il tubo in questione non è altro che la recinzione della pista rossa dove il bimbo giocava! Questa area giochi è stata ripulita e risistemata pochi mesi fa…purtroppo però ci sono dei delinquenti teppisti e incivili che la notte si divertono a spaccare tutto e grazie a loro oggi è accaduta questa disgrazia!” scrive una residente sostenendo che “le forze dell’ordine sono state chiamate più volte ma non è servito a nulla“.

Chi frequenta il parco di notte sono tutti ragazzini… Parolacce e bestemmie a non finire, distruzione di beni pubblici, che causano poi incidenti, e schiamazzi che non ti fanno dormire, è diventato uno schifo” esclama la stessa residente.

Più controlli, più poliziotti di quartiere, più ronde che passano in diverse ore anche notturne: è chiedere troppo?” le fa eco un’altra residente alla quale in tanti danno ragione.

AGGIORNAMENTO delle 14 del 29 luglio: Il papà fa sapere che  “il bambino è stabile. Da stanotte comincerà la riduzione della sedazione. Domattina verso le 10 il tentato di risveglio”.

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. Auguri cucciolotto vedrai che andrà tutto bene un angelo ti stara sempre vicino..ti lascio un bacio grande anche ai genitori che immagino come possano stare in attesta che tutto torni come prima…un abbraccio anche a loro

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome