Home ATTUALITÀ XV Municipio – Paccione, Tricoli (PD): “Scuole con giardini incolti? Colpa di...

XV Municipio – Paccione, Tricoli (PD): “Scuole con giardini incolti? Colpa di Alemanno”

paccione-tricoli.jpg“I giardini delle scuole del XV Municipio sono incolti e gli studenti abbandonati in una sorta di giungla!” Così avevano denunciato i consiglieri PdL Erbaggi e Foglietta in una nota odierna. E immediata arriva la replica. A firmarla sono  il capogruppo PD, Marco Paccione,  e la consigliera Emilia Tricoli che insieme dichiarano: “I problemi di manutenzione dei giardini nelle scuole del Municipio sono il frutto della pessima gestione di Alemanno che, non rinnovando il contratto con la Multiservizi scaduto lo scorso Giugno, ha lasciato senza assistenza i nostri plessi fino ad un paio di settimane fa, quando è stata siglata una proroga”.

“Per questo motivo il XV Municipio ha presentato la richiesta di un crono programma alla Multiservizi, che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni, con una relazione sugli interventi fatti e quelli calendarizzati, cosi da poterli incrociare con le segnalazioni ricevute per dar vita ad un intervento a tutto tondo ed il più possibile tempestivo. L’obiettivo – concludono Paccione e Tricoli – è quello di uscire dalla logica dell’emergenza, della chiamata o dell’intervento ordinario trasformato in straordinario, che ha sempre lievitare i costi, puntando ad una programmazione degli interventi, diffusa su tutto il territorio, coadiuvata dal costante monitoraggio degli interventi fatti.”

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. Cercare il buon senso in chi, in tutte le elezioni svoltesi finora, diceva agli alunni di riferire ai genitori il messaggio di non votare il berlusca , mi sembra un’impresa a dir poco ciclopica…

  2. Cari PAccione e Tricoli,

    vedo che finalmente avete compreso che il nuovo Sindaco di Roma , Ignazio Marino, sia completamente inadeguato.
    E’ chiaro dalle vostre parole che la nuova amministrazione capitolina (in carica dal 10 giugno) non ha pensato a rinnovare il contratto con la multiservizi perchè impegnata in iniziative ben più importanti quali la pedonalizzazione dei Fori Imperiali usando, tra l’altro, i fondi stanziati per la Metro C…..

    Vi ricordo, inoltre, che nel contratto della Multiservizi non era inclusa la sfalciatura delle aree delle scuole medie, motivo per cui il Municipio si adoperava in prima persona…. studiare un po’ di più non vi farebbe male….

  3. Il contratto è scaduto!? Lo sapevate anche voi, Tricoli e Paccione, o no? Rinnovatelo ed evitate ste figuracce… Sapevate che le scuole sarebbero riaperte e che i loro giardini andavano curati… da giugno, aspettate l’11 settembre per mettervi in moto? Bella prova davvero! Del resto, con un Sindaco che va in bicicletta dalla mattina alla sera, dai suoi adepti municipali cosa ci si può aspettare? (nulla…)

  4. Caro Erbaggi e Cara Elisabetta,

    rinnovare un contratto di questo tipo non è una cosa che si fa dal giorno alla notte. Deve essere instituita una procediura di gara che richiede numerose procedure amministrative che devono iniziare molto tempo prima la fine dello stesso. Colpevolmente l’allora Sindaco Alemanno non ha in nessun modo avviato la procedura di gara per tempo, scaricando il problema sull’attuale amministrazione, provocando i problemi citati. Per questo la nuova amministrazione ha provveduto a recuperare gli errori e le omissioni dell’ex Sindaco proprogando il contratto fino a Dicembre. Ma anche questa procedura di proroga richiede dei tempi e delle procedure che non possono essere in alcun modo evitate, pena l’irregolarità, e per questo è stata possibile la proroga solo nel mese di Agosto.

    Il contratto con la Multiservizi per quanto riguarda le scuole Medie è di competenza del Dipartimento Ambiente del comune che ha provveduto a prorogarlo facendosi garantire dalla Multiservizi il completamento delle operazioni di sfalcio in tuttii i plessi entro il mese di Ottobre. In oltre il Municipio ha chiesto e sollecitato la multiservizi ad accellerare le operazione con tempi certi e a stilare un programma degli interventi sul nostro territorio, cosi da permettere al Municipio di controllare l’attuazione degli stessi, uscendo dalla logica dell’emergenza e dell’intervento straordinario.

    Le modalità con cui il Municipio andava ad intervenire in passato nei singoli istituti comportava un aggravio delle spese perchè, sostanzialmente, invece che far rispettare le tempistiche alla Multiservizi, segnalando i ritardi e le incongruità si provveda ad intervenire direttamente su qualcosa che altri erano gia pagati per fare. In questo modo si entrava in una logica dell’emergenza fatta di interventi straordinari (che in realtà erano ordinari).

    Marco Paccione

  5. ma stiamo parlando sempre dello stesso contratto che ricordo io?

    quello assegnato alla Multiservizi, società partecipata di Roma Capitale?

    una proroga ad un contratto di tal tipo implica delle procedure ma certamente non lunghe più di due mesi, in passato ho potuto visionare simili procedure presso il Comune…. inoltre se la proroga è stata siglata due settimane fa perchè gli interventi non sono stati fatti?

    smettiamo di arrampicarci sugli specchi e dare la colpa al passato… cominciate a governare se ci riuscite….

    Roma per la prima volta nella sua storia è senza il Comandante della Polizia Municipale per più di due mesi e gira la voce che lunedì ci sarà una nuova proroga sulle nomine dei dirigenti di tutta la struttura di Roma Capitale… perdendo altro tempo…. ma tanto noi abbiamo i Fori Imperiali pedonali…. che ci frega del resto…

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome