Home ATTUALITÀ Gino, il gabbiano di Ponte Milvio

Gino, il gabbiano di Ponte Milvio

gabbiano

Continua la storia dei gabbiani adottati a Roma Nord. Dopo Jonathan, il gabbiano “residente” a Piazza Giochi Delfici, ecco Gino, che di via Prati della Farnesina, a Ponte Milvio, ha fatto la sua fissa dimora. E’ tutto casa e chiesa: una svolazzata sul tetto della parrocchia e poi pranzo e cena in un ristorante.

Da circa due mesi infatti, in Via dei Prati della Farnesina, a due passi da Ponte Milvio, c’è un gabbiano che è diventato polo di attrazione della zona e che ha deciso di eleggere come sua casa adottiva il ristorante “Molo 10”.

Tutto inizia una mattina di due mesi fa quando il simpatico volatile si ferma sul terrazzino della casa di fronte al ristorante. Staziona per diverse ore, fermo, immobile, ma incuriosito e forse allettato dal profumo di pesce.

La stessa scena si ripete per diversi giorni finchè il gabbiano ha cominciato a prendere confidenza.

In poco tempo ha adottato gli stessi orari del ristorante e sopratutto, come un cronometro, la mattina si fa trovare alle 9:30 sopra il tetto della veranda ad aspettare che arrivi Roberto per poi volare via solo quando il ristorante chiude ben dopo la mezzanotte.

gab4702.jpg

Ma la cosa simpatica, e lasciatecelo dire, anche un po’ tenera, è che questo gabbiano ha eletto come sua seconda famiglia il proprietario e il suo collaboratore Pietro.

Infatti quando Pietro si reca tutti i giorni dal tabaccaio, a pochi metri di distanza, per comprare le sigarette, il volatile lo segue passo passo con gli stessi movimenti di un’anatra. Lo aspetta fuori per riaccompagnarlo poi al ristorante. Quasi fosse una scorta.

La scena, divertente e insolita, viene fotografata e ripresa da diverse persone. Da quale giorno è diventato l’attrattiva della zona. Naturalmente a questo gabbiano hanno dato un nome e l’hanno chiamato Gino perchè “somiglia” ,in qualche modo, a un cocomeraro proprietario di un chiosco vicino Formia.

gab4701.jpg

Ma Gino è andato oltre, ormai infatti mangia la sua razione di cibo quotidiano dalle mani di Pietro e di Roberto, solo dalle loro mani. Qual è il suo cibo preferito? Le alici, cucinate in qualsiasi modo. E infatti nel ristorante, in suo onore, hanno inserito nel menù le “Alici alla Gino”.

Ilaria Galateria

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome