Home ATTUALITÀ Cesano, muore investita da autocarro in via di Baccanello

Cesano, muore investita da autocarro in via di Baccanello

autoambulanzaTragico incidente a Cesano in via di Baccanello, una strada pericolosa più volte teatro di gravi incidenti. Verso le 9 di questa mattina, all’altezza del civico 338, una donna è stata trascinata e investita da un autocarro. E’ stata subito trasportata al pronto soccorso ma poco dopo ne è stato dichiarato il decesso. Fino a poco fa la vittima non era stata ancora identificata. La dinamica, stando a quanto appreso da alcuni residenti, è agghiacciante.

Parrebbe infatti, stando alle voci raccolte a Cesano, che il conducente dell’autocarro, dopo aver finito la consegna di prodotti a un supermercato locale, abbia iniziato la manovra per ripartire ma nel farlo avrebbe agganciato la donna, non è chiaro se per gli abiti o la borsa, che stava transitando proprio in quel momento. La donna è stata così trascinata per qualche decina di metri e poi investita. Così ci è stato riferito.
Sul posto, ad effettuare i rilievi, sono intervenuti gli agenti del XV gruppo di Polizia Municipale.  Maggiori dettagli nelle prossime ore.

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Dopo anni è stato aperto un supermercato con ampio parcheggio ma senza alcuna regolamentazione del traffico. Macchine e camio entrano ed escono dal piazzale direttamente sulla Via di Baccanello attraversando il marciapiede su cui insite anche la fermata ATAC. Una strada che doveva essere sostituita da una bretella e che invece ogni giorno vede aumentare il suo traffico indiscriminatamente. Questa povera signopra è un’altra vittima che spero vada a pesare sulle coscienze degli amministratori inetti.

  2. Purtroppo è successo, ma per definire le colpe occorre conoscere la dinamica dell’incidente; potrebbe trattarsi di una tragica fatalità. Comunque su quella maledetta via, le fermate dell’autobus sono a raso e lo 036 passa ogni 45 minuti costringendo ad attese interminabili mentre i veicoli sfrecciano passando sulle scarpe di chi aspetta. L’ATAC non si degna neanche di segnalare gli orari (sarebbe facilissimo),e questa è l’Italia, terra di nessuno.

  3. L’utilissima bretella è stata iniziata, ma non completata. Vincoli, burocrazia ed ignavia riescono a fermare qualsiasi buona iniziativa. Quato ai vigili sono troppo occupati a fare multe inutili ed infami a Prati e nei quartieri bene per far contento Clemente e gli squallidi spioni che mandano le segnalazioni al suo sito.
    Gran parte della città versa in uno stato di sporcizia, degrado e caos e Clemente si mette a fare il pignolo come se fosse in Svizzera e applica la tolleranza zero ai parcheggi irregolari.

    Il pessimo servizio del trasporto pubblico neanche lo commento.

    Un caro saluto.
    Francesco

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome