Home ATTUALITÀ Una metro Ostiense-Vigna Clara a bilancio 2015

Una metro Ostiense-Vigna Clara a bilancio 2015

marino_scozzese.jpgApprovato dalla Giunta capitolina il bilancio previsionale 2015 del Comune di Roma. La presentazione alla stampa è avvenuta nel pomeriggio di martedì 30 dicembre. “Grazie al rigore che ci stiamo imponendo riusciremo a riportare in equilibrio i conti di Roma nel 2015, con una prospettiva di sviluppo della città” ha dichiarato in apertura il sindaco Marino.

Una metro Ostiense-Vigna Clara

Il tema che mettiamo al primo punto nel sintetizzare gli impegni finanziari presi dalla Giunta sono le grandi novità per il trasporto pubblico che vedrà l’implementazione di nuovi tram, come ad esempio il tram dalla metro C Lodi che collegherà Santa Croce di Gerusalemme con la Stazione Termini fino ai Parioli.

Al via anche i lavori per il nuovo tram da Piazza Vittorio a largo Corrado Ricci, con i binari su via Cavour e per una nuova navetta circolare che collegherà il Colosseo e piazza del Popolo.

“Inoltre – ha aggiunto il sindaco – useremo le gallerie realizzate negli anni 90 e inutilizzate come una sorta di altra metro tra Ostiense e Vigna Clara. Sono già terminati i lavori di ristrutturazione del vecchio tunnel da parte delle Ferrovie”.

A spiegare meglio la previsione è stato l’assessore alla mobilità Guido Improta che già pochi giorni prima aveva annunciato che stava lavorando per riattivare la tratta ferroviaria Vigna Clara-Valle Aurelia (leggi qui).
“Il nostro obiettivo è l’utilizzo della rete urbana delle Ferrovie in modo che questa possa svolgere una funzione di trasporto metropolitano. Questa galleria si trova a ridosso del parco del Pineto e consentirà di mettere in relazione Vigna Clara a Valle Aurelia e poi realizzare un collegamento fino ad Ostiense” ha spiegato Improta sottolineando: “dobbiamo comunque ancora trovare i finanziamenti, e i lavori poi dureranno due anni”.

L’anno dei municipi e delle periferie

Il bilancio prevede un milione di euro a disposizione di ogni Municipio e che saranno i minisindaci a chiedere ai cittadini quale opera vogliono che sia realizzata con quei soldi.”Il 2015 sarà l’anno delle periferie, che io vorrei chiamare nuove centralità” ha dichiarato il sindaco.

Decoro urbano

Nelle buone intenzioni previsionali, a bilancio troviamo anche la messa in campo di sette nuove spazzatrici per ogni Municipio con l’obiettivo di avere quartieri più puliti senza incrementare la forza lavoro esistente che dovrà invece essere dirottata sulla gestione della raccolta differenziata.
“Questo sarà l’anno in cui chiuderemo il ciclo dei rifiuti – ha sostenuto Marino – avvieremo la costruzione di un ecodistretto e il nostro problema storico dei rifiuti diventerà una risorsa in più”.

Via dalle partecipate

Proseguiranno le dismissioni di partecipazioni da aziende considerate non strategiche. “Si tratta di un’importante cura dimagrante per il Comune” ha sottolineato il sindaco spiegando che tra società partecipate già alienate e quelle che lo saranno si arriva al numero di 20. Tra quelle a cui il Campidoglio dirà addio ci sono Assicurazioni di Roma, Acea Ato2, Aeroporti di Roma, Eur Spa, Centro Agroalimentare, Centro ingrosso Fiori e Farmacap.

Pareggio di bilancio

“Grazie alla riduzione degli sprechi riusciremo entro l’anno 2015 ad arrivare al pareggio di bilancio rispetto al debito di quasi un miliardo lasciatoci dalla giunta Alemanno” ha concluso Marino spiegando a grandi linee che il bilancio previsionale prevede una manovra da 3,8 miliardi di euro. La diminuzione di entrate correnti è pari a 450 milioni di euro mentre ci sarà una spending review da 200 milioni di euro che si concretizzerà non solo in tagli ma anche in un’accelerazione dell’efficientamento previsto dal piano rientro. (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. sarebbe fantastico riaprire la stazione di vigna clara a meno che non sia l’ennesima bufala..e più che trenino sarebbe fantastica come metro. Ma quando si sa se avranno i finanziamenti? dovrebbero anche però realizzare piu parcheggi e pensare alle alberature a corso francia che non ha un albero e supera continuamente le soglie di limite massimo di polvere sottili

  2. Un milione di euro per ogni municipio chissà se arriverà qualche spicciolo a valle muricana magari per un area giochi vera e non a disposizione di pochi.

  3. Mi viene da dire alla romana: “se so sprecati”. E tutti i quartieri da Tomba di Nerone a L’Olgiata? Tutti in macchina bloccati nel perenne traffico della Cassia. Clemente si sfizia ad aprire siti per spioni che segnalano le auto in “sosta antiestetica” nei quartieri centrali, Marino si sfizia a proclamare sabati e domeniche ecologiche (cioè in favore delle auto nuove di zecca”, ma nessuno pensa ad un decente sistema di trasporto pubblico. Grazie giunta.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome