Home ATTUALITÀ Via Gradoli, cadavere in un appartamento

Via Gradoli, cadavere in un appartamento

Macabra scoperta nella giornata di oggi in via Gradoli. All’interno di un appartamento ubicato al piano terra di una palazzina è stato scoperto il cadavere di un uomo, dall’apparente età di circa 40 anni, riverso a terra nella camera da letto. La porta d’ingresso della casa è stata trovata aperta. Sul posto gli agenti del Commissariato Flaminio Nuovo di piazza Azzarita che, al momento, non escludono alcuna pista. Il corpo è stato trovato dagli addetti del 118 chiamati dai genitori dell’uomo. Preoccupati perchè non avevano sue notizie dal pomeriggio di ieri, questa mattina i genitori si sono infatti rivolti al 118 nell’ipotesi che il loro figlio si fosse sentito male.

L’uomo, di nazionalità belga, è un alcolista già conosciuto alle forze dell’ordine ma stava seguendo da tempo una cura contro la tossicodipendenza. Sarà il medico legale a stabilire le cause della morte al termine dell’autopsia che sarà presumibilmente effettuata nella giornata di domani.

Visita la nostra pagina di Facebook

12 COMMENTI

  1. Tengo solo a precisare che non si trattava di un uomo di 39 anni come riportato
    erroneamente da tutti gli organi di comunicazione, ma di un giovane di circa 25 anni, residente in uno dei monolocali del civico 75 da pochi mesi.
    L’errore presumibilmente parte dall’agenzia stampa che per prima ha diffuso la notizia, equivocando con l’età di un altro uomo ritrovato cadavere nella medesima giornata sotto il cavalcavia di Tor Cervara del GRA (appunto di 39 anni).

  2. Oltre alla puntuale osservazione di Frizzoni, aggungo che il civico 75 è uno di quegli edifici su cui da tempo noi del Comitato chiediamo di procedere agli sgomberi. Saluto con simpatia l’avvento alla Presidenza del XV Municipio di Daniele Torquati persona che più volte si è incontrata con noi del Comitato e che conosce benissimo la situazione di Via Gradoli e del quartiere. Mi auguro che lui possa essere più convincente del suo predecessore (Giacomini) con il Sindaco e fargli firmare le più volte richieste ordinanze di sgombero. Quasi tutti noi residenti della via auspichiamo che il tanto decantato vento di cambiamento avvenga non solo a parole ma a fatti: chiediamo ancora una volta lo sgombero di cantine e seminterrati nei civici ben noti alle forze dell’ordine, siamo stufi di passare alle cronache solo per fatti negativi, via gradoli ed i suoi abitanti vanno rispettati!

  3. Elisa, devi sapere che nei monolocali il tasso di mortalita’ e’ piu’ elevatoo, ed in special modo in via Gradoli

  4. Dimenticavo, le previsioni meteorologiche dicono che fino al 2016 NON CI SARANNO VENTI !!!

    I venti cominceranno a fischiare verso il 2017 in vista delle elezioni del 2018.

    Infatti come dicevano gli “Eagles” : The wind of change blows straight into the face of time !

    Bisogna aspettare che ci sia il “time” giusto, per far ripartire l’ armata ….. Brancaleone

  5. Rispondo ad elisa e stefano68. Se vogliamo far finta di niente ok, un fatto è certo (e non lo sostengo io ma lo dicono le cronache) in quegli scantinati, monolocali ecc.ecc. spesso succede qualcosa e noi residenti ne abbiamo piene le scatole di passare alle cronache sempre per fatti negativi. Una volta la bombola che scoppia, una volta l’appartamento viene locato da uno che spaccia, una volta da uno che si ubriaca, una volta ci vive un trans che si incontra col governatore della regione, spesso ci vivono persone totalmente prive di permessi di soggiorno, devo continuare? Non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire e peggior cieco di chi non vuol vedere.

  6. Rispondo a Luciano Frugoni. Sono le persone come lei che pubblicizzano la cosa sui giornali o su questo blog, che rendono la via così famosa !

  7. Forse stefano 68 è proprietario di uno dei suddetti monolocali spesso affittati in nero? o forse è uno dei suddetti inquilini? se no perchè risponde così? per quali sospettabili interessi? perchè vuole censurare l’informazione?occultare è l’attività dei poteri occulti, lei Stefano 68 fa questo mestiere? perchè purtroppo sono i fatti a rendere questa via tanto famosa, e i giornali esistono per informare sui fatti che accadono. E visto che perfino in Egitto e in Grecia e in Russia conoscono via Gradoli, non credo che il signor Frugoni sia colpevole di aver informato anche questi paesi. Quindi o lei è in malafede oppure dove vive?

  8. @ stefano68…. un po’ come dicono certi personaggi… parlare della mafia fa male alla Sicilia… si certo….proprio alla Sicilia….

  9. Rispondo a Stefano68, Io e tante persone della via non abbiamo comprato monolocali o scantinati categoria C2 (cantina) o C6 (magazzino) per poi affittarli come immobili e lucrarci sopra. Forse la presa netta del Comitato le dà fastidio, se ne faccia una ragione…..
    Mi fa piacere constatare che non sono l’unico ad essersi rotto le scatole che questa via passi alle cronache sempre per fatti negativi. Il Comitato e tanti residenti (che non speculano sopra dei poveri diavoli) non sono che vittime di un sistema malato in cui purtroppo i diritti non vengono tutelati. Mi auguro che in futuro questa situazione cambi, ma per poter cambiare bisogna lottare uniti contro questo sistema che finora ha penalizzato le brave persone e premiato gli speculatori.

  10. La prima ipotesi di Erica è quella esatta.
    Simone e Luca, anche voi avete centrato perfettamente il problema.
    Solo le anime candide possono credere che certi fatti avvengano in via Gradoli
    per pura casualità: una casualità che si ripete da circa 40 anni !

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome