Home ATTUALITÀ Pronto? È la Asl Roma E che parla…

Pronto? È la Asl Roma E che parla…

recup240.jpgNei casi peggiori passano sei mesi, a volte anche un anno per una visita medica: un tempo davvero lungo. E se i più meticolosi se lo appuntano sul calendario, c’è chi confida solo nella propria memoria. Ed è così che allora basta una piccola dimenticanza che si sbaglia il giorno o l’ora.

Grazie al supporto tecnico di Lait S.p.A., la Regione Lazio in collaborazione con la Asl Roma E ha deciso di venire in aiuto agli assistiti. A partire da mercoledì 9 dicembre per un periodo di tre mesi che ne verificherà la funzionalità, si sperimenterà un sistema di recall automatico, lo “Sm@rtCupRecall” così da aumentare l’efficienza del sistema di prenotazione.

Sette giorni prima dell’appuntamento una voce registrata richiamerà telefonicamente i cittadini che hanno prenotato una visita o un esame presso strutture della Asl Roma E, come il poliambulatorio di Tor di Quinto, a Ponte Milvio, o quello di via Clauzetto a Labaro per intenderci.

Questo sistema sarà non solo un promemoria per l’assistito ma anche uno strumento semplificato per disdire la prenotazione e liberare così il posto per altri utenti.
Basterà infatti spingere il tasto 1 per confermare o il tasto 3 per annullare la visita.

Come riferisce la Asl in un suo comunicato, le chiamate automatiche gestite dalla società I-tel e provenienti dal numero 06-5168-3270, saranno effettuate dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 21.00, al numero fisso o mobile comunicato dal cittadino al momento della prenotazione. In caso di mancata risposta, il sistema tornerà a chiamare in altri orari o nella giornata successiva.

Qualora il cittadino non dovesse mai rispondere, la prenotazione si intenderà confermata. Le prestazioni per le quali è stato attivato il servizio di recall automatico sono quelle individuate come “critiche” dal Piano per l’abbattimento delle liste: visite specialistiche per le quali sono più lunghi i tempi di attesa.
Cardiologia, oculistica, dermatologia, angiochirurgia, radiologia, ginecologia, ortodonzia e gastroenterologia sono le branche che per numero di prenotazioni interessano maggiormente il distretto 15, quello del XV Municipio.

Un sistema questo che se dovesse dare buoni risultati sarà utile anche a non incorrere in sanzioni amministrative previste dalle disposizioni vigenti; il cittadino che non si dovesse presentare all’appuntamento per una prestazione specialistica senza averlo annullato con almeno 48 ore di anticipo dovrà comunque pagare il ticket.

Dell’iniziativa in corso sono stati chiaramente informati tutti gli specialisti e gli operatori dei poliambulatori e delle strutture ospedaliere perché garantiscano la massima collaborazione e disponibilità.

Un servizio utile alla cittadinanza quindi; se le liste di attesa rimangono lunghe si sta cercando almeno di mantenere l’ordine evitando ulteriori rallentamenti.

Valentina Ciaccio

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome