Home TEMPO LIBERO Sociopatie, sociofobie e sociofollie in versione estiva

Sociopatie, sociofobie e sociofollie in versione estiva

leggere libro 2

Se non venite, sappiate che finirete diretti nel volume II”, scrivono sull’invito le due autrici. Conoscendole rischieremmo di esser definiti quasi sicuramente “Sòle Croniche” e allora è meglio andare.

Nel loro trattato semi serio ce n’era per tutti e per tutti i gusti. Nessuno escluso. Dalla sindrome H.S.A. “ho sopportato abbastanza” al Gaffismo Inconsapevole fino al distacco da R.I.P. forzato. Sono solo alcune delle patologie di cui tutti più o meno inconsapevolmente siamo affetti.

Sociopatie, sociofobie e sociofollie. Nuovi contributi alle psicopaturnie della vita de’ noantri. Materiali e metodi – vol.1” è uscito a gennaio e dopo il successo della prima presentazione, ecco che arriva la seconda.

Martedì 5 luglio presso il Circolo Dopolavoro ATAC al civico 11 del Lungotevere Thaon di Revel Grande Ammiraglio, l’appuntamento è alla stessa ora della prima presentazione, alle 18e28, un orario che è stato così voluto dalle autrici Cinzia e Lucia per rimanere in tema con le diverse “ stranezze” di cui tutti siamo affetti. “Quasi sicuramente”, come scritto sull’invito, a moderare ci sarà di nuovo il professor Ciriaco Scoppetta, scrittore e neuropsichiatra, richiamato all’unanimità dopo aver dato un grande contributo al primo incontro.

Cinzia Armelisasso e Lucia Valdarnini, una pediatra ma anche impegnata nel sociale e l’altra architetto e mamma di quattro bambini , invitano proprio tutti perché come ci dice Cinzia “dobbiamo vendere le ultime 300 copie della terza edizione per recuperare soldi che ci occorrono per avviare il volume II; la scorsa volta ci siamo potuti divertire in pochi perché lo spazio era ridotto, con l’arrivo dell’estate ci piace fare feste con pretesti vari e soprattutto ci state supplicando…“

Cinzia e Lucia si sono divertite a tratteggiare diversi comportamenti che tutti nel quotidiano ci troviamo ad assumere. Un trattato semi serio dove alcuni disturbi psicologici vengono descritti e classificati con l’ironia di chi non si prende troppo sul serio e vuole sdrammatizzare.

Tutto il ricavato delle vendite del loro libro è andato e andrà a finanziare la Onlus ” Sulla strada” di cui Cinzia, pediatra in Vigna Clara, è uno dei medici responsabili. Settantadue pagine che le nostre autrici hanno deciso di pubblicare autofinanziandosi, oggi alla terza ristampa; un prezzo “ anomalo”, 8 euro e 80 centesimi, così giusto per far notare che siamo tutti ” strani”.

A pochi giorni dalla prima presentazione ci eravamo lasciati con una domanda: “ facciamo parte dei frangitesticoli o dei flagellantes?” Noi ancora non lo abbiamo capito, forse la cosa deve essere più grave di quello che si crede; per chi invece non è potuto venire alla presentazione di gennaio sarà un’ottima occasione per scoprirlo.

Valentina Ciaccio

Visita la nostra pagina di Facebook

l'appuntamento è qui:

Lungo Tevere Thaon Di Revel Grande Ammiraglio 11

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome