Home ATTUALITÀ Atac, lotta ai portoghesi grazie alla tecnologia

Atac, lotta ai portoghesi grazie alla tecnologia

atac.jpgDalla prossima settimana venti controllori di Atac saranno dotati di palmari di nuova generazione che faciliteranno le operazioni di verifica dei biglietti e l’emissione dei verbali che ne dovessero conseguire. Lo comunica, in una nota, l’Atac spiegando che questo è solo un primo passo.

“L’innovazione – si legge nella nota – segna l’inizio di un percorso, coerente con gli obiettivi aziendali di efficientamento della gestione della controlleria, che si concluderà entro pochi mesi, quando tutte le squadre di verifica saranno dotate di questi strumenti”.

Secondo Atac, l’innovazione consentirà, fra le altre cose, di valorizzare la nuova norma approvata dalla Regione Lazio, che dà la possibilità ai cittadini di pagare entro cinque giorni in misura ridotta la sanzione per il mancato pagamento del biglietto.
La legge prevede, infatti, che la multa per titolo di viaggio non valido o mancante non potrà più essere pagata al controllore in forma ridotta. Il controllore potrà solo rilasciare il verbale, identificando l’utente, essendo dotato di poteri di polizia amministrativa.

Rimane invece l’agevolazione per il viaggiatore trovato senza biglietto o con biglietto non valido, che potrà ancora pagare in forma ridotta del 50% la sanzione (50 euro invece di 101,5) entro i cinque giorni successivi all’emissione del verbale.

L’ Atac metterà a disposizione diversi canali di pagamento, anche elettronico, come per esempio si è già fatto per le sanzioni sulle strisce blu.
“Tale innovazione – conclude la nota dell’azienda dei trasporti – consentirà un rapporto più trasparente fra azienda e clienti, che avranno il vantaggio di poter pagare in misura ridotta, anche se, al momento della sanzione, erano sprovvisti di denaro contant,- evitando la lunga procedura dell’ordinanza di ingiunzione, fino alla cartella esattoriale Equitalia.

Per Atac, inoltre, sarà una notevole semplificazione amministrativa, anche perchè il provvedimento stabilisce l’equivalenza fra le infrazioni al codice della strada e quelle del titolo di viaggio e il controllore dotato di palmare potrà operare con maggiore efficacia al servizio di clienti del trasporto pubblico”.

Fabrizio Azzali

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Quest’incredibile tecnologia in bytes permette progressi quotidiani che solo dieci anni fa erano inpensabili… …spero che presto tutto ciò possa venir applicato anche per tutti gli operatori ecologici che già dai primissimi turni del nuovo giorno passano una mezzora in un bar, una seconda in un altro …e così via…

  2. Ma quale innovazione, siamo in ritardo di decenni.
    Negli altri paesi l’autista emette anche biglietti impedendo la salita a chi non paga… in un colpo solo abbatti i portoghesi del 100%.
    Ovviamente qui in Italia sindacati ed autisti sono contrari… dovesse essere troppo lavoro

  3. A me sembra una boiata pazzesca.
    Il palmare servirà solo per stilare multe ed eventualmente inviarle e redigerle in tempo reale. A che serve ? Quale beneficio reale ?
    Mi sembra un’altra regalia mezzo appalto.
    Immaginate che qualcuno tra i venti controllori di Atac oserà avvicinarsi allo zingaro di turno per chiedere il biglietto o financo la sua obliterazione ? O magari all’extracomunitario carico di merce contraffatta ? Oppure anche all’italiano insolente ?
    io non immagino e non credo.
    Ci sono centinaia di impiegati in Atac che scaldano la sedia , giocano a carte e fanno la spesa.
    Metteteli come si faceva nel passato a controllare i biglietti all’ingresso ed eventualmente rilasciarli all’occorrenza ( non è sempre agevole trovare un punto vendita specialmente nei festivi ).
    Si sale dietro e si scende davanti , nessuno scappa in questo modo.
    Una minchiata tecnologica il cui “beneficio” si riduce con il vantaggio di poter pagare in misura ridotta !! Ah Ah , a Roma se dice e me coijoni che svorta !

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome