Home AMBIENTE Inviolatella, Tomba di Nerone, Papacci: la triplice alleanza del degrado

Inviolatella, Tomba di Nerone, Papacci: la triplice alleanza del degrado

parchi240.jpgChe spettacolo desolante vedere i parchi di Roma Nord abbandonati fra sporcizia, degrado e zero manutenzione. Lungo la Cassia, da Corso Francia al GRA, affacciano ben quattro parchi ma solo l’ultimo arrivato, il Parco Volusia, si presenta in condizioni accettabili perché aperto da pochi giorni. E gli altri tre?

All’Inviolatella col machete

Il Parco dell’Inviolatella Borghese è aperto appena da un anno eppure sembra una foresta equatoriale; la vegetazione è cresciuta a dismisura e rende persino difficile l’accesso. Già lo rendeva ai tempi della nostra denuncia dello scorso giugno (leggi qui), figurati oggi.

L’erba altissima ha ricoperto i tavoli, le panchine e gli attrezzi del “percorso vita” risparmiando solo un misero sentierino utilizzato prevalentemente da canari (i cani, si sa, non ci fanno caso a queste cose).

I cestini tracimano rifiuti e sacchetti contenenti feci; la strada di accesso, consortile e con l’obbligo per il Comune di contribuire alla manutenzione, sembra la Trans-Amazzonica.

parchi4701.jpg

L’area naturale, quella che fiancheggia sulla sinistra Via dell’Inviolatella Borghese, ospita da un paio di anni, all’interno di un valloncello, una piccola comunità di romeni. Sfrattati già due volte sono puntualmente ritornati; a loro merito va detto che fanno la raccolta differenziata: da una parte quanto preso dai cassonetti, dall’altra le loro feci.

A Tomba di Nerone con la mascherina

I giardini di Tomba di Nerone sono un vero e proprio schifo grazie al contributo di un gruppo di senza-tetto che ci bivaccano tutto l’anno; qui oltre alle erbacce, ai rifiuti, alle bottiglie di vino e birra, c’è anche un’aria maleodorante dovuto al fatto che prati e aiuole servono da latrina.

parchi4702.jpg

Tutto questo nonostante la presenza di un’area giochi frequentata dai bambini della zona. All’interno dei giardini, il bel monumento funebre a Vibio Mariano (già deturpato nel passato), è, con i suoi cipressi rinsecchiti e una tabella illeggibile e scarabocchiata un vero e proprio “monumento” al degrado.

parchi4703.jpg

Da anni dalle istituzioni arrivano messaggi che parlano di imminenti lavori di sistemazione ma quando si arriva al dunque….

Una bottiglieria nel Papacci

Se nel Parco della Pace, più comunemente Parco Papacci, di via di Grottarossa si decidesse un giorno di raccogliere tutte le bottiglie vuote il Comune potrebbe aprirci benissimo una grande bottiglieria. Ma non solo, danneggiati i giochi dei bambini, imbrattati i muri, danneggiate le reti di protezione dell’area cani il parco dà ospitalità nei fine settimana a rumorose comunità di extracomunitari che usano i prati come dei grandi barbecue.

parchi4704.jpg

Finito? Ancora no, perchè l’ingresso della Via Veientana sembra la succursale della discarica di Malagrotta nonostante la presenza di un’area archeologica e di un fosso che attraversa campagne coltivate.

Ma la cosa più incredibile è la presenza all’interno del parco di una mini favela composta da due o tre baracche nascoste dagli alberi ma facilmente individuabili dal sentiero di accesso. Come dirimpettaio la favela ha un piccolo dormitorio realizzato al di sopra di un grande tombino.

parchi4705.jpg

Ve le immaginate delle baracche all’interno del Central Park?

Lo stato di degrado dei parchi di Roma Nord conferma l’indifferenza – o mala gestione? – da parte dell’amministrazione capitolina. Ora però la cura del verde di quartiere sta per essere decentrata ai municipi. Cambierà qualcosa nei parchi della Cassia quando a doversene occupare sarà il XV e non più il Campidoglio? Ai posteri, come si suol dire, la sentenza.

Francesco Gargaglia

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. che vergogna, per l’inviolatella servirebbero assolutamente l’ingresso da via fabbroni con il ponticello e l’illuminazione notturna e serale . unico modo per salvaguardare e rendere partecipi noi cittadini quotidianamente oltre alla manutenzione che dovrebbe esser effettuata sempre!

  2. ora quando? quando ci sarà il decentramento? con la città metropolitana? allora ci vorranno anni…e poi il municipio ha le competenze, le risorse e la motivazione ad occuparsene?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome