Home ATTUALITÀ Roma Nord, un passo avanti sul problema acqua all’arsenico

Roma Nord, un passo avanti sul problema acqua all’arsenico

rubinetto240.jpgUn comunicato del Dipartimento Sviluppo, Infrastrutture, Manutenzione Urbana dell’Assessorato ai Lavori Pubblici capitolino informa l’azione di risanamento degli acquedotti dell’Agenzia Regionale Arsial, inquinati dall’arsenico, che ha coinvolto alcune centinaia di utenze a Roma Nord, sta procedendo verso la conclusione.

Con un’ordinanza firmata dal Sindaco di Roma dopo l’esito positivo delle analisi, sono state sbloccate le utenze, circa 60, servite dall’acquedotto ‘Brandosa’. Nei mesi scorsi, sempre in seguito alla verifica positiva delle azioni di risanamento, erano stati sbloccati gli acquedotti di ‘Monte Oliviero’, ‘Piansaccoccia’, ‘S.Maria di Galeria’ e ‘Camuccini’.

Nulla di fatto invece per le circa duecento famiglie residenti nella zona Casaccia-S.Brigida per le quali fino al 31 dicembre 2015 resta in vigore il divieto di utilizzo dell’acqua per consumi umani. Residenti in difesa dei quali lo scorso luglio è sceso in campo il Movimento Difesa del Cittadino, sede di Roma Nord, che ha diffidato tutti i soggetti interessati dichiarandosi pronto ad avviare un’azione di risarcimento di tutti i danni fisici e morali subiti dalla popolazione residente (leggi qui).

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome