Home ATTUALITÀ Candidati sotto esame nel XV Municipio

Candidati sotto esame nel XV Municipio

meet120.jpgCandidati sotto esame al teatro della Chiesa San Giuliano, sulla Cassia. Sottoposti alle incalzanti domande dei comitati locali e dei cittadini, nella serata di ieri, lunedì 13 maggio, sei degli otto candidati alla presidenza del XV Municipio si sono confrontati esponendo programmi e soluzioni, dando ricette e prendendo impegni il tutto all’insegna del fair play e del political correct lasciando deluso chi forse s’attendeva uno scontro all’ultimo voto.

Organizzata dal neonato Coordinamento dei Comitati del XV (ex XX) Municipio, un nuovo soggetto che mette insieme sette comitati e cinque associazioni rappresentando così una gran parte della popolazione locale e che sicuramente fungerà da robusto interlocutore per la nuova amministrazione municipale, quello di ieri è stata una serata ben riuscita, un momento di democrazia partecipata che ha visto una platea piena e attentissima per oltre due ore.

Sei i candidati presidente che hanno accettato il confronto che è stato moderato dal Direttore Editoriale di VignaClaraBlog.it.
In ordine alfabetico erano presenti Simone Ariola (lista Marchini Sindaco), Vincenzo Leli (lista civica Vènti di Cambiamento), Ivana Perina (Casapound Italia), Gaetano Seminatore (lista Sinistra per Roma), Daniele Torquati (PD e liste a sostegno) e Teresa Maria Zotta (Movimento 5 Stelle).
Assente Leonia Coccia (liste varie) ma soprattutto grande assente Gianni Giacomini (candidato PdL e liste centrodestra), ex presidente del XV Municipio.

meet470b.jpg

Numerose le domande. Il via è stato dato chiedendo a ciascuno di parlare di mobilità, grande problema del territorio, e di trasparenza, la cui assenza nel municipio ha segnato l’intera precedente consiliatura.

Poi ogni comitato ha posto una domanda relativa allo spicchio di territorio rappresentato e a rispondere è stato un candidato di volta in volta sorteggiato, lasciando così alla causalità la capacità di far capire quanto fosse preparato o meno sul tema proposto. Una formula che non ha deluso le aspettative.

Un dibattito molto corretto dicevamo, nel corso del quale, tranne qualche punzecchiatura finale, tutti i candidati si sono espressi con fair play l’uno nei riguardi dell’altro. Forse è venuta meno un po’ di quella sana vivacità che fa da sfondo a incontri di questo tipo e che non sarebbe certo mancata se i candidati fossero stati al completo.

Ma in ogni caso si è trattato di un incontro ben riuscito del quale va da dato ampio merito al Comitato Cittadino XX Municipio che si è prodigato nell’organizzarlo.

meet470a.jpg

Per la cronaca, sotto la sigla “Coordinamento Municipi XV Municipio” troviamo il Comitato Cittadino per il XX Municipio, il Comitato Abitare Ponte Milvio, il Comitato di Quartiere “Karol Wojtyla” di Prima Porta, il Comitato Pendolari Ferrovia Roma Nord, il Comitato Giovanni XXIII, il Comitato La Giustiniana, il Comitato Via Gradoli e le Associazioni AssoCommercio Roma Nord, Hermes 2000, Incontrarsi a Roma Nord, Mamme per la scuola e Movimento difesa del Cittadino.

Claudio Cafasso

Visita la nostra pagina di Facebook

12 COMMENTI

  1. E’ stato un incontro molto positivo, ben organizzato e, soprattutto, dai toni molto pacati e sereni, il che non è poca cosa, visto i tempi che corrono…………….
    Vorrei fare un plauso a tutto il Comitato di Coordinamento dei Comitati del XV (ex XX) per l’iniziativa, che auspico essere la prima di tante altre per incidere al meglio nel futuro del nostro amato territorio. Così come ho apprezzato molto l’ospitalità offerta dalla Parrocchia San Giuliano Martire, nella pesona del Suo Parroco Don Luigi Lani.
    L’unica nota stonata è stata l’assenza di Gianni Giacomini, ex Presidente del Municipio XX sfiduciato (sottolineo sfiduciato e non dimessosi), che ancora una volta dimostra quanto grande sia la sua arroganza di fronte alle legittime richieste dei cittadini, a cui lui ha la pretesa di chiedere il voto per il rinnovo alla Presidenza del nostro Municipio. Ma del resto non ci si può aspettare altro.
    Vorrei, al contrario, ringraziare tutti i candidati presenti all’incontro, che si sono sottoposti al fuoco di fila delle domande dei presenti ognuno rispondendo secondo il proprio programma e i propri obiettivi.
    Ben vengano, quindi, questi incontri, che, ripeto, mi auguro diventino degli appuntamenti fissi per mettere effettivamente in atto una politica seria e partecipata.
    Io mi occupo di sociale e coordino un Tavolo Permanente della Solidarietà e, nel mio piccolo, mi permetto di mettere a disposizione tutte le mie energie per aiutare il prossimo Consiglio e il prossimo Presidente del nostro Municipio a porre in essere una azione veramente efficace a favore delle fasce più deboli della cittadinanza e del Volontariato, che tanto fa nel nostro territorio.
    Donatella Molinari

  2. Complimenti!
    Incontro molto bene organizzato e condotto, quindi ben riuscito.
    E molto interessante: due ore volate via piacevolmente oltre che utilmente.
    Congratulazioni e ringraziamenti a tutto il Comitato per la sua iniziativa.
    Enzo e Fiorella Sandulli

  3. Complimenti al Coordinamento dei Comitati del XV Municipio, ed in particolare al Comitato Cittadino per il XV Municipio, per l’idea e per la realizzazione dell’incontro di ieri sera.
    La civiltà è possibile… bisogna che qualcuno ci si impegni e si dia da fare per metterla in moto!

    Grazie

    Flavio Dessy
    Candidato XV municipio “Lista civica per Marchini sindaco””

  4. salve,volevo ringraziare tutti e in particolare al Comitato Cittadino per xv Municipio .IL tempo a disposizione non ha potuto chiarire a 360° ,il programma di casapound italia…,ma un punto che teniamo a ribadire sulla Sicurezza è :Applicazione ed emissione nuove ordinanze di sgombero e ripristino dei luoghi a via Gradoli.Incremento misure di sorveglianza (anche con Polizia municipale)per Fleming e Vigna Clara.Controllo e bonifica argini del tevere ed insediamenti abusivi.Progressivo smantellamento del campo nomadi Roman River.Questo tenevo a sottolinearlo .La mancanza di Giacomini si commenta da sola…. Per qualsiasi chiarimento su i nostri programmi sono a vostra disposizione .Grazie Vento Giovanni Candidato Consigliere XV municipio con Casapound italia …

  5. Come facente parte, anche se da poco tempo, del coordinamento dei comitati e delle associazioni per il XV° municipio (per il sito “Incontrarsi a Roma Nord”) mi auguro che l’incontro di ieri possa essere solo una prima tappa del percorso partecipativo dei cittadini alle politiche locali. Mi aspetterei che da parte del candidato vincente la partecipazione offerta fosse sia a livello consultivo (livello di base) che progettuale per arrivare in un paio di anni al bilancio partecipato (già presente in altri municipi) e alla casa del Municipio (già attiva nel I° e nel XI° municipio della vecchia zonizzazione), fulcri di una partecipazione cittadina eccellente e proficua. E’ stato difficile capire quale fosse il candidato migliore, ognuno di loro ha affrontato meglio alcuni aspetti di altri, i problemi “tecnici” (urbanistici, sicurezza, viabilità) e i problemi sociali (famiglie, vicinato, bambini, persone in difficoltà) inevitabilmente ed inestricabilmente legati, sia nelle difficoltà, sia nelle soluzioni. L’assenza di Giacomini denota “semplicemente” il fatto che non considera i comitati.
    L’unione delle forze della società civile e della politica è un percorso da portare avanti e favorire in tutti i suoi aspetti evolutivi, solo così la qualità della vita delle persone può veramente modificarsi e costituire un valore aggiunto per ognuno.
    Flaminia Bellini

  6. Ero presente all’incontro in doppia veste, sia come candidato al consiglio municipale nella lista del M5S sia come cittadino che ha partecipato al Comitato di Labaro Colli D’oro.
    Avrei voluto prendere la parola come cittadino di Labaro per fare una domanda, ma per correttezza non l’ho fatto perché non volevo che si pensasse che volessi strumentalizzare la mia domanda politicamente, ma consentitemi di farlo almeno in questo post.
    Avrei voluto chiedere, come cittadino, perché mai dovremmo credere alle promesse fatte dal palco da coloro che fino ad ora sono stati seduti in questi anni sugli scanni del Consiglio e della Giunta Municipale sia all’opposizione che nella maggioranza, quando hanno parlato di trasparenza e PARTECIPAZIONE dei cittadini e dei Comitati nelle scelte politiche che verranno fatte nella prossima legislatura se, fino ad ora, non lo hanno mai fatto?
    Io ho vissuto in prima persona il menefreghismo, il disprezzo e la non curanza che TUTTI i nostri rappresentanti eletti di qualsiasi colore politico ci hanno riservato, ho anche la documentazione video che lo dimostra, quando i cittadini del comitato sono andati più volte lo scorso anno in Consiglio a rappresentare il loro dissenso e la loro ferma determinazione a non volere il palazzetto dello sport all’interno del Parco.
    Mi riferisco, ci tengo a precisarlo, a tutti coloro che sono stati eletti nella precedente legislatura, non a coloro che non avevano avuto cariche elettive (Zotta, Seminatore ecc.)
    che non hanno tenuto in nessuna considerazione le istanze che arrivavano dei cittadini e dai vari comitati e che adesso, in campagna elettorale, ci promettono che se verranno eletti lo faranno.
    Permettetemi di dubitare che ciò avvenga.

  7. L’incontro svoltosi tra i candidati presenti per la presidenza del nostro Municipio è stato costruttivo e proficuo.
    Tante volte ci siamo domandati quale potesse essere il programma più attendibile per accordare la nostra preferenza. Ma alla fine, fermi i problemi da anni ben noti a tutti sui quali si è ampiamente discusso ed operato grazie all’azione del Comitato XX presente in modo costante e fattivo , occorre evidenziare che i punti nodali di un buon programma sono espressi proprio dall’art. 26 dello Statuto del Comune di Roma, recepito in gran parte dagli artt. 3 e 4 del regolamento del Municipio XX, oggi XV, approvato con delibera del Consiglio Municipale del 2004.
    L’art. 26 afferma che i Municipi servono a rappresentare le rispettive comunità, curarne gli interessi e promuoverne lo sviluppo nell’ambito dell’unità del Comune di Roma in quanto organismi di partecipazione,consultazione e gestione di servizi nonché di esercizio delle funzioni conferite dal Comune e dagli altri livelli istituzionali.
    Proprio attraverso la funzione di partecipazione e consultazione il Municipio porta alla sede centrale le esigenze del territorio e come è stato precisato da alcuni dei candidati presenti , non con una semplice “letterina”, ma attraverso una sollecitazione costante fino al raggiungimento del risultato.
    Proprio il predetto art. 26 dello statuto del Comune di Roma nonchè il regolamento del nostro Municipio precisano il “programma” stabilendo che i Municipi gestiscono:
    a) i servizi demografici;
    b) i servizi sociali e di assistenza sociale;
    c) i servizi scolastici e educativi;
    d) le attività e i servizi culturali, sportivi e ricreativi in ambito locale;
    e) le attività e i servizi di manutenzione urbana, gestione del patrimonio comunale, disciplina dell’edilizia privata di interesse locale;
    f) le iniziative per lo sviluppo economico nei settori dell’artigianato e del commercio, con esclusione della grande distribuzione commerciale;
    g) le funzioni di polizia urbana nelle forme e modalità stabilite dal Regolamento del Corpo della polizia municipale di Roma.
    In particolare l’art. 4 del nostro regolamento municipale al punto 2, dopo la lettera g) prevede il punto h) Il Municipio gestisce le attività d’informazione , comunicazione e partecipazione civica.
    Tutto questo ci fa capire che il migliore programma che il candidato presidente dovrà seguire è quello di esercitare concretamente le funzioni già previste dallo statuto comunale e dal regolamento comunale che lo recepisce.
    Solo in tal modo si potranno risolvere problemi annosi quali: la mobilità, la cementificazione selvaggia, la mancanza di strade e di marciapiedi, l’impossibilità di accedere agli spazi verdi chiusi o magari aperti ma in pessime condizioni.
    Solo così si potranno sfruttare gli spazi disponibili per assicurare alla comunità del territorio quei servizi culturali , sportivi, ricreativi e sociali e si potrà garantire la partecipazione civica.
    Un modo per garantire l’attuazione del punto h) dovrà essere l’attuazione di un bilancio partecipativo di tutti i cittadini che potranno rendersi conto dell’allocazione delle risorse economiche disponibile e sulla loro gestione effettiva.
    Non bisogna dimenticare che la legittimazione del potere di amministrare le risorse comuni della collettività scaturisce proprio dalla delega concessa dai cittadini ai rappresentanti eletti.
    La partecipazione diretta dei cittadini alle decisioni di allocazione delle risorse, in sede di bilancio preventivo, viene considerata un sistema operativo ad elevata potenzialità al fine di perseguire un miglior equilibrio tra bisogni da soddisfare e risorse limitate.
    Per Bilancio Partecipativo si intende dunque un modello di bilancio (non finanziario) che dia informazioni sulle priorità che sono state definite dalla collettività, soprattutto di quei soggetti che restano solitamente esclusi dalla realtà sociale a causa di problemi culturali e sociali, nell’ottica della ricostruzione, finalmente, di un rapporto di fiducia tra istituzioni e cittadini.
    Movimento Difesa del Cittadino Roma Nord

  8. buongiorno a tutti ,approfitto di questo strumento di comunicazione gestito in maniera eccellente….evidenziando un punto importante del nostro programma IL SOCIALE ,cosa intende fare Casapoun Italia :Incremento della spesa per assistenza indiretta rispetto a quella diretta.Acquisizione e bando di assegnazione del centro disabili parco Atleti Azzurri D’Italia .Incentivo(anche mediante bando di concorso)a pubblicazioni per scuole materne/elementari/ medie di materiale didattico atto a valorizzare la storia del territorio e i doveri/diritti di chi lo abita .Creazioni di orti scolastici con progetti di rivalutazione di territori comunali abbandonati….VENTO GIOVANNI Candidato Consigliere XV MUNICIPIO con Casapound Italia

  9. leggendo pasquale mi fa bene all’animo pensare che finalmente ci possa essere la possibilita che i comitati partecipino veramente alla gestione della cosa pubblica, e che non siano solo soggetti da campagna elettorale.mi fa sentire bene pensare che pasquale provenendo da uno di essi difficilmente dira di no alle richieste, oneste e di buon senso, che qualsiasi comitato abbia la necessita di presentare.pasquale le ha subite sulla sua pelle e difficilmente potra dire “si lo faccio” e poi dimenticarsene.
    consapevolezza di essere una comunita ecco cosa secondo me dobbiamo ricreare e con pasquale secondo me ci andiamo veramente molto vicini.ma questo e’ e rimane un mio pensiero.

  10. Ero presente anh’io all’incontro, che ho trovato molto civile e stimolante; complimenti agli organizzatori
    Due sole considerazioni: che Giacomini non venisse era chiaro, l’altra che tutti i candidati presenti sono stati molto bravi e preparati.
    I programmi sono tutti belli e completi, rispondono a tutte le esigenze dei cittadini, ma io, che ho i capelli bianchi, nella mia vita ne ho sentiti tanti, sempre bellissimi!
    Per cui vorrei solo che i cittadini si facciano una domanda, ma davanti allo specchio: chi sara’ in grado di mantenere le promesse, almeno in parte ???
    Auguri a tutti !
    Ezio Maria Casati.
    Candidato per il MoVimento 5 Stelle al Consiglio Comunale di Roma.

  11. per Massimo C
    Massimo, non sono mai stato in politica, quindi non so neppure cosa significhi prendere in giro le persone che ti hanno dato fiducia, ma ti posso giurare sul mio onore che farò esattamente quello che ho detto, e che sarò solo ed eslusivamente un VOSTRO portavoce.

  12. Per Ezio Maria Casati
    Vivo in zona ed anch’io ritengo che “la strada dell’inferno sia lastricata di buone intenzioni” . Sono un architetto e so bene quanto la direzione lavori , ovvero la fase esecutiva, sia la più delicata ed importante e quanto possa qualificare l’esito di qualsiasi soluzione progettuale. Ogni programma elettorale, si ispira al buon senso ed ha la finalità di attrarre il maggior numero di cittadini, ed e’ proprio in base a questa riflessione che ritengo sostanziale la scelta delle persone che andranno ad attuarle. Personalmente ho aderito alla candidatura della lista di Alfio Marchini, lista civica.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome