Home ATTUALITÀ Vandali a Vigna Clara, danneggiata la casetta di via del Podismo

Vandali a Vigna Clara, danneggiata la casetta di via del Podismo

casetta podismo 4

podismoNon è rimasto un metro quadro libero. Nei locali interni, sui vetri, sulle mura esterne c’è di tutto, saranno servite un bel po’ di bombolette per imbrattare e danneggiare così il manufatto pubblico di via del Podismo, a Vigna Clara. Ecco il risultato, l’averlo inspiegabilmente abbandonato a sé stesso, aver dimenticato la sua esistenza ha portato a questo.

Di quella casetta se n’è parlato tanto, ma non quanto basta visto il risultato documentato in queste foto.

Ci vollero due anni per ristrutturarla e al termine dei lavori, ad agosto 2009, ne venne messo a bando l’utilizzo per l’istituzione di uno Sportello diritti degli animali del XV Municipio. Ma lo sportello fu un flop, dopo quattro anni, siamo a ottobre 2013, il concessionario se ne va portandosi via le chiavi e la casetta inizia il suo declino.

fb.jpg

Bisogna arrivare a maggio 2014 perché il XV Municipio riesca a cambiare la serratura e a rientrare in possesso di quei 50 metri quadri con giardino annesso.

Ci fu la solita corsa dei comunicati, tutti ad esultare per il fatto. Alcuni dichiararono a VignaClaraBlog.it “oggi abbiamo restituito al municipio la struttura di via del Podismo. Uno spazio così importante che verrà al più presto messo a disposizione dei cittadini e che non può e non deve essere tenuto nel degrado più totale“.
Parole al vento.

 fe.jpg

Come al vento fu la decisione del Consiglio Municipale, presa a dicembre 2013, di destinare quell’area a piccolo “orto botanico municipale” dove coltivare le piante officinali (fiordaliso, salvia, camomilla, lino, rosmarino etc) note “mangiatrici” di smog e che per crescere necessitano solo di due cure: sole e pioggia.
Il tutto affidandone le cure ad una qualche associazione di ragazzi in difficoltà (down, autistici..) dandogli così un impegno quotidiano sociale.

fd.jpg

Parole al vento anche queste, la decisione, una volta presa, è finita subito in un cassetto e lì è rimasta.

fg.jpg

Nel frattempo quella casetta si rovinava sempre più per le intemperie e l’abbandono da parte del municipio. E anche per le visite degli intrusi. Più volte ombre sono state viste entrare ed uscire di notte dalla rete divelta. Tempo fa si è reso necessario anche l’intervento notturno della Polizia Municipale.

fc.jpg

Ed eccoci alle ultime battute. Potevamo mancare i vandali armati di bombolette? Certo che no. Potevano forse spaventarsi per qualche metro di nastro giallo steso per impedire l’accesso? Ma figuriamoci.

fh.jpg

Ed è così che nelle ultime ore si sono introdotti e hanno danneggiato di tutto. Dai muri esterni a quelli interni, dagli infissi alle vetrate.

Che male facciamo, tanto è stata abbandonata” si saranno detti a mo’ di alibi. E non avevano alcun torto.

Claudio Cafasso 

Visita la nostra pagina di Facebook

Via del Podismo, Roma, RM, Italia

32 COMMENTI

  1. Volevo commentare questo vergognoso episodio iniziando con una breve premessa: per quattro anni, fino a ottobre 2013 nel manufatto di via del Podismo anni ha avuto sede lo sportello dell’Ufficio diritti degli animali del XV Municipio.

    E’ stato, a mio avviso, un servizio carente, insoddisfacente e che non ha adempiuto alle aspettative che il Municipio si era prefisso.

    Ma è chiusa da più di un anno.

    Da allora, le solite promesse, gli impegni, le sensazionalistiche dichiarazioni che, attraverso un “concorso di idee” nelle scuole si sarebbe data una destinazione pubblica e, comunque, maggiore “dignità” alla casetta nel cuore di Vigna Clara, sono rimaste lettera morta.

    Il Presidente Torquati, a maggio, dichiarò: Via del Podismo, “Chiusa pagina vergognosa, la casetta torna ai cittadini” e,dopo essersi limitato a cambiare la serratura del cancello e ad una “romanella” del verde circostante, annunciò l’eccezionale notizia: “…abbiamo potuto finalmente riaprire la ‘Casetta’ di via del Podismo…siamo veramente soddisfatti di aver chiuso l’ennesima pagina vergognosa legata alla precedente amministrazione municipale. Ieri ci siamo riappropriati di un bene pubblico che, a differenza del passato, sarà affidato alla cittadinanza in maniera totalmente trasparente e con la massima pubblicità tramite un bando pubblico ed un concorso di idee…”

    Da allora sono passati otto mesi nel disinteresse, l’incuria e l’approssimazione, la casetta non ha avuto una sua destinazione e, come purtroppo spesso accade, i risultati sono questi.

    Marco Perina

  2. I writers aggiungono la loro firma incivile su l’emblema della vacuità della pubblica amministrazione (senza distinzione di schieramento) e dello sperpero di pubbliche risorse che, ricordarlo non fa mai male, non sono “pubbliche” per magia… sono pubbliche in quanto tasse dei cittadini (di quelli che le pagano…).

    Sarei curioso di sapere – da Perina o da altri – quali aspettative il Municipio si fosse prefisso nell’assegnare il manufatto in quel modo ed a quello scopo.

  3. Chi parla di “arte” di fronte all’imbecillità e demenza di chi imbratta opere pubbliche e private dovrebbe riflettere (amaramente) su questo episodio che si commenta da solo.
    Come Comitato avevamo proposto: fatene un piccolo centro di “educazione ambientale”. Sarebbe bastato poco, magari con l’aiuto di Roma Natura ed Ente Parco di Veio ad arredarlo: poster, libri, una piccola biblioteca tematica, filmati, foto di piante ed animali, oggetti come foglie, semi, legni, nidi, aculei, ossa, teschi di piccoli roditori ecc. Insomma un piccolo luogo dove portare i bambini delle scuole elementari e spiegare l’importanza del bosco, di alcune specie animali, degli insetti e illustrare le norme di salvaguardia di un parco. Lo si sarebbe potuto fare con l’aiuto di insegnanti di scienze o associazioni ambientaliste.
    Ora sarà tutto molto, ma molto più difficile. Quale sarà il prossimo obiettivo: LA TORRETTA’ VALADIER chiusa da tempo?
    Comitato RH

  4. Signor Chisciotte, può dissentire sullo “scopo” (e, come non ho problemi ad ammettere, il servizio non è stato all’altezza) ma nel “modo” veramente non mi è chiaro.
    E’ stato affidato con un bando pubblico e non è costato una lira all’amministrazione, poi non ha funzionato…. ma perlomeno, finché è stato (mal)gestito, fenomeni simili non si sono mai verificati.

  5. Ero convinta che ci fosse un nuovo affidatario e che stesse facendo dei lavori. L’altr’anno avevano tagliato l’erba ed ero speranzosa che ci avrebbero fatto qualche attività sociale interessante. Ma mi ero sbagliata. Questo è il risultato dell’abbandono e del menefreghismo dell’Amministrazione per il patrimonio pubblico. Sono convinta che chiunque sarebbe stato interessato a farci qualcosa di utile. Peccato, adesso costerà soldi al Comune (e quindi a noi..)
    Gaia

  6. Concordo pienamente con quanto affermato da Marco Perina. Dal Consiglio, abbiamo più volte sollecitato la maggioranza a fare qualcosa di quel manufatto, qualunque iniziativa, purchè quel bene pubblico venisse sottratto all’abbandono e al degrado. E questi sono i risultati…

  7. C’è un associazione che è pronta da domani ad riaprire lo sportello degli animali, che bisogna fare per farselo affidare?

  8. Pandolfino, oh chi sei tu?
    “Ma come, non ricordi … sono quello eletto con l’IDV e che poi dal gruppo misto ha sostenuto la maggioranza di Giacomini.”

    Ah, si, ora ricordo … mi ritornano le coliche e ripensarci …
    Ma davvero credi a ciò che dici?
    Non vorrai mica attribuire alla attuale forza di governo territoriale responsabilità che sono esclusivamente personali?

    “Ma si, certo, hai dubbi? E poi che domanda del picchio … ti pare che un politico navigato come me possa credere a ciò che dice? Sarei un cittadino comune ….
    In ogni caso, se ci avessero lasciato fare avremmo concesso la licenza per aprire un bar con annessi strapuntini come a Ponte Milvio.
    Sarebbe stato un successone …; invece, guarda tu che roba … saranno stati dei tedeschi … quelli sì che sono dei selvaggi … pensa al povero Aureliano che, perseguitato dai giudici, dovette ampliare le mura difensive di Roma …”

    Pandolfì, vabbò, facciamo finta di niente …
    però, visto che sei tanto impegnato, fai qualcosa di sinistra-centro-destra-radicale-alternativo-rivoluzionario-reazionario ….
    di qualcosa anche contro i vandali che hanno appena danneggiato la sbarra di Via Gradoli.
    Visto che ci sei, ricordati anche delle finte telecamere che non hanno mai ripreso un cavolo di niente, ma che sono costate 200.000 euro grazie a quella maggioranza di destra che tu tanto amavi e hai sostenuto ….

  9. Forse non è chiaro, la destinazione , che a me poi piace tantissimo , e’ stata già decisa , deve solo essere realizzata quando qualcuno avrà deciso che è arrivato il momento. Intanto con le nostre tasse dovranno prima ristrutturarla tutta perché oltre ai danni dei vandali sono visibili anche i danni da incuria, basta vedere le grandi macchie verdi che denotano perdite e muffa. Ci sono passata poco fa prima che facesse buio , che squallore e che peccato !! Comunque grazie a vignaclarablog per l’importante lavoro che fate sul territorio , bravi !

  10. @Marco_Perina Diciamo che “voci dal sen fuggite” parlavano di un bando si impostazione “sartoriale”: cucito su misura. Ma son voci… malelingue, se lei dice che è stato tutto regolare…, ci credo.
    Sarei piuttosto curioso di sapere in cosa consisteva l’attività in favore dei “diritti degli animali”, ed in quali modi e tempi veniva svolta. E se esiste una relazione sul lavoro svolto per consentire al municipio di valutare la bontà della scelta fatta.

  11. Meno male che Don Gianni nn è piu’ il parroco di Santa Chiara. Ricordo quanto “mi rompeva le scatole” (in senso buono) per fare della casetta una biblioteca di quartiere magari gestita dagli scout della parrocchia. Anni di impegno sul territorio e di fatiche per trovare i fondi per la demolizione e ricostruzione della casina che e’ stata finalmente realizzata ma che oggi vediamo ridotta in questo modo. Un insulto ai cittadini e a chi li rappresenta cn serietà. Speriamo di nn dover attendere le prossime elezioni per farne un spot elettorale.

  12. 7 dicembre del 2013 con 15 voti favorevoli su 15 presenti era approvata la risoluzione n. 36 presentata dal M5S con la quale si accoglieva la richiesta di destinare – attraverso un bando – il manufatto di via del Podismo , comprensivo di tutta l’area verde, ad associazioni che operano nel sociale ( con particolare riferimento ai ragazzi down) per sperimentare la coltivazione di piante anti inquinamento.

    Poi, dopo qualche mese si è cominciato a parlato di ” Concorso di idee ” dimenticando che l’idea c’è, è stata approvata, manca solo il bando. Nel frattempo la situazione è quella descritta.

    Approfitto per ricordare che nel Municipio è stata creata a maggio di quest’anno la figura del Responsabile del Decoro Urbano ( sempre su proposta del M5S, approvata dal consiglio a settembre del 2013) .

    Si tratta del Sig. Valter Proietti che opera in collaborazione con l’architetto Bella ( Responsabile del servizio ambiente e territorio ) e con l’ing. Vespa ( Responsabile della Manutenzione Patrimonio). Segnalate a loro questa situazione di degrado e non solo.
    Da parte mia solleciterò la Commissione trasparenza – come feci quando si stentava a rientrare in possesso del bene e quando si tardava a nominare il responsabile del Decoro Urbano.

  13. Quanto dichiarato dalla collega Zotta è chiaro e inequivocabile. Il 7 Dicembre 2013 il Consiglio del XV Municipio si è espresso con un indirizzo politico specifico. Sono passati più di 11 mesi e la Giunta Municipale non ha dato seguito a quanto approvato. Non ci sono scuse riguardo questa situazione e dopo 1 anno e mezzo abbondante è inutile continuare a tirare fuori situazioni passate. Era sufficiente fare un bando pubblico per assegnare la struttura (già in possesso del Municipio), senza costi per l’amministrazione… Ad oggi tutto ciò non è stato fatto e l’articolo si commenta da solo.

  14. E’ probabile che in Municipio abbiano cose ben più importanti da seguire ma questa vicenda mi ricorda da vicino la questione dei “progetti culturali” con uno stanziamento di 50.000 Euro. Al di là dell’astrusità dei progetti da seguire (viaggi virtuali, domeniche ecologiche….) c’è poi l’accanimento burocratico per chi vorrebbe aderire. Ma quale associazione aprirà mai una partita IVA per soli 10.000 Euro? Per non parlare di una sfilza di documenti……ma non sarebbe sufficiente un impegno scritto da parte di chi vuole aderire? Con 50.000 euro ci si potrebbero organizzare 100 escursioni o visite a luoghi di interesse…..altro che viaggi virtuali.
    Ora quell’edificio dovrà essere ripulito e sistemato poi forse ci sarà un bando….nel frattempo passerà un’altro anno o due.

  15. @ Sor Chisciotte: perchè “sviare” (strumentalmente) il ragionamento su quello “che è stato”? Ho riconosciuto, senza alcun problema, che lo sportello diritti degli animali – scaduto da più di un anno – non ha funzionato e lo dissi pubblicamente in un Consiglio Municipale chiedendo la revoca della concessione.
    Ma il problema è e rimane: da un anno fino alla distruzione di ieri, oltre agli enfatici comunicati (maggio 2013) “..la casetta torna ai cittadini..” oppure “..riaperta la casetta..” e ancora ” sarà affidato tramite un bando pubblico ed un concorso di idee….” cosa è stato realmente fatto?
    Ancora ieri dalle pagine di Facebook (novembre 2014) Torquati dichiarava “…ora l’abbiamo ripresa (la casetta) e faremo un bando..”
    Adesso che la casetta è semidistrutta, l’Amministrazione, latitante da più di un anno, dovrà spendere soldi per la ristrutturazione.
    Discutiamo su questo e sul futuro, il resto conta poco.

  16. @ Comitato Robin Hood: a proposito dei “progetti culturali”, è la seconda volta che il Municipio decide iniziative culturali senza discutere né in Giunta, né in Commissione Cultura né, tantomeno, in Consiglio…. alla faccia della “trasparenza…

  17. Presidente Torquati, lei è attivissimo sul Web e sui social network…mi stupisce che da due giorni non ci sia stata ancora nessuna spiegazione riguardo questa tristissima – quanto “annunciata” – vicenda…
    Aspettiamo comunque fiduciosi….

  18. Evidentemente c’è qualcosa dietro come dietro c’era qualcosa quando è stata affidata a villa bau (che che ne dica Perina che fa lo “gnorri” dicendo di guardare al futuro,”il resto conta poco”……).
    Ad oggi con tutte le possibilità di questo mondo nemmeno la giunta di sinistra si muove, stai a vedere che a breve verrà affidata ad un associazione che se ne “fregherà”, e poi ci ritroveremo i responsabili candidati con il PD alle prossime elezioni.
    Déjà vu?
    E non dica Torquati o chicchessia che tutti sti danneggiamenti non eran prevedibili.
    Politicanti da 4 chiacchere.

    PS dove son finiti quei “cuoricini” che per prendere una manciata di voti in più facevano campagna elettorale entrando nella casetta? Con le lodi di SEL?
    Dove state?L’assessorato è bastato?
    Non vi sta più a cuore?

  19. Gentile Matteo non faccio lo “gnorri” e non l’ho mai fatto, mi dispiace soltanto di non aver ancora letto nessuna “scusa” ufficiale nè altro.
    Non penso che ci sia nulla dietro, come non c’era niente dietro la (fallimentare) esperienza precedente di Villa Bau (vincitori di un bando pubblico e cui avevo chiesto la revoca non appena ci rendemmo conto che non svolgevano il servizio come avremmo voluto). L’unica cosa che c’è “dietro ” si chiama approssimazione, superficialità, menefreghismo e incapacità ad amministrare.
    Tutto il resto, cuoricini, candidati ecc. non servirà davvero a rendere giustizia e dignità alla casetta.

  20. Gentile Torquati, quando ha un momento libero da passerelle con il Sindaco o dai “botta e risposta” su Twitter e Facebook, potrebbe cortesemente comunicare cosa avete fatto finora per l’utilizzo della casetta di via del Podismo e come intendete risolvere la sua distruzione vandalica? Grazie

  21. Cari Amici,
    penso che questo di Via del Podismo , sia l’ennesima sconfitta della Giunta Torquati. Tanto quanto le promesse di Ignazio Marino ( non mantenute) cosi’ quelle del Presidente Torquati, avviliscono il quartiere e la sua popolazione. E’ chiaro e lampante che la casetta è stata “violata” dai soliti Centri Sociali, che intendono rovinare tutto a prescindere. Sono certo che adesso si aspetteranno le prossime elezioni per porre il problema….Ma affidatela ai residenti di Via del podismo che sicuramente avrebbero delle idee importanti e che potrebbero riqualificare la via. L’abbandono, la sporcizia, l’inettitudine gestionale, sono propri, purtroppo, delle peggiori esperienze sinistroidi che hanno lasciato Roma nell’abbandono totale. Attaccatemi pure, ma …purtroppo e’ tutto vero e dimostrabile. Grazie
    Claudio Martino

  22. Sig. Federico, mi vorrebbe dire che Lei non sa che nel 15° Municipio ci sono almeno 10 centri socilai, Purtroppo!!!!! E per sua informazione, Vigna Clara, dove abito da 50 anni, fa parte del 15° Municipio.
    La rovina di Roma sono i Centri Sociali, I Centri di Accoglienza e tutto cio’ che e’ legato alla sinistra romana. Le case occupate, gli scontri con le Forze dell’Ordine i reati alle infrastrutture nazionali, sono un bel regalo che da anni ci regalano le forze della sinistra antagonista. Sciogliamo, come giustamente e’ stato fatto con il Partito Fascista, tutto cio’ che lega la gente al Partito Comunista, disastro inincalcolabile per la gente italiana e non..!

  23. signor Martino io so che ci sono una decina di centri sociali….per anziani ! ma non ce li vedo i vecchietti che di notte vanno a fare i graffitari ! Visto che lei è così sicuro mentre nessuno ha mai sentito parlare di centri sociali dalle nostre parti, o ce li indica per nome e indirizzo oppure il suo è solo un modo di dire che non trova riscontro nella realtà. D’accordo ? A risentirci e buona giornata.

  24. La Sua “ignoranza” politica e’ elevata o forse non vuole ammettere che a rovinare la struttura di Via del Podismo , ovviamente non possono essere stati i “vecchietti” ma i DELINQUENTI COMUNISTI dei Centri Sociali Rivoluzionari che spuntano come ortica nel nostro quartiere.
    Questo per precisione e correttezza politica ….
    Buona Giornata a Lei signor Federico
    Claudio Martino

  25. scusate ma il punto vero è:

    perchè la casetta di via del podismo non viene assegnata tramite bando pubblico a qualche associazione? o perchè il Municipio non lo usa per un proprio servizio?

    prima era colpa dell’altra associazione (fino a ottobre 2013), poi perchè non si trovava un fabbro… da inizio anno la colpa è solo di alcune persone:il Presidente Torquati e la sua Giunta Municipale.

    sfido chiunque a dire il contrario….

  26. caro signor Martino i suoi slogan da anticomunismo viscerale degli anni 50 sono un po’ superati, forse non se ne è accorto ma siamo nel 2014 e i comunisti non mangiano più i bambini ! E glielo chiedo un’altra volta, dove sono questi centri sociali rivoluzionari che spuntano come funghi a Vigna Clara ? Su non faccia il timido, ce ne dica almeno uno “per precisione e correttezza politica…” ci riveli questo terzo segreto di Fatima, non può tenerselo tutto per lei. Attendo trepidante la sua risposta con l’indirizzo e buon pomeriggio.

  27. Egregio Federico, forse non vuole capire in quanto obnubilato dagli elettroschok subiti dai vostri compagni pieni di livore ed astio , verso tutto cio’ che funziona, ma le ripeto che non parlo della zona Vigna clara o XV°Municipio. Ma per sua completezza e magari per potersi iscivere ad uno di essi, Le allego tutti i Centri Sociali dove quotidianamente si possono incontrare, nulla-facenti, disoccupati ubraiconi, zingari. extra-comunitari irregolari e …insomma diversa “brava” gente.
    100celle Aperte: Via delle Resede 5 (Centocelle) http://www.100celleaperte.org

    – 32: Via dei Volsci 32 (San Lorenzo)

    – Acrobax Project: Via della Vasca Navale 6 (Marconi)

    – Alexis Occupato: Via Ostiense 124 (Piramide/Garbatella)

    – Angelo Mai: Viale delle Terme di Caracalla 55a

    – Astra19 spa: Via Capraia 19 (Tufello)

    – Ateneo Occupato: Via Ottone Fattiboni 1 (Dragoncello)

    – Auro e Marco: Viale Caduti della Guerra di Liberazione 268 (Spinaceto)

    – (BAM) Biblioteca Abusiva Metropolitana: Via dei Castani 42 (Centocelle)

    – Bencivenga 15 Occupato: Via Bencivenga 15 (Nomentana/Pietralata)

    – Cagne Sciolte: Via Ostiense 137

    – Casale Alba2 Occupato: Viale Egidio Galbani (Parco di Aguzzano)

    – Casale Pachamama: Via Alberto Moravia 380 (EUR/Papillo)

    – Casale Podere Rosa: Via Diego Fabbri (Talenti/San Basilio)

    – Casetta Rossa spa: Via Magnaghi 14 (Garbatella)

    – Centro di Cultura Popolare del Tufello: Via Capraia 81 (Tufello)

    – Cinema America: Via Natale del Grande (Trastevere)

    – Comitato Popolare 20: Via Passino 20 (Garbatella)

    – Communia: Via dello scalo San Lorenzo 33 (San Lorenzo)

    – Corto Circuito: Via Serafini 57 (Cinecittà)

    – Degage: Via Antonio Musa 10 (Policlinico)

    – el “Che”ntro sociale TorellaMonaca: Largo F.Mengaroni 11/25

    – ESC: Via dei Volsci 159 (San Lorenzo)

    – Ex 51: Via Bacciarini 12 (Valle Aurelia)

    – Ex Cineteatro Preneste: Via Alberto da Giussano 59 (Pigneto)

    – Ex Lavanderia: Padiglione 31 Piazza Santa Maria della Pietà 5 (Monte Mario)

    – Ex Snia Viscosa: Via Prenestina 173 (Pigneto)

    – Forte Prenestino: Via Delpino (Centocelle)

    – Fucina 62: Via E. Giovenale 62 (Pigneto)

    – Garage Zero: Via Treviri (Quadraro)

    – Handala: Piazza Gasparri 28 (Ostia Lido)

    – Insensinverso: Via Vaiano 7 (Magliana)

    – Intifada: Via di Casal Bruciato 15 (Casal Bruciato)

    – IPò: Via del Giardino Vecchio (Marino)

    – La Città dell’Utopia: Via Valeriano 3F (San Paolo)

    – La Strada: Via Passino 24 (Garatella)

    – La Torre: Via Bertero 13 (Casal de’Pazzi)

    – Lab.Quarticciolo: Via Ostuni 9 (Quarticciolo)

    – Lottantuno: Via Calpurnio Fiamma 81 (Quadraro)

    – Lucha Y Siesta: Via Lucio Sestio 10 (Cinecittà)

    – L38 Squat: Via Giuliotti 8 (Laurentino 38/ VI Ponte)

    – Macchia Rossa: Via Pieve Fosciana 56/82 (Magliana)

    – Magazzini Popolari: Via Baldassarre Orero 61 (Casalertone)

    – Metropoliz: Via Prenestina 913 http://metropoliz.noblogs.org

    – Nuovo Cinema Palazzo: Piazza dei Sanniti (San Lorenzo)

    – Officine Tor Marancia: Viale di Tor Marancia 103

    – Palestra Popolare Lidense: Via Mario Ruta 28 (Ostia Lido)

    – Palestra Popolare Valerio Verbano: Via delle Isole Curzolane (Tufello)

    – Puzzle: Via Monte Meta 21 (Tufello)

    – Ricomincio dal Faro: Via del Trullo 330 (Trullo/Magliana)

    – Sans Papiers: Via Carlo Felice 69/b (San Giovanni)

    – Scup!: Via Nola 5 (San Giovanni)

    – Spartaco: Via Selinunte 57 (Quadraro)

    – Spazio 136 “Roberto Scialabba”: Via Calpurnio Fiamma 136 (Quadraro)

    – Spazio 53: Via Valentino Mazzola 13 (Roma70/Tintoretto)

    – Strike spa: Via Umberto Partini 21 (Portonaccio)

    – Teatro De Merode: Via Casale de’ Merode 6 (Tor Marancia)

    – Teatro del Lido: Via delle Sirene 22 (Ostia)

    – Teatro Valle Occupato: Via del Teatro Valle 21 (Campo De Fiori)

    – Torre Maura Occupata: Via delle Averle 12 (Torre Maura)

    – Villaggio Globale: Lungotevere Testaccio 1/ Via Monte dei Cocci 22 (Testaccio)

    – Zona Rischio: Via Pietralatella (Casalbertone)

    – Zk Squat: Via Epaminonda (Casal Palocco)

    Buon divertimento, ma lasci questa zona che forse Le va stretta!
    Con Ossequi
    Claudio Martino

  28. Guardi signor Martino che lei può menar il can per l’aia ma non prendere in giro me. Poteva pure pubblicare tutte le pagine bianche ma questo non cambia la questione, e cioè che ha detto una grande bugia che ora cerca di nascondere con questo elenco che non c’entra niente con quello che lei aveva affermato. Glielo ricordo ? E ricordiamoglielo, così rinfreschiamo la memoria !

    8.20 di questa mattina, sue parole : ” Lei non sa che nel 15° Municipio ci sono almeno 10 centri sociali ”

    11.39 ancora sue parole ” i Centri Sociali Rivoluzionari che spuntano come ortica nel nostro quartiere.”

    alle 15.18 si rimangia tutto : “non parlo della zona Vigna Clara o XV°Municipio “

    faccia pace con se stesso prima di accusare gkli altri di essere nulla-facenti, disoccupati ubriaconi….

  29. Ma perché parlate di centri sociali o altre stupidaggini sviando il problema, c’è un fabbricato del comune in disuso, a molti interesserebbe farci un’attività a fronte della manutenzione del parco confinante…. E ALLORA SI FACCIA QUESTO BANDO E SI SCELGA IL MIGLIORE!!!!
    e’ diventata una cosa vergognosa!!! personalmente io lascerei perdere le associazioni senza scopo di lucro: 1 perché ci siamo già passati con lo sportello degli animali e 2 perché queste associazioni (che io rispetto e stimo) hanno sempre poche risorse e quindi da qui a un anno saremmo di nuovo nella stessa situazione non avendo il municipio la possibilità di aiutarle economicamente.
    Ma poi faccio una domanda… ma farebbe schifo a tutti un bar con altalene panchine erba tagliata e alberi messi in sicurezza senza costo per la comunità???’
    a me no!!! sembra che se uno parla di bar è un ladro dopo la storia dei punti verdi qualità… si possono anche fare in maniera pulita le cose o no ????

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome