Home POLITICA Pedersoli, Cassone (PdL): “Commercio abusivo, cominciamo da Ponte Milvio”

Pedersoli, Cassone (PdL): “Commercio abusivo, cominciamo da Ponte Milvio”

Commercio abusivo e/o commercio ambulante invasivo. A Ponte Milvio è un continuo fiorire di banchi e di chioschi, tanto da rendere impraticabile i pur larghi marciapiedi. Sulla questione intervengono Cristiana Pedersoli, candidata PdL al XV Municipio, e Ugo Cassone,  già presidente della Commissione commercio di Roma Capitale e candidato PdL all’assemblea capitolina, che in una nota stigmatizzano il fenomeno prendendo impegni per il prossimo futuro. 

“E’ arrivato il momento – dichiara Cristiana Pedersoli – di regolamentare l’invasione di bancarelle, che, anche se autorizzate, in alcuni casi, riempiono fino a soffocare i marciapiedi delle nostre piazze e strade rendendo difficile la circolazione dei pedoni. Un esempio per tutti la piazza di Ponte Milvio che suoi spazi ha visto spuntare come funghi una serie di bancarelle che la fanno assomigliare ad un suk. Agire in tal senso vuol dire anche continuare il lavoro che il consigliere Ugo Cassone, presidente della Commissione capitolina sul commercio,  ha portato avanti in questi anni contro il commercio abusivo. Commercio abusivo che a Roma Nord mina alle radici la solidità delle attività commerciali dei nostri quartieri.”

“Nel 2012 a Roma – aggiunge Ugo Cassone  – ha chiuso un negozio su cinque anche a causa della concorrenza di mercatini non autorizzati. E nel 2013 altrettante rischiano la stessa sorte se non si interverrà per frenare questo fenomeno. La Capitale ha l’occasione di rimettersi in sesto e di superare la crisi ripartendo dal commercio. Per farlo è però necessario introdurre il reato di commercio abusivo che nasconde un vero e proprio racket alle sue spalle e che attualmente è punito soltanto con una sanzione amministrativa. Bisogna quindi – conclude – tutelare tutti gli ambulanti con licenza che quotidianamente svolgono il proprio lavoro e che oltre a dover affrontare il particolare momento di crisi economica, devono anche fare i conti con quanti raggiungono quotidianamente Roma, dai paesini limitrofi, per vendere la loro merce”.

Conclude Cristiana Pedersoli: “Nella prossima consiliatura mi adopererò affinché le concessioni di suolo pubblico per il commercio ambulante siano compatibili con le necessità del territorio e per un controllo stretto dell’applicazione delle concessioni. Mi adopererò anche con le forze pubbliche affinché il cosiddetto commercio ambulante abusivo sia debellato dalle nostre strade coordinando le segnalazioni dei cittadini con azioni delle forze dell’ordine.”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome