Home ATTUALITÀ Venerdì stop le dispari, sabato le pari: di nuovo targhe alterne

Venerdì stop le dispari, sabato le pari: di nuovo targhe alterne

targhe-alterne-roma240.jpgNon si allenta la presa delle polveri sottili nell’aria della capitale e così oltre al blocco dei veicoli inquinanti, venerdì e sabato scattano le targhe alterne. Il 4 dicembre (venerdì nero, essendo previsto anche uno sciopero Atac di 4 ore) si fermano i veicoli con l’ultimo numero della targa dispari, il giorno dopo lo stop sarà per le pari. Lo ha stabilito il Commissario Straordinario prefetto Tronca.

Il divieto nelle due giornate di venerdì e sabato sarà dalle 7,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 20,30. Si fermano anche gli Euro 5, ma potranno circolare le categorie di veicoli meno inquinanti: a metano, gpl, ibride, Euro 6 e ciclomotori due ruote quattro tempi Euro 2 e motocicli quattro tempi Euro 3.

In contemporanea con le targhe alterne, sarà in vigore dalle 7,30 alle 20,30 anche lo stop per i veicoli più inquinanti all’interno della Fascia Verde, senza distinzione di targa. Come già previsto per la giornata odierna, si fermeranno autoveicoli a benzina “euro 0”, “euro 1”; autoveicoli diesel “euro 0”, “euro 1” e “euro 2”; motoveicoli e ciclomotori a due, tre, quattro ruote a 2 e 4 tempi “euro 0” e “euro 1”; microcar diesel “euro 0” e “euro 1”.

Nel frattempo si avvicina il 15 dicembre, giorno in cui i divieti saranno ancora più rigidi.

Dal 15 dicembre il divieto di circolazione per i veicoli più inquinanti all’interno della Fascia Verde diventerà infatti definitivo dal lunedì al venerdì (festivi esclusi) per tutto il giorno. A deciderlo il commissario Tronca, che ha firmato la delibera con la quale si adotta quanto previsto dal nuovo Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU).

Il provvedimento, già valido nella cintura più ristretta denominata “Anello Ferroviario”, interesserà: gli autoveicoli a benzina Euro 0, Euro 1 e i diesel fino a Euro 2; i motoveicoli e i ciclomotori a due, tre, quattro ruote a 2 e 4 tempi Euro 0 e Euro 1; le microcar diesel Euro 0 ed Euro 1.

“Il Commissario Straordinario di Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca – si legge in una nota del Campidoglio – ha firmato la deliberazione che dà attuazione agli interventi per la qualità dell’aria previsti per la “Fascia Verde” – la più estesa d’Italia, con oltre 150 chilometri quadrati di territorio sottoposto a salvaguardia ambientale – contenuti nel Piano Generale del Traffico Urbano (PGTU). È questo il provvedimento che dà l’avvio all’applicazione del PGTU approvato con Deliberazione di Assemblea Capitolina n.21 del 16 aprile 2015.

La delibera – prosegue la nota – istituisce una nuova zona a traffico limitato chiamata “Fascia Verde”, che va a includere le Z.T.L. già esistenti “Città Storica” e “Anello Ferroviario”, all’interno della quale si stabilisce, a partire dal 15 dicembre prossimo, il divieto permanente di accesso e circolazione per i veicoli più inquinanti che appartengono alle categorie Pre-Euro1 (cd Euro 0). Il divieto è valido dal lunedì al venerdì, esclusi sabato, domenica e festivi anche infrasettimanali.

Inoltre, sempre a partire dal 15 dicembre 2015 e in questo caso fino al 31 marzo 2016 (dal lunedì al venerdì, con esclusione del sabato, della domenica e dei giorni festivi infrasettimanali) all’interno della Z.T.L. “Fascia Verde”, lo stop all’accesso e alla circolazione riguarderà anche i veicoli a benzina EURO1 e diesel EURO1 e EURO2. Il divieto, come prevede il PGTU, diverrà permanente a partire dal novembre 2016.
La delibera prevede, però, delle deroghe per alcune categorie di veicoli (ad esempio, invalidi, mezzi delle Forze dell’Ordine, AMA, etc.)”.

Il provvedimento firmato da Tronca, infine, modifica anche il perimetro dell’Anello Ferroviario, che sempre dal 15 dicembre includerà il comprensorio “Prato della Signora”.

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome