Home ATTUALITÀ Travolse col furgone Mario Delle Cave, carabiniere condannato a due anni

Travolse col furgone Mario Delle Cave, carabiniere condannato a due anni

Mario Delle Cave, promessa del basket e punta della squadra Stella Azzurra di Roma, morì a 18 anni il 7 settembre 2011 in viale Tor di Quinto. Era assieme ad un suo amico, in sella ad uno scooter, fermo al semaforo. Venne investito da un mezzo dei Carabinieri della vicina caserma Salvo D’Acquisto che piombò su di loro con tutto il suo peso. Dai primi accertamenti e dalle dichiarazioni dell’autista si parlò di un guasto ai freni.

In realtà una successiva perizia tecnica ha stabilito che i freni funzionavano regolarmente. Fu invece l’autista, nell’affrontare in modo troppo stretto una curva, a urtare il marciapiede con due ruote e a perdere il controllo del veicolo che invase l’altra corsia piombando su i due ragazzi fermi al semaforo. Inoltre, la perizia ha anche stabilito che l’autista viaggiava a circa 70 chilometri l’ora nonostante il limite di 50.

E ieri, giovedì 7 novembre, il maresciallo dei Carabinieri alla guida di quel mezzo, nell’udienza svoltasi davanti al GIP Rosalba Liso, ha patteggiato ed è stato condannato a due anni di reclusione con sospensione della pena.

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Due anni per omicidio colposo. Ed è libero pur avendo affermato il falso. Fossi nei panni dei genitori non so cosa mi passerebbe per la testa. Non certo buoni propositi.
    Pace a Mario.

  2. Perchè Prof. Vigna si meraviglia tanto? Ogni giorno leggiamo di stragi sulle strade e di colpevoli (ubriachi, drogati, senza patente) mandati liberi o agli arresti domiciliari. Siamo lo zimbello del pianeta per la nostra giustizia da terzo mondo. Pace? Non certo per i familiari di questi morti.

  3. Strix ha perfettemente ragione..il guaio è che purtroppo di questi fatti ne abbiamo fatto una consuetudine e non ce ne meravigliamo più…in questo caso poi si tratta di carabinieri…di cosa stiamo parlando ?…Questo è il paese.
    Si Pace a Mario…anche se ingiustizia è fatta per l’ennesima volta !

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome