Home ATTUALITÀ L’evento dell’anno a Ponte Milvio

L’evento dell’anno a Ponte Milvio

mostra240.jpgLa mostra dei Cento Pittori di via Margutta, da giovedì 26 a domenica 29 marzo, è senza dubbio l’evento dell’anno a Ponte Milvio, area troppo nota per la movida o per gli scontri fra tifosi e poco per la sua vocazione a salotto della cultura. Un salotto martoriato che saprà riscattarsi in questa occasione.

Tutto pronto

Nella giornata di mercoledì è iniziata l’installazione delle strutture espositive sull’area destra della piazza, quella della farmacia, dove la mostra si snoderà lungo il tracciato dell’ampio marciapiede e dove troveranno posto gli ottanta espositori con le loro tremila opere.
Nel frattempo anche tutti i locali antistanti si stanno attrezzando per far fronte all’evento la cui inaugurazione si terrà nel pomeriggio di giovedì 26.

Perchè proprio su quel lato della piazza? Lo chiediamo ad Alberto Vespaziani, Presidente dell’Associazione Cento Pittori via Margutta, che così risponde a VignaClaraBlog.it: “ci sarebbe piaciuto molto esporre le opere dei nostri artisti proprio sul Ponte, sarebbe stato un bel modo di onorare la sua storia. Ma i nostri cavalletti e ombrelloni sarebbero stati alla mercé di un eventuale maltempo o del vento e in ogni caso la Sovrintendenza Comunale avrebbe posto difficoltà. Ma anche il marciapiede va bene, è largo e spazioso.”

L’associazione infatti, con la forza della sua compagine, ha creato una struttura espositiva composta da cavalletti metallici sormontati da ombrelloni che rappresentano la caratteristica peculiare delle sue manifestazioni. Ma non solo, c’è anche da dire che tutte le spese inerenti l’organizzazione, le strutture, l’impianto elettrico, l’energia, la pubblicità sono a completo carico degli associati.

E come mai la scelta di Ponte Milvio?La nostra è una mostra itinerante, oltre all’appuntamento classico in via Margutta cerchiamo di portare la cultura e l’arte sotto casa dei romani. Vogliamo essere un veicolo culturale, ed è per questo che abbiamo scelto la piazza di Ponte Milvio, luogo d’incontro e simbolo di Roma Nord, dove siamo certi che i nostri ottanta artisti riceveranno una buona accoglienza“.
E per sapere chi sono basta cliccare qui

Sono previsti eventi collaterali, musica, reading… ?No – ci risponde Vespaziani – il nostro evento è chiuso in sé stesso. Le opere sono a disposizione degli occhi e del cuore dei visitatori, gli artisti saranno pronti a intrattenere i passanti e a parlare delle ultime esperienze artistiche e sulle nuove tecniche compositive. Nella nostra mostra ci si nutre di arte e si parla di arte.”

Soddisfatti in XV

Siamo molto soddisfatti di poter ospitare nel nostro territorio una storica iniziativa culturale della città di Roma. Per quattro giorni, dalle 10 alle 22, verranno esposte più di 3mila opere a cui si potrà accedere gratuitamente e il piazzale di Ponte Milvio sarà il palcoscenico che ospiterà le tele dei più importanti artisti romani.” A dichiararlo sono Daniele Torquati e Alessandro Cozza, presidente e vice presidente del XV Municipio del cui patrocinio si fregia la manifestazione.

E’ molto importante – aggiungono – che un evento come questo sia arrivato in un quartiere che troppo spesso appare sui media esclusivamente per la movida notturna o per le partite calcistiche. Ringraziamo quindi il Presidente dell’Associazione, Alberto Vespaziani, e tutti gli Artisti“.

Ponte Milvio non è solo movida

Abbiamo poi raggiunto telefonicamente Alessandro Cozza che oltre a vicepresidente è anche assessore alla cultura del XV e promotore di altre iniziative.
Abbiamo sempre detto che avremmo voluto lanciare un segnale forte di inversione di tendenza a Ponte Milvio e così stiamo facendo” afferma rispondendo alla nostra domanda se questo evento è da considerarsi un caso isolato o il primo di tanti altri.

L’esperimento dell’iniziativa che ci ha fatto assistere ad interessantissime presentazioni di libri, “Libri a mollo”, che riprenderà a breve e l’arrivo di questa eccezionale kermesse culturale che invaderà la piazza con i suoi colori sono solo i primi segnali. Non è nostra intenzione reprimere o bollare il fenomeno della movida come fenomeno esclusivamente negativo ma lo vogliamo gestire e governare d’intesa con i residenti ed il comitato di quartiere lanciando un messaggio importante: Ponte Milvio non è solo movida e disordine pubblico, Ponte Milvio – conclude Cozza – è anche, anzi sopratutto, socializzazione e cultura.”

Un po’ di storia

La tradizionale mostra di Via Margutta è nata nel lontano autunno del 1953, per iniziativa spontanea di alcuni pittori che nell’immediato dopoguerra si riunirono e decisero di dar vita e colore ad una strada che da sempre era stata il rifugio naturale di pittori, scultori, poeti, musicisti ed artigiani.

Nel 1969 si è poi costituita l’attuale “Associazione Cento Pittori via Margutta” con un regolamento ed uno statuto che ricalca idealmente lo spirito che animò i precursori della mostra di strada. Infatti lo Statuto dice che l’Associazione non ha fini di lucro, è indipendente da partiti politici e che i suoi scopi sono promuovere un dialogo cosciente tra l’artista ed il pubblico e sensibilizzare e catalizzare l’opinione pubblica all’opera di artisti che, accanto ai maestri contemporanei, stanno proponendo la loro maturità professionale ciascuno con un proprio linguaggio espressivo, una propria tecnica, un proprio messaggio.

Claudio Cafasso
riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

AGGIORNAMENTO: L’inaugurazione, le foto della mostra e altro ancora, clicca qui

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome