Home ATTUALITÀ Spunta un’antenna anche a Corso Francia

Spunta un’antenna anche a Corso Francia

stazradiobase.jpgNon si è ancora placata l’eco della polemica sulla finta canna fumaria di via Leonessa a Tomba di Nerone. A Valle Muricana sono ancora sul piede di guerra. In via Galli, a La Giustiniana, pende ancora la minaccia. Sono solo tre dei tanti casi che riguardano il XV ai quali ora se ne aggiunge un altro fresco fresco.

Nel grande bailamme del prolifico fenomeno delle antenne telefoniche nel XV Municipio ecco affacciarsene una nuova, targata anche questa volta Vodafone Omnitel che ha comunicato la sua volontà di installare una stazione radio base a Corso di Francia, all’altezza dei civici da 118 a 124, angolo Via Flaminia 573 A/Q.
Al di là dei riferimenti toponomastici, si tratta del palazzo d’angolo, dove c’è un supermercato, un punto vendita di una grande catena di abbigliamento e alcuni locali d’intrattenimento e sul cui tetto c’è già un’antenna. A poca distanza, una scuola con centinaia di alunni.

Localizzato il punto torniamo alla notizia.

L’avviso di questa nuova installazione è stato pubblicato su sito del XV Municipio in data 14 luglio. Una data da tenere bene a mente perchè è da martedì 14 luglio che decorrono i 90 giorni per presentare opposizione. Decorso tale termine, in assenza di motivate opposizioni, La Vodafone – dice il sito del XV – procederà con i lavori.
Peccato – ma questo il sito non lo dice – che il nuovo regolamento emanato dal Campidoglio preveda il co-site, la condivisione di più gestori su un’unica stazione radio.

Chi vuole opporsi all’installazione sappia dunque che potrà presentare ricorso al XV Municipio entro il novantesimo giorno dal 14 luglio e che per motivarlo dovrà ovviamente prima prendere visione della relazione tecnica e del progetto. Dove sono questi documenti?

La relazione tecnica è depositata all’Ufficio Tecnico del XV Municipio, via Flaminia 872, e può essere visionata il martedì e il giovedì dalle 9 alle 12 e il giovedì anche dalle 14 alle 16.

Per leggere il progetto occorre invece andare al Dipartimento Programmazione ed Attuazione Urbanistica (U.O. Coordinamento Permessi a Costruire e Vigilanza Servizio Autorizzazioni Telefonia Mobile) ubicato all’Eur, in via Civiltà del Lavoro 10, dove si viene ricevuti solo il lunedì ed il giovedì dalle 9 alle 12.

Sembra il gioco dell’oca e invece è burocrazia capitolina. Si parla tanto di semplificazione ma nei fatti si complica la vita ai cittadini: impossibile capire perchè l’intero fascicolo non possa essere solo nel Municipio di riferimento. E’ oltre un anno che lo andiamo chiedendo ma nessuno risponde.

Che fare delle antenne?

Nel frattempo, alla luce del nuovo regolamento varato dal Campidoglio lo scorso maggio, c’è chi in XV Municipio si pone la domanda: che fare delle antenne?

Si tratta della consigliera M5S Teresa Zotta che martedì 21 luglio ha presentato una interrogazione al Presidente del Municipio, Daniele Torquati, per conoscere lo stato di verifica e di rimozione di antenne già ubicate o in via di installazione nel Municipio.

“Con la delibera n° 26 approvata dall’Assemblea Capitolina del 14 maggio 2015  – si legge nel documento – si regolamenta in merito alla localizzazione e installazione di impianti di telefonia mobile, prevedendone il divieto di installazione e lì dove già presenti , l’immediata rimozione – in prossimità di ospedali, orfanatrofi, scuole, centri sportivi, case di cura, asili nido. Noi vogliamo sapere se il Municipio ha provveduto a ordinare la rimozione di antenne ubicate in prossimità di luoghi sensibili; se è intervenuto con provvedimento specifico a vietarne l’installazione; se ha provveduto all’annullamento o alla revoca di autorizzazioni non conformi al regolamento citato.
Il M5S del Municipio XV – conclude Zotta – confida in una sollecita risposta, dato l’interesse e la preoccupazione per la salute manifestato in più circostanze dai cittadini.”

Fabrizio Azzali

Visita la nostra pagina di Facebook

7 COMMENTI

  1. A proposito di questo tema “caldissimo” da tutti i punti di vista (non ultimo anche quello determinante della “immagine di città”), si segnala – ahimè con colpevole ritardo – la assurda presenza di una di queste mostruose antenne sulla terrazza condominiale di uno degli ultimi palazzi di via Cassia, tratto Piazzale Ponte Milvio – Piazza Giochi Delfici (sulla sinistra salendo verso Giochi Delfici), il cui “cono” investe totalmente il sottostante edificio del Liceo Farnesina, naturalmente frequentato da un numero cospicuo di studenti e insegnanti.

    Il Comitato Abitare Ponte Milvio si farà promotore di una specifica interrogazione sulla situazione indirizzata agli Uffici competenti e al Presidente di Giunta del XV Municipio.

    Paolo Salonia, Portavoce del Comitato Abitare Ponte Milvio

  2. Buongiorno,
    chiedo al Comitato di Quartiere del Fleming se è possibile fare un’azione collettiva per opporsi a tale installazione. Io andrò personalmente in municipio a cercare di visionare gli atti e a fare opposizione però da sola temo di poter fare poco se invece facciamo una raccolta firme forse qualche speranza in più potremmo avercela. Che dite?
    Grazie

    Silvia Fedeli

  3. a me sembra assurdo nel 2015 che ci siano ancora tutte queste antenne e mi chiedo perche all’estero non ce ne sono cosi tante? i tetti di roma son pieni di antenne molte morte e nessun condominio vuole levarle anche se c’è la centralizzata, doveva entrare in vigore una legge ma poi? boh…uno scempio

  4. Sto prendendo contatti con il comitato di quartiere per capire come si può fare. Ho anche cercato di parlare con le suore dell’istituto Gesù e Maria (secondo me fortemente impattato) ma per ora non mi hanno dato molto retta ma riproverò. Se sei interessato ti aggiornerò.

  5. E non c’è solo il Gesù Maria. La Ferrante Aporti e il Farnesina sono ugualmente vicini, anzi probabilmente gli edifici scolastici sono più vicini all’antenna di quelli dell’istituto paritario.
    E subito dietro, su via Tiberio, c’è una clinica.
    Mentre dall’altra parte di Corso Francia, zona via dei Fabi, dovrebbe esserci un asilo.

    Poi, una domanda probabilmente banale: Vodafone in zona non prende? A me sembra che problemi di connessione non ci siano con nessun operatore telefonico. Se così fosse, quale sarebbe il motivo di una nuova antenna?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome