Home ATTUALITÀ AMA grande assente, Vigna Clara invasa da rifiuti

AMA grande assente, Vigna Clara invasa da rifiuti

nemea120b.jpgTerzo giorno consecutivo di latitanza dell’AMA da Vigna Clara. Nonostante la strigliata del Sindaco Marino, che pare non aver sortito alcun effetto su questo spicchio della Capitale, a metà giornata di oggi, venerdì 3 gennaio, i rifiuti abbondano nelle strade e nei dintorni dei cassonetti colmi all’inverosimile. Il caso più eclatante in via Nemea: circa dieci metri di marciapiede completamente ostruito da sacchetti, bottiglie, cartoni. Impossibile percorrerlo.

Trascorsi due giorni e mezzo dal capodanno le strade di Vigna Clara continuano dunque a essere invase dai rifiuti di ogni genere. Alla latitanza incredibile e inspiegabile dell’AMA si somma però l’inciviltà di alcuni.

In via Nemea, in aggiunta alle decine e decine di sacchetti già presenti da giorni, questa notte qualcuno ha depositato un intero stipite di porta, probabilmente proveniente da un appartamento in corso di ristrutturazione. Il che, con tutte le condanne del caso, non lenisce né diminuisce le responsabilità della municipalizzata che è la vera e grande assente di questi giorni.

via-nemea.JPG   via-nemea2.JPG

AMA ha fatto sapere in una nota che “il ritardo di alcuni giri di raccolta dei rifiuti indifferenziati è dovuto al fatto che la filiera impiantistica, compresi gli stabilimenti di smaltimento finale del Nord Italia, non lavora nei giorni festivi. Pertanto, i rifiuti solidi urbani sono stati temporaneamente portati in aree aziendali di trasferenza che in questi giorni hanno raggiunto la capacità massima di capienza, causando ritardi di alcuni giri di raccolta con conseguente accumulo di rifiuti in alcune zone della città. Assicuriamo che l’azienda ha comunque messo in campo tutto il parco mezzi disponibile per assicurare un servizio di raccolta dei rifiuti efficiente ed efficace e si è attivata per risolvere le criticità ancora presenti al fine di contenere al massimo i disagi per i cittadini”.

Ma nel risolvere le criticità ancora presenti si è dimenticata di Vigna Clara. C’è poco da dire, le foto che pubblichiamo, effettuate fra le 12 e le 13 di oggi, venerdì 3 gennaio, parlano da sole. Qui siamo in via del Nuoto.

via-del-nuoto.JPG   via-del-nuoto-2.JPG

La nota di AMA si conclude con un invito che sembra una presa in giro. Ai cittadini viene chiesto di fare attenzione e li si invita “a separare i rifiuti utilizzando maggiormente i cassonetti per la raccolta differenziata: bianchi per carta e cartone, blu per il multimateriale”.

Peccato che questi cassonetti siano stracolmi e non vengono svuotati da giorni come si vede qui, in via Orti della Farnesina, sempre alle 12 di oggi.

via-orti-farnesina.JPG   via-orti-farnesina-2.JPG

“Come può accadere che un’azienda che ha un suo programma di lavoro non preveda che durante le festa a causa dei regali, delle carte, dei cartoncini, dei cenoni e della maggiore quantità di alimenti che vengono utilizzati, aumentino i rifiuti?”  Se l’è chiesto il Sindaco Marino intervenendo ieri su Radio Radio e stigmatizzando ancora una volta l’operato del management AMA che ha dato priorità alla fruizione delle ferie da parte del personale anzichè mettere al primo posto il servizio alla cittadinanza. “Invece di aumentare il personale – ha rivelato infatti il Sindaco – il personale è stato ancora una volta ridotto.”

Ora si capisce perchè a Vigna Clara, a tre giorni dal Capodanno, non passa nessuno. Sono tutti in ferie? Non c’è altra spiegazione guardando la situazione così come si presenta alle 12 di oggi a Largo di Vigna Stelluti.

largo-vigna-stelluti.JPG  largo-vigna-stelluti-2.JPG

“L’amministratore dell’Ama – ha aggiunto Marino – deve fare come il direttore sanitario di un ospedale, non può chiudere il pronto soccorso la notte di capodanno perché il suo personale deve prendere le ferie. Lunedì 30 ho tenuto una giunta straordinaria e ho assegnato tutti i fondi residui del Comune di Roma, 4,9 milioni di euro, all’azienda per la raccolta dei rifiuti e in cambio abbiamo la città invasa dai rifiuti. Questo – ha concluso Marino – non è accettabile”.

E non è accettabile lo dicono da giorni anche i residenti di via Ronciglione. E anche quelli di via Apollo Pizio, costretti a fare lo slalom fra i rifiuti ancora oggi, 3 gennaio.

via-ronciglione.JPG   via-apollo-pizio.JPG

Per non dimenticare chi, passando per via dei Giochi Istmici, è costretto saltellare da un lato all’altro del marciapiede. Lo ricordiamo perchè sia chiaro: sono le 12.30 di venerdì 3 gennaio, due giorni e mezzo dopo il capodanno bottiglie vuote e scatole del panettone sono ancora in strada, qui a Vigna Clara.

via-giochi-istmici-2.JPG  via-giochi-istmici.JPG

Intanto i Verdi hanno presentato un esposto alla Procura di Roma per interruzione di pubblico servizio “in relazione alla mancata raccolta di rifiuti in questi giorni”. I Verdi ipotizzano anche i reati “di danno ambientale e violazioni contrattuali nei confronti di Ama”.

Oltre al danno ambientale ci  metteremmo anche quello morale, da inutile complicazione della vita. E’ presto spiegato: in questi giorni AMA sta inviando ai romani il saldo 2013 della Tares differenziando la richiesta in importo da pagare per servizi indivisibili e importo per tariffa da rifiuti. A differenza di tanti altri comuni che hanno sommato i due importi in un unico bollettino, AMA ha pensato bene di complicare la vita ai romani che dovranno pagare un importo tramite conto corrente postale e l’altro tramite F24 bancario. Una ne fa e cento ne pensa.

Edoardo Cafasso

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Questa storia del doppio versamento per le due componenti per i rifiuti e i servizi indivisibili è uno scandalo nello scandalo! Questo paese non riesce proprio a semplificare il sistema fiscale che oltre ad essere oneroso è anche complicato! Poi alla fine, dopo aver pagato – tanto e tra mille complicazioni – il Comune comunque non è in grado di darci servizi adeguati, come l’articolo ben documenta. Neanche ad Atene, da quel che mi raccontano italiani che vivono lì, stanno in queste condizioni, e parliamo della Grecia!!! la macchina amministrativa fa acqua da tutte le parti; cambiano i ministri, i sindaci, ma continuiamo ad affondare appesantiti – oltre che dai debiti – da una burocrazia inetta!

  2. e aumentano anche la tassa rifiuti. io chiamo sempre l’ama per le segnalazione perchè in alcune vie non passano mai oppure passano fumano e parlano e non puliscono, faccio le segnalazione all’AMA da anni ma non si risolve nulla. è veramente uno schifo. come si può fare?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome