Home CASSIA Ospedale S.Pietro, Torquati (PD): “Reparto oncologico prioritario, XV Municipio trovi la soluzione”

Ospedale S.Pietro, Torquati (PD): “Reparto oncologico prioritario, XV Municipio trovi la soluzione”

ospedale-San-Pietro

Sulla vicenda portata alla luce da VignaClaraBlog.it in merito allo stop alla realizzazione di un nuovo reparto oncologico d’eccellenza all’Ospedale San Pietro per meri motivi burocratici, Daniele Torquati, ex presidente del XV Municipio e attuale consigliere PD, rivolge un appello alla nuova amministrazione municipale targata M5S chiedendo che si faccia carico di trovare una soluzione che impedisca il fallimento del progetto.

“Apprendo con sorpresa – scrive Torquati in una nota – che la realizzazione del nuovo reparto oncologico di ultima generazione previsto per l’Ospedale San Pietro Fatebenefratelli potrebbe sfumare a causa di cavilli burocratici riguardanti la natura estetica e paesaggistica della struttura. Non solo in tal modo perderemmo la possibilità, preziosa e imprescindibile, di arricchire il nostro territorio di un polo sanitario d’eccellenza, interamente finanziato da investimenti esteri, ma soprattutto sarebbe un ulteriore esempio di come la burocrazia tenda ad ostacolare lo sviluppo, la ricerca e l’innovazione.”

“Quello che chiedo è che la nuova amministrazione si faccia carico di ricercare una soluzione promuovendo una richiesta di deroga che, nel rispetto della legge e dei vincoli paesaggistici della zona, sblocchi in tempi brevi la realizzazione del reparto e attui un intervento edilizio peraltro di minimo impatto. Il rischio – conclude Torquati – è che gli investimenti siano dirottati altrove, privando il nostro Municipio di un’opportunità irripetibile.”

Visita la nostra pagina di Facebook

5 COMMENTI

  1. Divertente, Torquati lancia un appello alla nuova amministrazione. Il vostro primo articolo è del 4 Luglio e riporta notizie antecedenti per il blocco del progetto del XV. Simonelli entra dopo il 20 Giugno nel Municipio e ancora non si è seduto e Torquati non ne sapeva nulla quando con tutta probabilità era ancora il Presidente del XV?
    Mi viene da piangere.

  2. Ha ragione il Cons. Torquati; sono i soliti “cavilli burocratici” e “l’ennesimo esempio di come la burocrazia tenda ad ostacolare lo sviluppo, la ricerca e l’innovazione”. Viene da chiedersi se il Direttore dell’Ufficio Tecnico che avrebbe posto questi “cavilli burocratici” non sia lo stesso nominato sotto la Presidenza Torquati e quindi, si presume, con il suo stesso gradimento.

  3. Che sia opportuno trovare una soluzione che permetta di proseguire nella costruzione del polo oncologico mi pare cosa quasi superflua da sottolineare.
    Rilevo invece che quasi tutti i commenti invitano a “passare sopra” a certe regole, a non tener conto delle prescrizioni di legge, in nome di un superiore interesse finale. Nessuno che che si preoccupi di andare a cercare i responsabili del pasticcio a cui si creca di rimediare. Questo non fa che alimentare il senso di impunità ed irresponsabilità in cui opoera chi amministra e gestisce… perché sforzarsi di seguire leggi e regolamenti, se tanto non pagherò mai le conseguenze delle mie azioni?

  4. ….scusate, solo a titolo di cronaca, l'”autotutela” del Municipio è del 3 febbraio scorso (Presidente Torquati) …. per cui tutto l’iter di richiesta di autorizzazione era sicuramente precedente (sempre periodo Torquati)….

    Ma lui, stranamente, solo a luglio apprende “…con sorpresa che la realizzazione del nuovo reparto oncologico di ultima generazione previsto per l’Ospedale San Pietro Fatebenefratelli potrebbe sfumare a causa di cavilli burocratici…”
    e, inoltre, chiede che “…la nuova amministrazione si faccia carico di ricercare una soluzione promuovendo una richiesta di deroga che, nel rispetto della legge e dei vincoli paesaggistici della zona, sblocchi in tempi brevi la realizzazione del reparto…”
    Come mai la soluzione non l’aveva cercata e trovata lui visto che sono atti che riguardavano la sua gestione ?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome