Home ATTUALITÀ Vigna Clara, Paccione (PD): “Via del Podismo, grazie alle Forze dell’Ordine ma...

Vigna Clara, Paccione (PD): “Via del Podismo, grazie alle Forze dell’Ordine ma necessario accelerare bando”

paccione3.jpgA margine del tentativo di ocupazione dell’edificio di via del Podismo, avvenuto questa mattina a Vigna Clara, una sollecitazione a destinarlo ad uso pubblico, in linea con quanto deciso dal Consiglio del XV Municipio nel lontano dicembre 2013, arriva da Marco Paccione, capogruppo PD, che in una nota così dichiara.

“Vorrei ringraziare la Polizia di Stato e il XV Gruppo di Polizia Locale per il tempestivo e fondamentale intervento che ha permesso di sventare il tentativo di occupazione dell’edificio di Via del Podismo (ndr: leggi qui). Questo però deve farci capire che il tempo per la pubblicazione del bando per assegnare l’immobile, di proprietà del Municipio, è ampiamente esaurito e voglio per questo sollecitare il Presidente Torquati ad attivarsi per provvedere in tal senso nel più breve tempo possibile, così da evitare futuri tentativi di occupazione e, vista l’importanza della struttura, poter fornire ai cittadini ulteriori servizi sul territorio.”

© RIPRODUZIONE RISERVATA

79 COMMENTI

  1. Paccione, ma…tra voi della maggioranza vi parlate via comunicato?

    Ad ogni buon conto, riferendomi alle sue riflessioni quasi banali (“Questo però deve farci capire che il tempo per la pubblicazione del bando per assegnare l’immobile… è ampiamente esaurito”), che andrebbero più opportunamente fatte in “camera caritatis” e che invece rendete pubbliche, guardi che quando i cittadini invocano maggiore trasparenza da questa Amministrazione, intendono altro, eh!

  2. La nota del capogruppo PD ha dell’incredibile! Hanno la responsabilità della gestione di quell’edificio e non trovano di meglio che farsi dei “solleciti” come se fossero estranei alla faccenda. Questi signori dimenticano che quell’edificio non appartiene al Comune o al Municipio ma ai CITTADINI che lo hanno pagato con le loro tasse e che hanno tutto il diritto di vederlo custodito e utilizzato nel migliore dei modi.
    Dal momento che non siete stati in grado di gestirlo TASSATEVI e pagate con i soldi che prendete dai cittadini la sistemazione dell’edificio……..

  3. sono solo parole….i fatti stanno a zero….totale inattività concreta su tutta la linea..su questa vicenda come su tante altre…ma che fanno i politici tutto il giorno? come occupano il loro tempo?

  4. Rip.
    Volevo commentare questo ennesimo episodio, inevitabile quando non c’è “controllo del territorio”, iniziando con una breve premessa: per quattro anni, fino a ottobre 2013 nel manufatto di via del Podismo anni ha avuto sede lo sportello dell’Ufficio diritti degli animali del XV Municipio.
    E’ stato a mio avviso (nonostante le tutte buone intenzioni e le aspettative) un servizio carente, insoddisfacente e che non ha adempiuto alle aspettative che il Municipio si era prefisso. L’ho detto pubblicamente in Consiglio e ne ho chiesto la revoca della concessione.
    Ma è chiusa da più di un anno.
    Da allora, le solite promesse, gli impegni, le sensazionalistiche dichiarazioni che, attraverso un “concorso di idee” nelle scuole si sarebbe data una destinazione pubblica e, comunque, maggiore “dignità” alla casetta nel cuore di Vigna Clara, sono rimaste lettera morta.
    Il Presidente Torquati, a maggio, (2013) dichiarò: Via del Podismo, “Chiusa pagina vergognosa, la casetta torna ai cittadini” e,dopo essersi limitato a cambiare la serratura del cancello e ad una “romanella” del verde circostante, annunciò l’eccezionale notizia: “…abbiamo potuto finalmente riaprire la ‘Casetta’ di via del Podismo…siamo veramente soddisfatti di aver chiuso l’ennesima pagina vergognosa legata alla precedente amministrazione municipale. Ieri ci siamo riappropriati di un bene pubblico che, a differenza del passato, sarà affidato alla cittadinanza in maniera totalmente trasparente e con la massima pubblicità tramite un bando pubblico ed un concorso di idee…”
    Da allora è passato quasi un anno nel disinteresse, l’incuria e l’approssimazione, la casetta non ha avuto una sua destinazione e, come purtroppo spesso accade, i risultati sono questi.
    Ieri in capogruppo del PD – il partito alla guida del Municipio, del Comune, della Regione e del governo – si accorge (dopo un anno e solo dopo che qualcuno ha tentato di occuparla abusivamente) che “…il tempo per la pubblicazione del bando è ampiamente esaurito…” dimostrando, per l’ennesima volta, tutta la superficialità, il menefreghismo e l’incapacità di amministrare della maggioranza municipale.
    C’è un assessore con delega agli “interventi e progetti per il decoro urbano”, alla “rigenerazione e riqualificazione dell’edificato” e alle “politiche della programmazione e pianificazione del territorio e riqualificazione urbana”, il Presidente Torquati ha le deleghe alle “politiche del Patrimonio”…le scuse (almeno) sono d’obbligo….
    Marco Perina

  5. Ma se invece dei tardivi ed inutili “ringraziamenti alle forze dell’ordine” si fossero preoccupati della manutenzione dello stabile, non sarebbe stato meglio ?
    I tanto pubblicizzati “decoro days” perchè non farli in via del Podismo ?

  6. Perfetta la ricostruzione, ed anche il “mea culpa” dell’ex assessore Marco Perina.
    Son sicuro che se ci fosse stato lui tutto questo non sarebbe avvenuto.

    Per non parlare della Torretta Valdier anch’essa inutilizzata.

  7. Caro Presidente Torquati, Lei ha impiegato oltre un anno per riprendere possesso del fabbricato in questione poi lo ha lasciato per oltre un anno in stato di abbandono, a rischio atti vandalici (purtroppo accaduti) e a rischio occupazione. Tutto ciò è vergognoso ed è proprio ‘un’altra storia’ di degrado ed abbandono e trascuratezza di un bene pubblico!
    Distinti saluti.

  8. Sig. Perina i cittadini che pagano le tasse non sanno che farsene nè delle scuse di Torquati ne delle vostre giustificazioni; prima c’era un “servizio carente” (giunta di destra) poi c’è stato l’abbandono (giunta di sinistra) . Comportamenti inqualificabili allo stesso modo che denotano il disprezzo della politica per il bene pubblico e per i contribuenti. Meglio sarebbe stato lasciar entrare quei due senza-tetto con materassi al seguito…almeno il Municipio avrebbe fatto una buona azione. Voi amministratori pubblici venite pagati (poco o tanto non ha importanza) per fare il bene e l’interesse della comunità. In questa occasione e in altre avete dimostrato di non essere all’altezza. Quando uno sbaglia dovrebbe avere il coraggio, come disse Drieu LaRochelle, di esigere la morte”. Per LaRochelle quella fisica, per voi quella politica.

  9. Forse non tutti ricordano che , anni fa , quando venne abbattuto il ruudere al centro del giardinetto, noi residenti di via del Podismo e dintorni , ci opponemmo alla costruzione di un nuovo edificio, ma inutilmente. Il giardino venne deturpato da questa orribile costruzione che , tra l’altro, non costò poco. Dopodichè fummo costretti a batterci, a suon di petizioni, perchè la casetta in questione non diventasse un bar, un risorante, un luogo di feste per bambini, perchè a questo scopo era stata eretta per i volere dell’allora maggioranza. Insomma nata male, amministrata ancora peggio da tutte le coalizioni di ieri e oggi, questa casetta non s’aveva da fare…Non è necessario costruire su ogni centimetro quadrato di terreno, e i fatti lo dimostrano.

  10. Gentile Sig. Strix, le mie non sono giustificazioni, ma solo una ricostruzione dei fatti.
    Ognuno può fare le considerazioni che preferisce: per Lei sarebbe stato meglio farla occupare da extracomunitari, per me sarebbe stato meglio farne qualcosa di utile alla collettività.
    So riconoscere gli errori e non ho nessuna difficoltà ad ammetterli.
    p.s. non sono un amministratore pubblico.
    Un saluto, Marco Perina

  11. Gentile Sig. Perina, Lei non è un amministratore pubblico ma la Sua giunta in passato ha amministrato (?) la cosa pubblica……quanto al fatto che per Lei ” sarebbe stato meglio farne qualcosa di utile per la comunità” non mi venga a dire che “Lo Sportello per i Diritti degli Animali” era una cosa utile! Non fosse altro per la sproporzione tra i costi e benefici (4 anni di servizio carente- Sue parole- ma per accorgerVi che si trattava di un servizio carente quanti anni vi ci volevano, forse 40?).
    La realtà è che non c’è nessun rispetto per i cittadini e per i soldi che questi versano come contribuenti; le foto che mostrano l’edificio di Via del Podismo ridotto in quello stato sono uno scempio che grida vendetta……….come il centro anziani, la torretta Valadier, la sporcizia delle strade, i rifiuti nei parchi, gli ubriaconi nei giardini di Tomba di Nerone, la discarica a TdQ sul greto del fiume, il Tevere come una fogna, le strade sgangherate, i lampioni spenti……
    Mi chiedo che Ci state a fare..

  12. brava Camilla! il tutto era stato dato in concessione a una societa privata per farci un locale pubblico…la cittadinanza si oppose….e andò tutto a monte…

  13. Gentile Strix, le ripeto, lo “Sportello per i Diritti degli Animali” nelle intenzioni (ma purtroppo non nei fatti…) sarebbe potuto essere (condizionale) un servizio utile.
    Non capisco invece il suo ragionamento su “costi/benefici” in quanto il Municipio non ha sborsato nemmeno un euro per il servizio poiché l’affidamento non prevedeva alcun impegno economico a carico dell’Amministrazione (e, di conseguenza, per i contribuenti).
    Concordo con Lei sullo scempio dell’edificio dovuto ad incuria, al menefreghismo e alla totale assenza di controllo del territorio e del patrimonio pubblico.Ma per questo ritengo sappia con chi prendersela.
    Mi consenta una piccola nota in merito: per 20 anni di Giunte di centro-destra la Torretta Valadier è sempre stata aperta, ospitando – gratuitamente per gli espositori – mostre artistiche e la casetta di via del Podismo non era al degrado di oggi (nonostante un servizio carente).Un saluto, Marco Perina

  14. Gentile Perina, non è difficile capire la relazione costo/benefici: il costo è quello della realizzazione dell’edificio (pagato dai contribuenti) mentre il beneficio è quello dei “diritti degli animali”, ovvero NESSUN beneficio.
    Già di per se l’idea di uno “sportello per i diritti degli animali” sembra una comica se a questo aggiungiamo poi che neanche ha funzionato…..
    Ma la cosa che più sconvolge è che prima si costruisce un qualcosa e poi si cerca una destinazione….assurdo…..ma Lei a casa sua farebbe così?
    Quanto al fatto che la Torretta sia stata SEMPRE aperta non mi risulta: la si apriva solo in occasione di qualche mostra…..niente di più; però oggi dopo averla restaurata potremmo farci “LO SPORTELLO PER I DIRITTI DEI RATTI, GERMANI, CORMORANI E NUTRIE”; tenuto conto dello stato del Tevere mi sembra giusto tutelare la sua popolazione. Cordiali saluti, Strix.

  15. Marco Perina nella precedente amministrazione si è distinto solo per la crociata contro la riapertura della via cassia antica, in leggerissimo conflitto di interesse.
    Poi, politicamente travolto dal disastro della giunta Giacomini.

  16. …Perina invece di spiegare perche avete usato i soldi dei cittadini per costruire un qualcosa che non ha avuto nessuna utilita’….mi fa la lezioncina?

  17. Solidarietá a Marco Perina che ha sempre avuto una posizione molto netta su via del Podismo.
    Gli ultimi due attacchi strumentali verso di lui sono solo spiegabili solo con l’ansia di difendere Torquati e il PD, veramente indifendibili.
    Quell’ansia che nemmeno Paccione ha e di questo gliene va dato merito.
    Al contrario di ció che dici Diamante, fa bene il capogruppo PD a segnalare queste gravi disfunzioni. É l’onestá intellettuale va premiata, non certo censurata in modo bulgaro, anzi meglio, giacominiano.
    Mi piace sempre piú questo Paccione fuori dai diktat del partito.
    Mi piace sempre meno questo Presidente, sempre piú simile al suo predecessore, anzi … al suo precedessore … 😉
    G.Mori

  18. quindi ricapitolando il buon Perina si è mostrato:
    -) contrario all’apertura di via cassia antica
    -) tra i sostenitori della realizzazione della casetta di via del podismo per farci lo “Sportello per i Diritti degli Animali”….

    Due grandi iniziative per migliorare la vita del XV…. un grazie di cuore!

    PS e poi ci si chiede perchè la giunta Giacomini è caduta…

  19. Perchè strumentali, Mori ?
    Perina si è speso per mesi con manifestazioni, post sui blog ed altro per evitare la riapertura di via cassia antica che a sentire i comitati di via cortina d’ampezzo avrebbe causato il blocco totale della circolazione della zona.

    A parte il macroscopico conflitto di interesse che avrebbe spinto qualsiasi politico (tranne uno!) a farsi da parte, la storia ha poi raccontato una realtà completamente diversa con zero ingorghi e circolazione sempre fluida.
    Per il resto non ricordo altre iniziative di questo signore che hanno migliorato la vita di tutti i giorni dei suoi cittadini ed elettori.

    A dirla tutta Perina assomiglia molto a uno dei tanti professionisti della politica che albergano nelle nostra istituzioni. Di fatto (come scritto sul suo sito) sono 50 anni che vive di politica. Non sarebbe ora di riposarsi un po’ ?
    Saluti pensionistici

  20. Sig. Mori, la Sua solidarietà a M.Perina, mi sembra però non necessaria; nessuno ha attaccato “strumentalmente” il Sig. Perina; le obiezioni, lecite in regime di democrazia, riguardano un’opera costruita senza sapere che cosa farne e poi destinata ad un qualcosa di perfettamente inutile. Soldi del contribuente spesi male. Tenuto conto di quello che è il XV Municipio privo di centri di aggregazioni, di una biblioteca, di musei, di parchi degni di questo nome, di valide strutture di assistenza ad esempio per i senza tetto, mi sembra che quei soldi potevano essere usati in modo migliore. MI sono informato. La Torretta Valadier negli ultimi anni ha ospitato, è vero, numerose iniziative (mostre settimanali); ma questo non significa che il XV (ex XX) sia un modello di efficienza. Come detto in altre occasioni confermo la mia opinione sulla perfetta inutilità della componente politica; basta leggere il vs. regolamento per capirlo. 25 stipendi (più gettoni di presenza) per fare mozioni, decidere l’acquisto di una caldaia, pulire un giardino il sabato mattina, istituire un registro delle coppie di fatto e litigare sul nome da dare ad una via.
    Quanto al Capogruppo PD avrebbe fatto meglio, più che segnalare, ad andare a vedere cosa stava succedendo in Via del Podismo. Mi stia bene. Strix

  21. Calma ragazzi.
    Mi limito ad osservare che invece che raccogliere il grido di allarme di Paccione, vi limitate ad aggredire il Perina sulla questione della Cassia o della Torretta Valadier.
    Anche voi siete vittime del “maaltrismo” … ?
    Rispondete nel merito per favore.
    Paccione ha detto cose giuste o no?
    Il resto … è PD … (cioè niente …)
    G.Mori (FDI ROMA XV)

    PS: 25 stipendi più gettoni di presenza che vuole dire Strix … ?

  22. @G. Mori…. chi vanta successi inesistenti e che ha fallito su diversi temi non ha nessuna autorità per fare la predica, si metta da parte e faccia posto ad altre persone.
    Saluti.

  23. @Mori, se il PD è niente Fratelli di Italia che cosa è ? Salvini dalle nebbie come unica vostra prospettiva ? Auguri.

  24. Scusate, solo una domanda. La casetta di via del Podismo è ormai libera da un anno e mezzo. Ancora non si è stati in grado di preparare un bando per riassegnarla. Di chi è la responsabilità?

  25. Giorgio, ti ringrazio della “solidarietà”… (che parolone….) ma non penso sia così necessaria quando il tono delle discussioni diventa cosi poco appassionante e comunque sterile
    Invito i Sig,ri LucaV e Strix ad un confronto, ammesso che ne abbiamo voglia, (e che desiderino uscire dall’anonimato dei loro nickname) e sono pronto, come sempre, a confrontarmi su qualsiasi questione ritengano irrisolta.
    Se non si capisce che non è – e non sara mai – una “predica” evidenziare un problema (Casetta di Via del Podismo) e si cerca di mitigare la questione con altri argomenti per nulla pertinenti, poco approfonditi e pretestuosi, questo significa che quello che interessa non è l’argomento ma sempre e solo la solita diatriba politica.
    Marco Perina (cell. per LucaV & Strix 3356120700)

  26. Ha ragione Mori: calma ragazzi….e facciamo dei distinguo. Io non appartengo a nessuna parrocchia meno che mai a quella del PD i cui consiglieri regionali si sono distinti nello sport del PECULATO. Detto questo non c’è nessun grido di allarme da raccogliere: meglio avrebbe fatto Paccione, in questi 16 mesi, a controllare qual’èra lo stato di quelle quattro mura, come recita l’art. 7 del vs, regolamento. Quindi ha detto una cosa inutile e neppure giusta. Soddisfatto?
    Ora risponda Lei nel merito: si possono spendere dei soldi del contribuente per costruire un qualcosa senza sapere che farne e poi destinarla ad un iniziativa del tutto inutile?
    Concludo: che vuol dire 25 stipendi? Semplice: eliminiamo la componente politica di ogni municipio e con i soldi risparmiati cominciamo con il fare cose serie.

  27. @Marco Perina, molto apprezzato il gesto di lasciare il numero di telefono, per il resto inutile portare avanti la discussione.
    Spero vivamente che la politica si rinnovi, in ogni sua componente (qualcosa si sta già muovendo).
    Saluti.

    PS @Mori, uscite dal populismo dove vi siete infilati con Salvini…..

  28. il sig. Strix forse non sa che si sapeva bene cosa fare di quell edificio, doveva essere un locale pubblico, ma i comitati si opposero e si inventarono il centro di aiuto agli animali

  29. Sig. Perina, magari non se ne è accorto, ma il confronto già c’è; il fatto è che non potete pretendere, con la scusa del poco appassionato, sterile o poco pertinente, di gestirlo da “politici”. Ho fatto più commenti (l’ultimo alle 13,47) e in ognuno di questi ho chiesto se aveva senso aver speso dei soldi del contribuente in una cosa di cui non si sapeva che fare e che è stata affidata ad una iniziativa totalmente inutile. Ci girate intorno ma non vi decidete a rispondere.
    Grazie per il suo numero ma se volevo parlarle l’avrei chiamata. Quanto a quello che Lei definisce anonimato, non solo non è un reato ma l’uso di nickname è diffusissimo e accettato ovunque; è una scelta dettata da tanti motivi……se poi l’imbarazza scambiare commenti con un anonimo…..addio.

  30. @ Strix condivido la sua posizione riguardo la necessità di maggiore controllo delle “quattro mura” e rispondo nel merito: si informi meglio: la “casetta” non è stata costruita “ex novo” ma, dopo essere stata sgombrata da occupanti abusivi, ristrutturata mantenendo la medesima cubatura preesistente.
    Ritengo, ma è solo il mio modesto parere, che valorizzare ed aver cura del patrimonio (il contrario è, appunto, trascurare e disinteressarsi) sia un dovere di qualsiasi amministrazione, le tanto osannate “best pratices” che devono – o dovrebbero – coniugare controllo e cura del territorio con la valorizzazione della Cosa Pubblica.
    La concessione per tre anni del manufatto (precedentemente ristrutturato) allo Sportello per gli animali è stata una delusione non ho difficoltà ad ammetterlo.
    Ma cosa ben diversa è il degrado che, dopo due anni di incuria e disinteresse, offende il quartiere e depaupera un bene comune.

  31. Scusi Perina, ma se concordate con me sulla necessità del controllo e dite che l’incuria e il disinteresse offendono il quartiere etc……..come fate poi a parlare di “grido di allarme” e “onesta intellettuale” di Paccione…io al su posto l’edificio di Via del Podismo, dal momento che non si prendeva una decisione, sarei andato a controllarlo ogni notte! Ma ho anche un’altra domanda: CHI PAGHERA’ PER QUEI DANNI? FORSE CHI NON HA FATTO IL BANDO? O CHI NON HA DECISO? OPPURE CHI NON HA CONTROLLATO?…..Niente di tutto questo…..a pagare, al solito, saremo noi. Buona serata.

  32. Io abito lì vicino, sono un ex elettore pentito di Giacomini e un “futuro ex elettore pentitissimo” di torquati, tutto questo è veramente vergognoso !!!!
    Un fabbricato fatto male e costato tantissimo ma che purtroppo ci terremo perché raderlo al suolo ha un costo che sarebbe a mio avviso sciocco da sostenere dopo tutto quello speso per tirarlo su…
    Personalmente io a differenza di altri ci vedrei benissimo un bar (basta fare un chiaro e trasparente bando pubblico per non favorire i soliti noti) anche perché in 30/40 mq non credo ci si possa far molto altro…
    Tra l’altro a quel punto il giardino intorno sarebbe manutenuto e sorvegliato da chi prenderà questa concessione e magari quando parcheggio lì la sera oppure ci passo per portare fuori il cane … sarei decisamente più tranquillo… perché oggi fa abbastanza paura…
    che ne pensate ??

  33. @Giggi. era stato assegnato a una societa privata per fare un luogo pubblico si ritrovo, ma i residenti si sono opposti per il frastuono e il problem parcheggio

  34. @ Davide bisogna capire quali residenti e quanti residenti… io sono residente ad esempio e non solo non mi fu chiesto niente (poi quando venne chiesto chi lo sa ?) ma metto per scritto che voterei favorevole e avrei votato favorevolmente…
    Non me ne vogliate e non mi fraintendete, io sono contrario (ovviamente per quanto vale la mia personale opinione) a qualsiasi attività se non quelle CON fini di lucro in quel fabbricato altrimenti ci ritroveremo purtroppo entro breve tempo nella stessa situazione di oggi.
    Da una parte perché le no profit spesso purtroppo chiudono per mancanza di ovviamente di fondi o inerzia e in secondo luogo perché, ad un’associazione che in forma gratuita che non ha possibilità di sostentamento, non gli si può tirare l’orecchio se il prato è alto oppure la manutenzione non è fatta nel migliore dei modi.
    Ci vuole una normale società che si prende il cespite, lo adibisce ripulendolo ad esempio a bar, si prende in carico la gestione del parco circostante con tanto di obblighi scritti che se non dovesse rispettare lo si caccia via … non penso di dire cose assurde no ??

  35. Ma che bellina questa idea, ogni quattro cinque anni rispunta fuori ! Pensate voi, nell’unica via di uscita che ha il quartiere, piccola e stretta, sempre piena di macchine macchinette e motorini del liceo che nelle ore di punta si intasa con la fila che inizia dal cancello del farnesina noi ci andiamo a mettere un bel bar, magari con la musica nel parco, il ristorantino i giochini per i bambini. E ci vogliamo mettere pure i pony ? Ma si mettiamoceli. E mi dica signor Gigi, le automobili e gli scooter dei tanti frequentatori del bar dove le facciamo parcheggiare, magari nel cortile del liceo ? Oppure vogliamo abbattere qualche pino per fare il parcheggio del ristorante ?

  36. assolutamente no Giggi concordo su tutta la linea, il mio era solo un memo…sullo storico…chi siano i residenti e i comitati che all epoca si opposero non si sa…adesso semmai sono gli stessi comitati che si lamentano del degrado…delle sue l’una…solo un business può mantenere curato il,posto… la beneficenza non la si puo fare

  37. Concordo pienamente con Giggi !!! Mi scusi sig.ra Margherita ma perché dice che è l’unica strada di uscita che ha il quartiere ? non è così. Che sia una strada trafficata sono d’accordo, ma non credo che un bar di 20 mq incida più di tanto sulla sua viabilità. Poi sinceramente non capisco nemmeno il suo sarcasmo per più motivi: 1- Un parcheggio piccolino lo si potrebbe fare senza buttare giù nessun albero per circa 15 macchine in corrispondenza dell’ingresso del circolo Meneschincheri (dove ci sono oggi tutte le frasche per terra) oppure ancor meglio semplicemente rubando 1mt per tutta la salita facendo almeno 200 posti auto a spina di pesce che ne gioverebbe tutto il circondario. 2- Perché dice di feste, musica o cose del genere se si parla di normale bar con panchine e altalene.
    Ma sopratutto invece di criticare per partito preso, il municipio che cosa ci potrebbe fare con un fabbricato di 20 mq troppo piccolo per qualsiasi attività municipale di rilievo ??? a meno che non ci si ripiazzi un’altro sportello per inutile spesso chiuso con un parco circostante nuovamente abbandonato come oggi…. Guardi io lo vedo dalla finestra di casa è talmente brutto oggi che ci svaluta tutti gli immobili intorno.

  38. Traendo le conclusioni di questa faccenda: 1. con i soldi dei cittadini è stato realizzato un qualcosa che i cittadini non volevano; 2. essendo risultata una cosa inutile la si è affidata ad altra cosa inutile; 3. dopo 4 anni si è scoperto che il servizio era carente; 4. liberato l’edificio nessuna ha vigilato e così è stato vandalizzato; 5. morale della favola: altri soldi del contribuente da spendere per rimetterlo a posto. Grandioso!

  39. @Strix…. stavolta concordo con lei…. che tristezza, quanti sperperi, quanta incompetenza e superficialità (per non parlare d’altro…).

  40. Grazie mille Paolo, sono felice che anche qualcun’altro sia d’accordo con me.
    @Margherita visto che fa del sarcasmo su un opinione personale che non sarà come la sua, ma che come ben vede non è solo la mia, ci illumini su cosa farebbe Lei senza far tirare fuori ai contribuenti altri soldi e al contempo ripulisca il fabbricato e il parco circostante ???

    Cordialmente
    Giggi

  41. @Paolo: non è l’unica strada per uscire dal quartiere ? Mi dica lei che giro fa se vuole andare verso Corso Francia, o alla Cassia, o a Vigna Stelluti o alla Camilluccia? Via del Podismo non è l’unica strada ?!?!? Mi dica lei quale altra c’è, sono proprio curiosa di scoprirla dopo 30 anni che abito qui! Guardi che su quella casetta tutta rovinata le chiacchiere e i bar stanno a zero: alla circoscrizione hanno già deciso che cosa bisogna farne e io sono pienamente d’accordo. Mi sa che lei non ne sa niente, guardi un po’ cosa ho trovato https://www.vignaclarablog.it/2014052728441/porte-aperte-casetta-via-del-podismo/

  42. Signora Margherita le do una notizia che ha dell’incredibile : se Lei invece di salire per via del Podismo, strada che porta al cuore del quartiere Vigna clara in entrata e non in uscita, tira dritto per via Apollo Pizio che è a doppio senso, magicamente si trova su via Nemea in uscita da Vigna clara e da lì raggiunge ugualmente Corso Francia attraverso ponte milvio…gliela consiglio alle volte è pure più veloce…
    Per quanto riguarda quanto dichiarato dalla Professoressa Zotta (ex ottima Professoressa del liceo Mameli ai parioli) spero si sia ravveduta e le spiego il perché:
    1- Secondo Lei per fare un vivaio dove piantare delle piante comunissime come il rosmarino che abbiano un pò di effetto antismog bastano 1000 mq ?? non conviene al comune comprarle e piantarle negli sparti traffico come dichiara la professoressa???
    2- Secondo Lei, fermo restando la bellezza dell’iniziativa, le sembra il posto più indicato per una onlus per bambini portatori di Handicap … un parchetto piccolo, in discesa, con una strada ad una sola corsia dove il bus che porterà questi bambini che avranno bisogno di qualche minuto per scendere essendo portatori di handicap non ha lo spazio dove fermarsi ???
    Non crede che sia più adatto un posto più grande come ad es il parco dell’inviolatella dico per dire ??
    3- quando questa onlus si accorgerà dell’esiguità dello spazio e del fatto che le piante necessitano di luce per crescere (cosa che sotto gli alberi è molto rada tant’è che i tappeti erbosi sono molto radi) chi ripulirà ed espianterà le piante??
    4- Ma a lei piacerebbe affacciarsi dal suo terrazzo e vedere una serra di plastica … eh si signora, molte di quelle piante vanno messe a dimora d’inverno…
    5- se per fare quello che dice la Zotta si dovesse disboscare il parchetto intorno il fabbricato, si rende conto di cosa vuole dire quando le uscirà la bruttezza del fabbricato della farnesina non mascherato dagli alberi ???
    Non scherziamo !!!
    Ps Mi pare tra l’altro che Torquati rispose a quell’articolo dicendo che le cose non erano come sosteneva la Zotta

  43. Grazie Gigi, vedo che lei e Paolo fate un bel tandem ! E mi dica, quale sarebbe il percorso migliore per andare allora al CTS ? Vediamo, potrei scendere a Ponte Milvio, fare Tor di Quinto, poi la Flaminia, poi il raccordo, esco sulla Cassia e torno indietro fino al CTS. Oppure a Ponte Milvio prendo il tunnel, esco all’uscita di via Cortina d’Ampezzo e vengo giù in discesa dritta dritta al CTS. Grazie per avermi illuminata, farò tesoro dei suoi preziosi suggerimenti sulla viabilità locale, 30 anni che abito qui e non ci avevo mai pensato ! Sa che le dico ? Che nonostante tutti i suoi dubbi da erborista (per inciso le piante officinali non vanno messe a dimora, si informi meglio) lei, Paolo e chiunque altro un bar lì non ce lo farete mai, si metta l’anima in pace, non glielo farà fare la circoscrizione e non glielo faranno fare i residenti …. dei quali dubito che lei e Paolo facciate parte. Si prenda una camomilla al bar due pini e si goda la giornata. Arrivederci.

  44. @Margherita
    Mi scusi signora ma veramente la prima a fare del sarcasmo è stata Lei, io e il Sign. Giggi che non conosco ma ringrazio, abbiamo solo espresso dei pareri personali. Non capisco Lei come si permette di dire Lì questo o quello non ci si farà mai, è per caso sindaco ?, lavora al municipio ? oppure si è auto eletta Duce del quartiere ??
    Ripeto quali sono i residenti che non lo permetteranno ?? mi sembra di vedere più persone che sarebbero contente che contrarie e io sono (da residente) tra quelle. Certo se per Lei, chiunque non ha la sua stessa opinione NON è residente, vabbè è un problema suo.
    Detto questo anche io penso che l’iniziativa molto bella della Zotta sia però da destinarsi in un posto più appropriato perché Lì è proprio come darsi la zappa sui piedi per usare una similitudine azzeccata, ma proprio per com’è strutturato il fabbricato e il giardino circostante.
    Ma poi se le posso chiedere, per quale motivo lei sarebbe così contraria ad un bar con panchine e altalene per i bambini visto che, se il suo problema è il parcheggio o il traffico sarebbe lo stesso per qualsiasi altra attività che non sia l’abbandono. Tra l’altro le è stata subito trovata una soluzione anche per il parcheggio.
    Inoltre chi ha scritto che in questo giardino non si possano fare delle aiuole dove poter piantare le piante di cui parla la Zotta oppure dare il fabbricato con la sua pertinenza esterna al bar e la gestione del verde alla onlus???
    Come ben vede a me non interessa Tizio o Caio, mi interessa l’estetica avendocelo sotto casa, e l’utilità…. Lei può dire lo stesso ??? perché se ragiona così ho dei dubbi…

  45. Strix condivido le tue conclusioni con una piccola precisazione:
    con i soldi dei cittadini è stata RISTRUTTURATA (non realizzata) qualcosa che già esisteva ed era in stato di abbandono da anni.
    Lo sgombero degli extracomunitari che la occupavano e la ristrutturazione, a mio parere, è stata una cosa necessaria oltre che opportuna.
    Poi dovevano realizzarci un servizio utile ai cittadini (ufficio anagrafico ? ufficio postale ? sportello ASL ? ecc. ecc.)
    Su tutto il resto concordo in pieno.
    D.M.

  46. E certo. Mettiamoci pure un bel centro commerciale? O una discoteca.

    Da residente nella strada chiedo a chi tira fuori queste idee di bar o altro a dir poco balzane se è mai passato sulla strada quando sono aperte le scuole?
    Non si trova un posto nemmeno a pagarlo a peso d’oro ed il traffico ed il relativo inquinamento è a livelli a dir poco demenziali.
    Senza contare che la strada è l’unica via di uscita dei residenti della zona per andare verso Cassia. Mi sa che qualcuno ha qualche interesse “commerciale”.

    Vedremo. I residenti di Via del Podismo si sono già battuti anni fa quando sono riusciti a bloccare proprio un progetto di bar proprio nel giardino. Continueremo a contrastare certe idee.

    @giggi
    Il suo percorso per uscire “magicamente” dalla zona fa acqua da tutte le parti.
    E se dalla scuola Farnesina volessi andare sulla Cassia o su via Cortina d’Ampezzo o più semplicemente a Piazza dei Giochi Delfici. Cosa faccio?
    Secondo la sua idea dovrei passare per Ponte Milvio e Corso Francia. Circa 4 chilometri.
    PASSANDO PER VIA DEL PODISMO SONO 300 METRI.
    Se lei ha tempo da buttare e soldi da spendere in benzina faccia pure.
    Ma non tiri fuori queste consigli. Ci fa una brutta figura.

  47. Strada di uscita o di entrata che sia, ho scelto di comprare casa in via del Podismo perchè la trovavo relativamente tranquilla. Quando si è ventilata la possibilità di aprire un bar e o ristorante, abbiamo raccolto un bel numero di firme di persone contrarie . Giggi forse non è stato contattato e , se lo fosse stato, avrebbe potuto rifiutarsi di firmare, la cosa non avrebbe cambiato le nostre intenzioni. Di bar e ristoranti ne abbiamo a iosa, vicini e leggermente più distanti (ponte Milvio dista 10 minuti a piedi) ,alcuni purtroppo fanno anche fatica a tirare avanti. Non vedo proprio la necessità di aprirne un altro che creerebbe sicuramente dei disagi e, visto che in questo quartiere ci si muove soprattutto in automobile, saremmo invasi da quattro e due ruote non solo di mattina e pomeriggio (come del resto già avviene) , ma magari anche di sera. Trovo sconfortante che non si riesca a trovare una destinazione più utile per la comunità, che rispetti una piccola area di verde e non abbia i soliti interessi commerciali.

  48. Signori scusate purtroppo o per fortuna non siamo noi a decidere ma ci sono persone pagate per farlo. Questo e tutti i miei post precedenti non sono per criticare una persona o l’altra, ma semplicemente per attivare quel famoso e tanto decantato BANDO DI IDEE che Torquati a più riprese ha richiamato per decidere le sorti di questo fabbricato. Quel che decideranno si farà, basta che si faccia qualcosa perché adesso sembra di stare in un parco Rom, senza offesa per nessuno.

    Detto ciò se mi si critica perché io ci vedrei bene un bar ho moltissimi argomenti sui quali potrei continuare ma lasciamo perdere perché si perde solo del tempo. Due/tre cose però fatemele dire: 1- non mi si parli di traffico,inquinamento o parcheggio in più perché se ci si dovesse fare un’anagafe o similari (che vorrei sapere in 30 mq come ci entrano, ma lasciamo perdere) tutto questo sarebbe molto peggio di un bar. 2- come giustamente dite nel quartiere ci si muove solo in macchina, sarebbe un bel modo per farlo meno con i bambini o per prendere un caffè all’aperto….
    Speriamo in Torquati allora, anche se per adesso….
    saluti

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome