Home CESANO Cesano, prende corpo l’ipotesi dell’impianto di compostaggio

Cesano, prende corpo l’ipotesi dell’impianto di compostaggio

compostaggio
immagine di repertorio

L’impianto di compostaggio in un’area compresa fra Cesano e Osteria sembra prendere veramente corpo. Dopo le prime notizie dei giorni scorsi, a rendere sempre più consistente l’ipotesi sono le dichiarazioni del consigliere capitolino Daniele Diaco, presidente della Commissione Ambiente, riportate da Il Messaggero con una news on-line di oggi.

Stando al quotidiano romano, a margine della seduta odierna della commissione, Diaco ha così dichiarato: “Sì, Cesano e Aurelia (ndr: a Casal Selce, XIII Municipio). Questi sono i due siti individuati dai municipi, ora dobbiamo ascoltare i cittadini, ma sicuramente come zone sono idonee per un’impiantistica“.

E l’occasione per ascoltare i cittadini arriverà presto. Proprio ieri, lunedì 26 giugno, i cinque consiglieri del centro-destra del XV Municipio hanno infatti richiesto la convocazione di una seduta straordinaria sul tema.

Rimaniamo sconcertati dal comportamento dei Cinque Stelle che, alla faccia della tanto sbandierata trasparenza, prendono decisioni importanti nelle segrete stanze” scrive in una nota Giuseppe Mocci (Lista Marchini), primo firmatario della richiesta.

Apprendiamo con stupore dalle dichiarazioni del consigliere capitolino Daniele Diaco, che uno dei siti per ospitare gli impianti di compostaggio dei rifiuti ricade nell’area situata tra Cesano e Osteria Nuova. Un tema cosi’ importante – incalza Mocci – non puo’ essere affrontato senza tenere in considerazione, in modo preventivo, il Consiglio municipale e la cittadinanza interessata. Per queste ragioni abbiamo chiesto al presidente del Consiglio del XV Municipio di convocare urgentemente un’assemblea straordinaria sulla questione.”

Stando al regolamento del Municipio, il Consiglio si riunisce in seduta straordinaria quando sia stata presentata richiesta scritta da almeno un quinto dei Consiglieri e, in tal caso, il Presidente è tenuto a riunire il parlamentino entro dieci giorni dalla  stessa.
E’ quindi ipotizzabile che il Consiglio venga convocato entro la prima settimana di luglio.
E sui social, c’è chi chiede che invece di tenersi al chiuso dell’aula di via Flaminia 872 la seduta si svolga in loco, a Cesano o a Osteria Nuova, en plein air davanti ai residenti.

La cosa è del tutto fattibile: il regolamento non lo esclude ed esistono diversi precedenti.

richiesta-seduta-straordinaria

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Un argomento di tale portata, che peraltro appare trattato con estrema superficialità e senza alcuna valutazione logica di fattibilità, merita una discussione sia in ambito consiliare ma soprattutto di fronte alla cittadinanza. Il mio modesto parere è che a fronte di tante promesse (a quanto pare solo elettorali) di riqualificazione delle periferie l’unico argomento di discussione in cui Cesano emerge è la realizzazione di un impianto di compostaggio in una zona a ridosso di due centri abitati, con una viabilità vecchia di secoli e già insufficiente a garantire il transito attuale di veicoli, già fortemente provata dall’elettrosmog di Radio Vaticana e completamente dimenticata dall’amministrazione comunale (basti pensare alle condizioni in cui versano parchi, strade, cartelli, etc…..). Ma come si può immaginare di portare un impianto che dovrebbe gestire 1/3 dei rifiuti organici di Roma in una zona distante dal GRA e senza infrastrutture adeguate! Come minimo (e tralasciando tutte le altre problematiche) prima andrebbe adeguata la rete viaria, poi eventualmente realizzati impianti del genere!! E comunque – ripeto – la cittadinanza dovrebbe essere coinvolta e ognuno dovrebbe pubblicamente assumersi la responsabilità (politica) delle proprie decisioni.

  2. io abito proprio a ridosso della zona dove dovrebbe sorgere questo impianto di compostaggio e non sono per niente d’accordo, via della stazione di Cesano è già provata da traffico, essendo una strada di collegamento tra Bracciano e la Cassia bis, abbiamo la Radio Vaticana e l’Enea, la stazione ferrovia dove dove vengono a prendere il treno anche dai paesi vicini e poi mettiamoci il cattivo odore che ci sarà!!!!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome