Home ATTUALITÀ Violenza in via Gradoli, straniero aggredisce la convivente in strada

Violenza in via Gradoli, straniero aggredisce la convivente in strada

via-gradoli240.jpgTriste spettacolo per i bambini presenti quello di ieri sera al civico 71 di Via Gradoli quando, intorno alle 20.30, un capoverdiano, sembra alterato dall’alcol, ha percosso la propria fidanzata non convivente dapprima in casa continuando poi sulla strada dove si accaniva salendole sopra con il corpo e schiacciandone la testa sull’asfalto per immobilizzarla.

Le numerose grida dei bambini nonchè gli inconfondibili rumori della lite hanno fatto si che in moltissimi avvisassero il 113 che in pochi minuti (con 5 volanti) si presentava sul luogo sedando l’orribile spettacolo, soprattutto per quei tre bambini della famiglia di cui uno con handicap.
La ragazza ha ricevuto le prime cure da parte di un’ambulanza intervenuta mentre l’uomo è stato portato in commissariato.

Cassandrocrashings

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Personaggi già tristemente noti e più volte segnalati dai residenti e dal Comitato per via Gradoli all’amministratore del condominio, che purtroppo nulla ha potuto nei confonti della proprietà dell’immobile. Forse ora in presenza di un verbale di P.G. si
    potrà agire con più efficacia. Già in mattinata sono intervenuti gli assistenti sociali per
    la tutela dei minori. Ricordo solo a titolo di cronaca che in precedenza l’immobile medesimo, noto nella via come “il cratere”, è stato locato a meretrice brasiliana con minore a carico e in precedenza a travestiti di medesima nazionalità con gallina ruspante al seguito. Tanto per gradire.

  2. Al Sig. Lucio Maria@, coofondatore del comitato per via Gradoli, i proprietari degli immobili di questa strada devono sicuramente molto… …dallo “scandaloso caso” Marrazzo ad oggi, grazie anche al suo supporto, la “mala”frequentazione della strada si è ridotta di almeno l’80% considerando nel 20% rimanente non i meno …”pericolosi”… Lo stesso Sig. Lucio Maria@ ha, nel suo condominio, problemi di “strutturati affitti” che da anni attendono risposte concrete… L’appartamento in questione di cui fino ad oggi mi era sconosciuto il nome (anche se riesco ad intuirne il significato) cominciò a venire affittato da un “tal certo” impiegato di banca di Viterbo (così mi venne detto) ma al suo posto cominciarono ad alternarsi diversi “sub?”affitti da parte di altri gruppi di transessuali finchè, sfitto, non venne affidato ad una professionista che (per quanto lei m’illumini) era anche meretrice ma professionista dell’affittare regolarmente, pagare i primi tre mesi e poi aspettare lo sfratto senza più pagare per anni… La stessa “signora” ha sia con se un minore quanto all’epoca aveva con se ed in quell’appartamento un maggiore ma, in tutto ciò vorrei disquisire sull’educazione ed ancorpiù il rispetto per gli altri che sono alla base di una civile socialità ed in lei assenti in qualsiasi ora del giorno o della notte… (sembra che tale signora abbia trovato nuovo appartamento in affitto Via S.Godenzo).
    Le grida di quei bambini così apparentemente felici sono, per la mia memoria, una delle poche gioie da sentire durante il giorno quanto, spero fino a ieri sera, si siano potute sentire le alterate grida di un “usurpatore con altri figli di altra moglie in altra casa, la presunzione di chi era era solito alzare il gomito non esattamente a casa sua.
    Mi auguro che quei bambini, la loro mamma e soprattutto la loro nonna che li ospita, possano avere, per quanto possa durare, un futuro il più al lungo sereno…

  3. Nella P.A. rientrano sia gli uffici amministrativi, sia le forze deputate alla sorveglianza e alla pubblica sicurezza.

    Le prime latitano, mentre alle seconde va il plauso.

    Grazie Lucio, grazie Alessandro

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome