Home ATTUALITÀ XV Municipio, Torquati-Paccione: “Più forze dell’ordine nelle periferie”

XV Municipio, Torquati-Paccione: “Più forze dell’ordine nelle periferie”

torquati-paccione.jpg“Esprimiamo soddisfazione per quanto deciso stamattina nella riunione del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, che ha visto riunirsi il sindaco Marino, il prefetto Pecoraro, il questore D’Angelo e il ministro dell’Interno Alfano.” Così in una nota Daniele Torquati Presidente del XV Municipio, e Marco Paccione Capogruppo PD.

“L’arrivo di 500 militari per presidiare il centro della città permetterà di redistribuire il numero delle forze dell’ordine, consentendo di aumentare la presenza nelle periferie. Non possiamo che manifestare tutto il nostro gradimento per quanto stabilito, è stato ascoltato il nostro appello, che va nella direzione di quanto richiesto anche dal Sindaco Marino, e da oggi – concludono – sarà di fondamentale importanza continuare a lavorare con la massima attenzione affinché le periferie possano godere della stessa sicurezza e considerazione delle zone più centrali”.

Visita la nostra pagina di Facebook

12 COMMENTI

  1. VERGOGNA! Quando nel 2008 fu approvato il decreto che prevedeva l’impiego dei militari nelle città fu proprio la sinistra ad opporsi….si parlò di militarizzazione delle città…Rifondazione ne chiese il ritiro…i comunisti evocarono un clima alla Pinochet..perfino il Sindacato di Polizia si oppose. Ora, dal momento che i militari costano poco e ci coprono le spalle, tutti soddisfatti. Grande coerenza della sinistra!!

  2. Perché solo la periferia? Qui a vigna clara è un susseguirsi di furti in appartamenti furti di borse e gente strana che gira indisturbata.

    @strix. Ma i militari non sono di carriera?

  3. DECRETO DEL GIUGNO 2008 – LA POSIZIONE (ALLORA) DEL P.D.
    “…ma il ministro ombra della Difesa del Pd, Roberta Pinotti, avverte: “Se si pensa di utilizzare l’esercito per funzioni di ordine pubblico e di sicurezza, noi non possiamo che ribadire il nostro fermo no”.
    “….è una misura d’immagine – dice il ministro dell’Interno del governo ombra del Pd, Marco Minniti – che rischia di produrre l’effetto opposto e cioè quello di un paese in una grave e incontrollata emergenza sicurezza”.
    COMPLIMENTI !!!!

  4. E allora? cosa vuole dimostrare ? i tempi cambiano sono passati cinque anni ! Vuole dimostrare che sono incoerenti ? ma si figuri quanto gliene importa agli italiani che sono incoerenti, l’importante è che fanno le cose giuste al momento giusto !

  5. @Prof.Vigna: e che vuol dire che sono di carriera (volontari!)?
    @Cesare: i tempi cambiano? fanno le cose giuste? Un par di balle! Forse agli italiani non importa che i “tipi sinistri” siano oltre che sinistri anche incoerenti ma a chi è abituato ad usare la propria testa, interessa eccome!
    Questo ridicolo trionfalismo la dice lunga sulla scarsa serietà di questa gente abituata a paventare pericoli inesistenti quando gli fa comodo e dimenticare con grande fretta le posizioni sostenute nel passato.
    Peraltro che vuole sostenere Sig, Cesare che oggi è tempo di “militarizzare le citta”? o che forse siamo in un paese “in grave e incontrollata emergenza sicurezza”?
    La realtà è che si tratta di una sinistra di una incoerenza vergognosa!

  6. Ma cosa c’entrano quelli che amministrano oggi il municipio, nel 2015, con i parlamentari che nel 2008, quindi 7 anni fa, dicevano quelle cose? Come si fa a parlare di incoerenza? ma che commento è?

  7. Ce lo dovresti spiegare tu che razza di commento è il tuo dal momento che ne abbiamo piene le scatole del sistema dei 2 pesi-2 misure; se a rubare sono i consiglieri regionali PD vale la presunzione di innocenza, se a farlo è un sindaco è solo una mela marcia, se si applica la Legge Severino con un PD è una legge sbagliata, se a voler impiegare i militari è LaRussa allora si tratta di “militarizzazione”………anche se a pensarci bene, in effetti, questi che c’entrano? mica sono di sinistra…….

  8. Mi permetterei di aggiungere (se proprio vogliamo parlare di sicurezza) che le vittime sulla strada a Roma, superano in numero qualsiasi altro tipo di dramma, compreso il terrorismo, diffuso a famiglie intere ed amici.. Tutto sfugge però, come il tempo e l’icredibile quantità di automobilisti che guidano con il cellulare in mano e pedoni (mai sanzionati) che attraversano qualsiasi strada pur avendo le zebre a 3 o 4 metri di distanza. La sicurezza è anche sanzionare sempre, non il far finta di non vedere.

  9. Prof. Vigna essere di “carriera” come li chiama lei vuol dire solo che sono in servizio permanente effettivo, niente a che vedere con le caratteristiche di impiego. Detto questo, non è che si può pensare solo ad aumentare gli addetti, ma è indispensabile fare un progetto politico che consenta di rimpatriare tutti i non cittadini italiani, comunitari e non, che non abbiano un reddito e una fissa dimora, così poi possiamo dedicarci agli “sfaccendati” nostrani, sfrondati di un buon 50%.

  10. Questi batti e becchi tra di voi cari signori non servono a nulla sono chiacchiere inutili , il problema e’molto piu’serio…..e incolpare e’semplice …..non vi scervellate …….

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome