Home CRONACA This Is Food alle Officine Farneto, di scena la food culture

This Is Food alle Officine Farneto, di scena la food culture

tif3.jpgSabato 24 e domenica 25 maggio, Snob Production, in collaborazione con Officine Farneto, presenta in via Monti della Farnesina 77 la seconda edizione di This Is Food, il progetto dedicato alla nuova food culture metropolitana che mette in rete le più interessanti realtà del panorama gastronomico di Roma.

Dopo il successo ottenuto il 13 ottobre 2013 con oltre 4mila presenze (alle 14 ci fu addirittura l’en-plein e gli organizzatori dovettero stoppare temporaneamente l’accesso: per quanti erano all’interno tanti erano in attesa di entrare), This Is Food torna alla grande proponendo un programma ricco di contenuti, non soltanto culinari, che si svilupperanno il sabato, a partire dall’aperitivo fino a tarda sera, per proseguire poi la domenica, dal brunch allo spuntino di mezzanotte.

Rispetto alla scorsa edizione potranno essere utilizzati nuovi spazi esterni, così da godersi a pieno il clima estivo dell’ultimo week end di maggio.
Nell’ottica di una particolare attenzione alla natura, saranno eco-friendly, completamente biodegradabili, tutti i piatti, i bicchieri e le posate utilizzate durante i due giorni dell’evento.

Le novità

Tantissime le novità di questa seconda edizione.

Fra le più interessanti rileviamo la presenza di Bioradar, il primo ed unico social network e marketplace green, nato per mettere in contatto aziende ecologicamente virtuose e consumatori responsabili e attenti. Ogni giorno migliaia di persone in tutta Italia si collegano a www.Bioradar.net  per scoprire quali realtà eco, bio e artigianali si trovano sul proprio territorio e per rimanere aggiornati riguardo ai loro servizi, prodotti, eventi e iniziative.

Bioradar realizzerà un inedito store con una serie di prodotti biologici, artigianali e piccole produzioni di qualità, per cui sarà possibile portarsi anche a casa proposte gastronomiche rare ed eccellenti.

C’è poi una nuova sezione dedicata alle più recenti aperture che stanno andando ad arricchire il panorama romano della ristorazione. Tra queste Supplizio, il progetto dello chef Arcangelo Dandini dedicato al cibo di strada ed alla fusione tra la cucina della tradizione popolare e la grande cultura gastronomica rinascimentale di Roma.

E poi La Portineria, la pasticceria (e non solo) nata dall’incontro di food designer, interior designer, esperti di food management con il campione del mondo di pasticceria juniores Gian Luca Fiorino.

tif4.jpg

E ancora Ciao Checca, il nuovo street-format che s’ispira alla tradizione, con un’inimitabile Pasta alla Checca ed altre ricette di casa, cucinate espresse e preparate solo con le migliori materie prime.

Oppure Fantastick, il nuovo gelato a stecco che viaggia su gomma, con un’ape attrezzata che il 24 e il 25 maggio parcheggerà negli spazi aperti di This Is Food.
Al suo fianco la nuova versione dell’Ape Romeo, il progetto street del ristorante/forno ideato da chef Cristina Bowerman, Fabio Spada, Alessandro e Pierluigi Roscioli, che si dedicherà ad una particolare versione del fish & chips.

Per viaggiare senza passaporto, Zoc è la Glocal Kitchen dove i prodotti a km 0 si colorano con spezie di terre lontane, in una fusione inedita e ricca di sorprese, mentre Haus Garten , coi suoi bagel, pancake e hot dog, pare un angolo di New York City trapiantato nel quartiere Prati di Roma.

Osteria Mavi rappresenta un mix originale tra il design e la creatività di una factory metropolitana, e il calore accogliente di una trattoria di quartiere. La Santeria, pochi metri quadrati al Pigneto sospesi tra eleganza e sostanza, sacro e profano, specchi antichi e servizi di porcellana, pagnottelle e scarpette.

tif2.jpg

Format fortunati e originali sono quindi Fish Market, il ricchissimo mercato del pesce, in cui scegliere personalmente la materia prima che vogliamo ritrovarci pronta in tavola e Aromaticus, una strana macchia verde al centro di Roma, un po’ vivaio e un po’ bistrò, dove è possibile scoprire ingredienti buoni e sani per il corpo e per la mente.

E ancora Bancovino – con i suoi prodotti eccellenti provenienti da tutta Italia e non solo – e Quarto, che dal barbecue di This Is Food proporrà i suoi famosi hamburger, perfetto connubio tra i sapori della tradizione e il gusto più cosmopolita del grande classico della cucina d’oltreoceano.

Queste ed altre ancora le realtà presenti alle Officine Farneto, che accoglieranno anche la Gluten Free Area, curata quest’anno dallo chef Deukuoo Ferretti Min. Uno spazio pensato per chi soffre di celiachia e intolleranze al glutine, ma non vuole rinunciare a sperimentare proposte creative e nuovi sapori.

tif5.jpg

This Is Food ospiterà anche una serie di mini-workshop, proposti in collaborazione con Hotpoint-Ariston e realizzati con alcune realtà presenti nella scorsa edizione dell’evento, come Fonderia, Grandma Bistrot e Pastificio San Lorenzo.

La Kids Area, con i corsi di cucina dedicati ai bambini, a cura di Les Chefs Blancs, fondata dallo chef Igles Corelli, e i laboratori dedicati al rapporto tra arte e cibo, a cura di Zelda De Lillo.

E poi tanta musica, con i dj set che accompagneranno l’evento ininterrottamente durante tutta la giornata.

Appuntamento alle Officine Farneto, via Monti della Farnesina 77

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome