Home ATTUALITÀ In bici senza freni al Foro Italico. Il 20 giugno si confida...

In bici senza freni al Foro Italico. Il 20 giugno si confida in bravura e dea bendata

fixie240.jpgL’augurio e la speranza è che non si faccia la fine di quel ragazzino in bicicletta che dopo esser passato tre volte davanti alla madre dicendole “mamma, guarda, guido senza mani!” alla quarta urlò “mamma, guarda, sono senza denti!”. La Urbe Criterium Race, organizzata dalla Federciclismo e dal Coni che si gareggerà allo stadio dei Marmi e nell’area del Foro Italico, è una corsa underground che per la seconda volta va in scena a Roma (dopo l’esperienza dello scorso anno, location Villa Borghese) con una specifica particolare per le due ruote: niente freni.
L’oggetto delle peripezie si chiama “fixie bike”, e a dirla tutta oltre ai freni mancano anche le luci. Poco importa se si corre in notturna – lo spettacolo è previsto il 20 giugno: alle 17 via alle qualificazioni, poi alle 20 spazio alle finali femminile e maschile della specialità – visto e considerato che i cinquanta temerari che partecipano alla tappa capitolina (compreso il campione in carica della specialità) hanno “pelo sullo stomaco” e sono ormai abituati a correre in condizioni estreme, poco consuete per il resto dei ciclisti del pianeta.

La sensazione? Si sta arrovesciando il mondo e quelle che una volta venivano considerate corse “clandestine” ormai sono sulla bocca di tutti, applaudite, sponsorizzate e patrocinate.

E di questo passo “clandestini” rischiano di diventare i ciclisti della domenica, che gli automobilisti più irascibili definiscono con disprezzo “quelli che vogliono salvare il mondo”. Scommettiamo?

Moremassi

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome