Home ATTUALITÀ XV Municipio, domani primo Consiglio 2014

XV Municipio, domani primo Consiglio 2014

La prima seduta 2014 del Consiglio del XV Municipio si terrà dalle 12 di domani, martedì 14 gennaio, nella sede di via Flaminia 872 con un nutrito ordine del giorno composto da quattro proposte di risoluzione e due mozioni. Si inizierà parlando della manutenzione straordinaria necessaria ai bagni del plesso scolastico San Godenzo, sulla Cassia, un problema venuto prepotentemente alla ribalta un paio di mesi fa.

La seconda proposta riguarda l’istituzione dell’elenco denominato “Associazioni Femminili” all’interno dell’Albo che raggruppa tutte le associazioni culturali presenti sul territorio.

A seguire, dopo tutte le polemiche sorte a inizio dicembre sulla presenza di una giostra e relativi camion sul prato del parco Marta Russo di Labaro lasciato poi qualche giorno fa in pessime condizioni, si discuterà della tutela dello stesso e di concessioni temporanee di occupazione del suolo pubblico nelle limitrofe aree di sosta in via Gemona del Friuli.

La quarta e ultima proposta di risoluzione riguarda la possibilità di aprire la sala consiglio del Municipio a iniziative ed eventi culturali.

Le mozioni che verranno discusse subito dopo sono inerenti al tema degli sfratti e a quello dell’acqua potabile e al riavvio di processi di ripubblicizzazione.

Visita la nostra pagina di Facebook

23 COMMENTI

  1. E silenzio assoluto sulle dirette su internet dei consigli comunali… mahhh e c’è ancora chi crede in una sinistra seria e coerente… le favole raccontatele agli altri..

  2. Per il poco che può valere il mio parere troppe dirette non risolvono il tema di una corretta informazione e ancor meno rispondono all’esigenza di trasparenza e “accontability”. Ho seguito le dirette fatte dal M5S e dopo che ne vedi un paio, nonostante sia motivato, sia in parte un addetto ai lavori, ti passa la voglia e fai qualcosa di più motivante. Credo che un servizio di 10 minuti che dia conto delle questioni discusse in Consiglio, con un paio di interventi di maggioranza e opposizione come commento e conto delle diverse posizioni politiche sia più adeguato e invitante. Per chi cerca, invece, informazioni più puntuali, si potrebbe ad esempio pubblicare tutte le deliberazioni e ordini del giorno approvati in Consiglio e anche, cosa he sembra più difficile della pubblicazione dei segreti di Fatima, anche delle deliberazioni di giunta.

  3. Anche io penso che la diretta dal Consiglio non serva a molto; penso invece che sarebbe molto più interessante sapere come si svolge il lavoro delle Commissioni, dove maggioranza e opposizione si incontrano per studiare i problemi del territorio e prospettare soluzioni. Purtroppo non si riesce a sapere nulla: della Commissione Trasparenza non si sa neppure quando si riunisce….

  4. Dalle linee programmatiche del presidente del XV municipio :” lntendiamo realizzare le dirette web delle sedute consiliari (risoluzione n. 4 del 2009), da
    finanziare con i fondi della Presidenza del Municipio, così da dare massima condivisione ai lavori dell’Aula. Già da adesso, peraltro, stiamo predisponendo il “registro delle interrogazioni”, dando finalmente attuazione alla previsione dell’art. 26 del Regolamento Municipale, finora rimasto – sotto questo aspetto – lettera morta.”
    Ora il Pd e il suo rappresentante Pira sconfessano il loro presidente, il quale finora (a sua volta) non ha fatto rimanere il tutto “lettera morta”, ma l’ha morta e sepolta… ma i fondi del presidente a cosa servono?? domanda che cadrà nel vuoto…

  5. Le delibere, mozioni e quantaltro sono pubblicate sulla pagina internet del Comune di roma, nella sezione Atti e Deliberazioni, basta fare la fatica di andarsele a cercare; per quanto riguarda i lavori delle commissioni, credo che si possa partecipare liberamente, sono pubbliche, anzi sarebbe opportuno che qualche cittadino di buona volontà controllasse cosa fanno i consiglieri.

  6. @ NICO FERRI
    Visto che l’ha citato nello stralcio – da Lei riportato – delle linee programmatiche…: il “Registro delle interrogazioni” è stato già predisposto ormai da qualche mese dal Presidente Torquati.
    Quanto al resto, ho fiducia che si penserà anche alle dirette web, appena ce ne sarà la possibilità (se non ricordo male – ma può darsi che mi sbagli -, per il 2013 Torquati aveva rinunciato ai fondi destinati alla sua presidenza).
    Caro Ferri, la nuova consiliatura è iniziata da poco: quanto esposto nelle linee programmatiche non deve mica essere attuato necessariamente entro i primi 7 mesi!

  7. @ Diamante, da semplice cittadino noto che lei è “troppo informato”, troppo puntuale nelle risposte per essere un semplice cittadino come il sottoscritto… mi fa molto pena un addetto ai lavori che si nasconde, ma è un suo problema… Per quanto riguarda il registro che cita, le faccio semplicemente notare che il “suo” presidente non ha fatto altro che ratificare una risoluzione della vecchia amministrazione, quindi capirai che grosso sforzo… Per inciso tra altri 7 mesi le dirà che è passato poco più di un anno e c’è ancora tempo per attuare quel programma,ma come già dicevo , a rimetterci siamo solo noi.

  8. @ Pulcino….se non si conosce il periodo, il numero o qualsiasi altro strumento per individuarle, è praticamente IMPOSSIBILE….
    Sarebbe molto più utile (e trasparente…) pubblicarle in ordine cronologico e per “oggetto” sul sito del Municipio.. o no ??

  9. @Ferri, non confonda gli obiettivi (che sono ciò che conta) con gli strumenti per raggiungerli. Condivido la necessità di efficacia e trasparenza nel gestire la pubblica amministrazione. Per essere adeguatamente informati non è utile essere sommersi da troppe informazioni poco significative e magari nascondere nel mare magnum della rete decisioni importanti. Si sperimentino le dirette web del Consiglio e se saranno seguite e funzionano si continui. Se , come io penso e temo, sono poco adeguate per una corretta informazione della pubblica opinione occorrerà utilizzare altri strumenti. E questo non significa sconfessare nessuno ma utilizzare la ragionevolezza e la capacità propositiva per far funzionare meglio i processi e non buttarla sempre in caciara o in stucchevoli dietrologie.

  10. @ NICO FERRI
    Prendo quello che ha scritto su di me per un complimento, atteso che non sono un addetto ai lavori.
    Le informazioni che mi “rimprovera” di avere le reperisco su VCB, testata che riporta con grande puntualità le vicende municipali e su cui scrivono Presidente ed assessori (i quali, a loro volta, arricchiscono le informazioni giornalistiche).
    Non lavoro in municipio e sono un cittadino semplice, tanto quanto Lei.

    Quanto ai tempi, Le faccio notare che quella relativa alle dirette web era una risoluzione del 2009: scusi, perchè non s’è lamentato mai con la precedente Giunta Giacomini, che avrebbe dovuto dare seguito a quanto risolto dal Consiglio? Dal 2009 al marzo 2012…: questo sì che è un bel ritardo, non trova?

  11. @ Pira, mi scusi, ora vieni a dire “si sperimentino le dirette web che ritiene poco adeguate”???? ma se lei e il suo presidente ne avete fatto un cavallo di battaglia durante la campagna elettorale, ma pensate veramente che tutti dimenticano le cose promesse?? Siete proprio Voi che cercate di buttare tutto in caciara, se adesso venite a dirci che le dirette web sono poco adeguate per una corretta informazione. Non può parlare di ragionevolezza chi si sconfessa da solo… d’altronde leggo oggi sui giornali che sconfessate il sindaco che avete eletto e forse pensate ad un appoggio esterno… ma vi rendete conto di cosa state dicendo???
    @ Diamante, la sua risposta non fa altro che confermare quanto ho detto in precedenza… la gente capisce , non è stupida, ma come dicevo è un suo problema, i nostri invece sono di avere a che fare con degli inetti…

  12. @ Pulcino: con la “raccapriciante” gestione Giacomini, sul sito del Municipio erano pubblicati (almeno) gli atti del Consiglio e le delibere….
    Torquati ci aveva promesso MOLTO DI PIU’….ossia anche on-line le delibere di Giunta e, soprattutto, il repertorio delle Determinazioni Dirigenziali che è la descrizione più affidabile, evidente e trasparente di quello che succede in una Amministrazione.
    Non solo non ha rispettato gli impegni (ancora…) ma ha tolto anche quel poco che c’era di consultabile….
    Non ci fate rimpiangere….”capoccione”….

  13. rassegnamoci, finchè nel pd ci sarà gente che giudica le dirette noiose ed inutili e preferisce il “taglia e cuci” tipico della “propaganda” rifilataci fino ad oggi, non c’è speranza.

  14. @Matteo è il populismo dilagante e la demagogia imperante che ammazzano la speranza. Non il ragionare con la propria testa e tentare di interloquire con buon senso per sottolineare ciò che si ritiene adeguato e prioritario. Io non son contrario alle dirette web per principio. Ma neanche devono diventare la bacchetta magica che risolve il problema della trasparenza e dell’efficacia dell’agire dell’amministrazione. E’ vero che nel programma del presidente Torquati c’era un punto sulle dirette web dei Consigli (risoluzione n. 4 del 2009) come strumento per la trasparenza e promuovere la partecipazione consapevole dei cittadini. Gli strumenti si devono però monitorare e devono risultar adeguati per arrivare all’obiettivo (informare adeguatamente, promuovere la partecipazione democratica, essere efficaci nell’agire, ottenere risultati adeguati nel risolvere i problemi) altrimenti è razionale correggere ciò che non funziona. Non mi piace la faziosità e non si farei un buon servizio al mio partito dicendo che tutto va sempre bene a prescindere. Questo lo fanno i fondamentalisti e gli stupidi. E mi creda faccio di tutto per non essere niente di questo.

  15. @Ferri, ribadisco che il cavallo di battaglia in campagna elettorale è stato difendere l’esigenza di trasparenza, coinvolgere nelle decisioni il più vasto numero di cittadini con modalità adeguate,essere efficaci nel risolvere i problemi prioritari. Non impiccarsi con strumenti che vanno valutati in relazione agli obiettivi da raggiungere. Poi se tutto deve diventare polemica tra le parti per un po’ va bene ma se si rimane solo a questo non si amministra e non si trova nessuna soluzione ai problemi. Ed è quello che questa amministrazione mi sembra non voglia fare

  16. @Pira, le polemiche non ci sarebbero proprio se quanto promesso in campagna elettorale abbia avuto una conseguenza pratica : lei parla di esigenza di trasparenza, di grazia ci faccia sapere cosa ha fatto finora quest’amministrazione in tal senso,le chiacchiere stanno a zero.
    Prima le dirette web erano priorità, ora sono diventati strumenti da valutare, mi spiace ma NON SIETE PROPRIO CREDIBILI, meno male che in tanti si sono già ricreduti su di voi… continuate così, state facendo un “ottimo lavoro” per essere cacciati quanto prima….
    p.s. : non venga lei e il suo partito a parlare di polemiche… quello è il settore in cui voi siete maestri..

  17. Che le devo dire Pira, la pensiamo diversamente.
    Io ho l’impressione che da un po di tempo a questa parte
    si utilizzi la scusa del “populismo dilagante” della “demagogia” per
    nascondersi.
    Io capisco ció che dice, sono contrario perchè secondo me
    è un processo inevitabile: il mondo cambia, le tecnologie cambiano
    e cambiano anche le informazioni. Cambia il modo di ragionare dell’elettore
    che ha intenzione di informarsi a 360 gradi, ha il diritto di vedere senza filtro con i propri occhi quello che succede. Con una diretta il cittadino puó, evitando di venire al municipio ( e le assiucuro che è difficile pure trovare posto), riconoscere la validità dell’operato dei suoi eletti. Vedere le figure che fanno e come si comportano in aula.
    Poi io saró esagerato per lei ma farei le dirette delle commissioni prima dei consigli, e suggerisco a chi puó di essere presente alle commissioni municipali.
    Le ripeto, il taglia e cuci fino ad oggi ci ha portato in basso tra i paesi con “strana” libertà di informazione( la qualità delle informazioni sulle amministrazioni sono un coefficiente di queste graduatorie).E cambiando il regista il risultato non cambia .
    Per quanto riguarda la questione promesse non promesse la trovo inutile in quanto nè i precedenti amministratori nè gli attuali le rispettano.
    In più ció che si approva in aula, finisce chissà dove in attesa di attuazioni che mai avverranno.
    In definitiva: secondo me la diretta avvicina il cittadino alla cosa pubblica, non lo allontana, e garantisce ( in minima parte e su ció concordo) un minimo di trasparenza.
    Per quanto riguarda il “prioritario” io credo che il compito dei nostri amministratori municipali ( visto che quando ci sono meriti sono i loro, quando ci sono i demeriti sono degli uffici) sia anche quello di avvicinare i cittadini all’amministrazione rendendosi trasparenti e capaci di creare più partecipazione possibile.
    Il concetto di “rappresentativo” sta piano piano sparendo visto che qualsiasi colore metti sulla poltrona ruba, ruba comprandosi un paio di mutande verdi ed un paio di borse vuitton.non è populismo è realtà.
    Per tornare al termine populismo cito da wikip:
    Il largo uso che i politici e i media fanno del termine “populismo” ha contribuito a diffonderne un’accezione fondamentalmente priva di significato: è rilevabile infatti la tendenza a definire “populisti” attori politici dal linguaggio poco ortodosso e aggressivo i quali demonizzano le élite ed esaltano “il popolo”; così come è evidente che la parola viene usata tra avversari per denigrarsi a vicenda – in questo caso si può dire che “populismo” viene talvolta considerato dai politici quasi come un sinonimo di “demagogia”.
    La invito allora a leggersi la definizione del Treccani , quella giusta.
    Mi scuso per l’italiano poco corretto, spero di aver ragionato abbastanza con la mia testa, buona giornata.

  18. @Ferri, capisco che in tempi di estrema e immediata semplificazione fare dei distinguo diventa opera complessa e di difficile comprensione. Ne avrei tanti, ma mi limito ad uno : il ruolo di un partito e le sue responsabilità sono diverse da chi eletto per amministrare. Le decisioni in Municipio le pendono la giunta e il Consiglio ognuno per le proprie competenze. di questo rispondono alla legge e politicamente i cittadini. Il ruolo del partito è promuovere la partecipazione democratica e contribuire all’elaborazione d politiche conseguenti. Pertanto mi sento libero di opinare, criticare, proporre anche quando in non perfetta coincidenza con altre proposte che non sono mai definitive e assolute. Per le polemiche politiche e per le decisioni di cambiare amministratori , tutto a suo tempo e luogo, non è all’ordine del giorno di questa settimana.
    @ MATTEO, La ringrazio per la civiltà e gentilezza del suo ultimo intervento. Pensarla diversamente è un valore che va sempre difeso. Se tutti la pensassimo uguale si farebbe più fatica a progredire. Tutto ciò che aiuta ad informare, a creare partecipazione e consapevolezza diffusa va difeso e valorizzato. I mie dubbi sulle dirette web come strumento più adeguato permangono ma sarei felice se mi sbagliassi e invece servissero e fossero sempre seguite da migliaia di cittadini interessati del nostro municipio. Giusto che le promesse si mantengano ea questo la giunta risponda. Che vi sia troppa incoerenza, disonestà, inefficacia nella politica è una valutazione che condivido. La tendenza di partiti e leader che semplificano la realtà promettendo di risolvere facilmente ogni problema non mi convince. Il rifiutare a fatica di istruire, studiare, approfondire ciò che è complesso porta appunto al populismo : cercare il consenso del popolo con promesse per avere un rapporto diretto con le masse senza valorizzare i corpi democratici intermedi che dovrebbero rappresentare meglio i diversi legittimi interessi. Alla politica poi il compito di mediare tali rapporti e privilegiare, per come la vedo io, i beni comuni e collettivi sugli interessi particolari e privati. Infine, dalla Treccani : Populismo è un atteggiamento ideologico che, sulla base di principî e programmi genericamente ispirati al socialismo, esalta in modo demagogico e velleitario il popolo come depositario di valori totalmente positivi. Spesso tra Gesù e Barabba il popolo sceglie il secondo… la qualità della democrazia è spesso cosa più complicata e difficile. Ho riletto l’illuminate saggio di Norberto Bobbio , il futuro della democrazia, Einaudi ed. Lo consiglio

  19. @ Pira, sta forse dicendo che il suo partito non ha responsabilità politiche per l’operato degli amministratori??? è per questo che sta pensando all’appoggio esterno al Campidoglio, forse vorrà farlo anche in municipio… Continuo a pensare ciò che affermavo, non siete credibili quando amministrate, figuriamoci poi se nemmeno il partito che li ha fatti eleggere li appoggia… mahhh… mala tempora…

  20. Siccome scriviamo in un serio spazio partecipato, non fuggo dal rispondere anche alle provocazioni di chi, come Ferri, fa fatica a capire distinguo e ragionamenti che rimandano a qualche conoscenza previa di come funzionano le istituzioni. Comunque, visti i tre punti interrogativi di supporto,, rispondo chiaramente : NO ! Credo che il PD abbia enormi responsabilità per l’operato degli amministratori sai in Municipio, sia in Comune, sia in Regione, sia a livello nazionale. E’ il maggior partito, nel XV Municipio ha tra i suoi iscritti il Presidente, due assessori, la presidente del Consiglio e ha eletto undici consiglieri (esprimendo presidenti di commissione). Per cui massimo appoggio ad ogni livello a governi locali che operano con serietà cercando di risolvere problemi fare una programmazione efficace. Si valuteranno i risultati e gli elettori democraticamente decideranno a suo tempo. Nessuno pensa ad uscite o ad appoggi esterni a nessun livello di governo (municipio e comune). Lei, Ferri è libero di pensarla come meglio crede ma, almeno per quel che mi riguarda, non mi sembra aiuti a fare un dialogo costruttivo ma solo ad alimentare battute polemiche di cui non sento l’utilità. Ad maiora …

  21. @ Pira, la ringrazio per avermi dato del provocatore e del demente, veramente un bel comportamento nei confronti di un cittadino che ha tutto il diritto di esprimere il proprio pensiero che non collima con il suo. E fa anche parte di un partito che si chiama democratico.. ma de che!!!!!
    Una cosa vera però,tra le righe, l’ha detta : NON AVETE SCUSANTI, dato che occupate tutti i posti di potere… ma finora, RISULTATI ZERO .
    Su un’altra cosa le di ragione, parlare con lei non serve, quindi la saluto cordialmente.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome