Home ATTUALITÀ Tira brutta aria sulla Ferrovia Roma Nord

Tira brutta aria sulla Ferrovia Roma Nord

mascherina.jpgTira brutta aria sulla Ferrovia Roma Nord, aria irrespirabile, è probabile che i pendolari comincino a viaggiare con la mascherina. Non è un problema di xenofobia ma di igiene. E’ questo il succo dell’ennesima denuncia che arriva dal Comitato Pendolari che, in rappresentanza dei quasi 1200 iscritti utenti quotidiani della Roma Nord, ha preso carta e penna e ha scritto all’ATAC, al Sindaco di Roma, e alla Regione Lazio. Per dire cosa?

 “Per segnalare l’immane stato di degrado dei treni, soprattutto dovuto a persone che viaggiano senza rispettare le normali condizioni igieniche” fa sapere Fabrizio Bonanni, portavoce del Comitato, nel rendere noto alla stampa il contenuto della missiva che così recita.

“Spett.le Atac, segnaliamo, ma son cose note a chi viaggia, che regolarmente hanno accesso in stazione a piazzale Flaminio e sui treni persone sporche, mal vestite e senza biglietto…soprattutto nella fascia 18-20. Su quei treni l’aria è irrespirabile e gli utenti devono convivere con miasmi di ogni tipo. Avete il dovere di intervenire e far rispettare le vostre condizioni generali di trasporto, soprattutto l’art. 17. Quando compriamo un biglietto e abbonamento noi le accettiamo implicitamente, allora fatele rispettare altrimenti il contratto è nullo.”

Il Comitato invoca una risposta ma nel contempo preannuncia “un nuovo esposto alla Procura della Repubblica.”

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Sono anni che questo degrado si osserva sui treni Roma Civita Viterbo! Non puoi, ne sederti ne tantomeno avvicinarti a certe persone: puzzano, strillano, suonano distribuiscono santini. Se trovi un posto a sedere ti si avvicina uno di loro e sei costretto a cedere il posto e ad allontanarti! Senza contare i viaggiatori abusivi. I controllori chiedono i documenti e loro ti ridono in faccia. Al sindaco di roma: concedi loro tessere regolari – gratis e multate solo gli italiani!

  2. Tutti i giorni sono costretta, PURTROPPO, a prendere il trenino andata e ritorno Labaro/Flaminio .
    Per prima cosa è inconcepibile vedere durante tutta la tratta, e dico tutta la tratta, campi nomadi sparsi e montagna si spazzatura che vi regna a cielo aperto, come anche sulla Via Flaminia.
    Per quanto riguarda l’articolo di cui sopra, questa sera alle ore 20.00, come da una settimana a questa parte, si è arrivati all’inverosimile tra spintoni e urla tra “noi passeggeri che paghiamo la tessera” e che vorremmo viaggiare in modo civile e “persone” che fanno il loro comodo, perché sanno di poterlo fare.
    Vedere personaggi che passano i tornelli “appiccicati” a persone che vidimano il biglietto e nessuno fa niente vi assicuro che la rabbia sale.
    Salire sul trenino è un’impresa perché i primi “devono” essere questi personaggi sporchi e puzzolenti pieni di buste, cassette, bidoni pieni di acqua, ecc.. e l’aria e irrespirabile.
    Quello che mi chiedo è perché persone che stanno alla stazione Flaminio e che dovrebbero controllare rispondono che “non possono fare nulla” ?
    Vorrei tanto vedere chi di competenza del XV municipio, Sindaco, nessuno escluso, fare un viaggio sui trenini, soprattutto la mattina alle 8.00/8.30 e la sera 19.00/20.00.
    E mi auguro che lo scempio che regna tra gli alberi e sotto i ponti sparisca prima che venga il caldo.
    Vi assicuro che siamo arrivati al punto di non sopportazione.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome