Home ATTUALITÀ Nasce adesivileaks per combattere le affissioni abusive

Nasce adesivileaks per combattere le affissioni abusive

adesivi-abusivi.jpgAdesivileaks, il nome è tutto un programma. Si tratta di una nuova iniziativa, nata col beneplacito del Campidoglio e realizzata da alcuni blogger romani con Retake Roma, che si prefigge l’obiettivo di combattere il degrado urbano derivante dalle affissioni abusive di adesivi, manifesti e locandine su muri, serrande, pali, cassonetti, insomma ovunque non si possa e non si debba fare.

Grazie al sito www.adesivileaks.com chiunque potrà segnalare singoli episodi di questo malcostume che affligge la nostra città. I creatori del sito si occuperanno di aggregare le segnalazioni e inviarle alla Polizia Locale della capitale che rintraccerà i responsabili. Poi, attraverso un protocollo firmato dal Campidoglio, l’Agenzia per la Mobilità, Atac, Ama e Acea, si porteranno avanti azioni legali per chiedere il risarcimento danni ai responsabili degli abusi.

Gli adesivi abusivi sono infatti un reato punito ai sensi dell’art.663 del codice penale e costituiscono una distorsione della leale concorrenza, danneggiando le imprese che agiscono secondo legge.
Un’ottima iniziativa quindi, per avvalersi della quale è sufficiente cliccare qui: www.adesivileaks.com

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. Non ho trovato la possibilità di inserire automaticamente il luogo dove è stato evixenziata l’affissne. Sarebbe comodo.

    Sarebbe poi meglio poter inviare una foto invece di riempire tutti i campi.

  2. Iniziativa lodevole ma realizzata con metodi antediluviani. Per queste cose al giorno d’oggi c’è watsapp, twitter o una app dedicata.

  3. L’app con la foto geolocalizzata sarebbe stata molto piu semplice e carina ma noi qui abbiamo bisogno di tabelle che dialogano con altre tabelle … Ecco perchè è stata sviluppata così

  4. Bravissimi !!! speriamo che la polizia municipale faccia la propria parte bloccando le utenze dei cellulari pubblicizzati (unico modo per stroncare questo sistema, le sanzioni non funzionerebbero).

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome