Home POLITICA Erbaggi (PdL): “Area cani via Pareto, da SEL solo bugie”

Erbaggi (PdL): “Area cani via Pareto, da SEL solo bugie”

“Resto basito dalle parole di un consigliere municipale che dovrebbe conoscere cosa vuol dire adottare un’area verde. Tale procedura consente ad associazioni, comitati di quartiere e semplici condomini, di farsi carico degli oneri della manutenzione ordinaria senza alcun ritorno se non il miglioramento del bene pubblico.” Lo dichiara Stefano Erbaggi, candidato PdL al XV Municipio, il quale, riferendosi alle dichiarazioni dei candidati SEL Alessandro Pica e Giuseppe Reitano, aggiunge: “Invece di ringraziare questi volontari, gli esponenti di SEL Pica e Reitano non hanno nient’altro da fare che criticare un’azione di volontariato.
Invece di dire bugie sarebbe stato molto più utile rimboccarsi le maniche e fare qualcosa di concreto come ho fatto io – conclude Erbaggi – aiutando e collaborando con l’Associazione AmbientiAmo”.

Visita la nostra pagina di Facebook

24 COMMENTI

  1. Ma una risposta nel merito… no?

    Questa associazione “AmbientiAmo” che storia ha? Che curriculum vanta? Chi la promuove, chi ne fa parte? Ambiente, natura, animali… tutti ottimi “richiami” ma, ad esempio, l’Ufficio Diritti degli Animali per cui è stato (ri)costruito un fabbricato appositamente, che attività ha svolto negli anni in cui ha occupato una proprietà pubblica? Esiste una verifica “a posteriori” dell’esito dell’affidamento?

  2. Spett. Ass. Sfid. Erbaggi,
    non capiamo quali siano le bugie di cui lei ci accusa: è forse falso che
    1. nelle prossimità dell’Area Cani Pareto non ci sono parcheggi e marciapiedi?
    2. che non c’è un’altra area cani nelle vicinanze?
    3. che da nessuna parte si riescono a trovare notizie sulle mirevoli opere di volontariato condotte da due anni a questa parte dall’Associazione Ambientiamo al fine di salvaguardare l’ambiente del territorio romano? (opere cui, da quello che dice, avrebbe contribuito anche lei e che quindi dovrebbe quantomeno essere in grado di elencare almeno sommariamente)
    4. che l’inaugurazione dell’area avvenga a ridosso delle elezioni amministrative nelle quali lei e l’Onorevole Guidi siete candidati rispettivamente al Municipio XV e all’Assemblea Capitolina?
    5. che all’inaugurazione partecipano esclusivamente esponenti del PDL?
    6. che i lavori di ripristino dell’area sono stati pagati dal Comune di Roma Capitale?
    7. che i soldi utilizzati per il lodevole ripristino dell’area verde sarebbero potuti essere utilizzati meglio? Ad esempio, da quello che leggiamo su questa stessa testata, per riparare qualche bagno della scuola elementare Zandonai?

    Le faccio notare che queste domande le sono state sollevate da più parti, ma non è mai arrivata né da parte sua né tantomeno da parte dell’attivissima Associazione Ambientiamo una risposta nel merito.

    Giuseppe Reitano
    (Candidato SEL al XV Municipio)

  3. Una sola precisazione alla 2° delle domande poste: finché non si sarà realizzata una passerella sul Fosso dell’Acqua Traversa da domani esisteranno due aree cani contigue, quella ridotta al lumicino a servizizo del parco di Villa Lauchli dotata di paaarcheggio e quella doppione a servizio di sé stessa con accesso solo da via vilfredo Pareto senza alcun parcheggio a cui andranno soltanto le persone che vogliono portare a spasso i loro cani, senza usufruire di alcun parco pubblico.
    Quando invece si sarà realizzata la passerella, ci sarà un’area cani di troppo, che andrà soppressa ripristinando a verde pubblico la rispettiva area.

  4. Sono Maurizio, volontario di AmbientiAmo

    @ SorChisciotte – Operiamo da molto più tempo, ma non abbiamo il desiderio di gridare i traguardi che raggiungiamo, ma questo non vuol dire che non esistiamo. Abbiamo deciso di darci una forma associativa solo da due anni a questa parte e, come detto, siamo tutti volontari. Per una questione di tutela della privacy, come ben potrà capire, non posso farle l’elenco con nome e cognome di tutti gli associati

    @ Giuseppe Reitano – Il problema è che un’iniziativa dell’Associazione Ambientiamo è stata da voi e da altri strumentalizzata a fini politici. L’associazione che rappresento è libera da ogni vincolo ideologico. Detto questo, ad oggi solo il signor STEFANO ERBAGGI, l’uomo, non il politico, si è degnato di sporcarsi le mani venendo con noi a pulire il parco. Anche lei, con un po’ di volontà, avrebbe potuto unirsi a noi e venire a lottare con calcinacci, sporcizia, arbusti e potature, invece di sentenziare su parcheggi e altro. Detto questo lei, che rappresenta nel territorio “Sinistra Ecologia e Libertà”, si preoccupa di fare il processo all’intenzione su un’iniziativa promossa da un gruppo di volontari e che è rivolta alla natura e all’ambiente? Ma per cortesia…

  5. @ Rodolfo Bosi – incredibile: c’è chi domanda aree per i cani e chi invece crede ce ne siano troppe. Assurdo!!! Ma qual è il suo problema? Qualcuno ha chiesto di chiudere uno dei due spazi? Non credo proprio… La passerella? Parco Cani Pareto apre domani, gli dia il tempo di aprire… Credo di aver capito che si tratti di volontari: perché invece di far muro non fa una donazione all’associazione così hanno i fondi per fare tutto quello che chiedete?

  6. @Maurizio: le posso garantire che non lesino impegno e volontà per cercare di migliorare il territorio dove vivo. Detto questo, io ho fatto 7 domande; mi farebbe piacere che l’Ass. Sfid. Erbaggi o lei o qualche altro rappresentante della vostra associazione, anziché straparlare, rispondesse con un semplice sì o no ad almeno una di esse.
    Grazie
    Giuseppe Reitano
    (Candidato SEL XV Municipio e altro…)

  7. @SorChisciotte forse sono stato poco chiaro… l’adozione di un’area verde è una procedura che consente ad associazioni, comitati di quartiere e semplici condomini, di farsi carico degli oneri della manutenzione ordinaria senza alcun ritorno se non il miglioramento del bene pubblico.
    Di conseguenza non serve alcuna esperienza o capacità personale ma solo tanta buona volontà e un po’ di fondi per coprire le spese della manutenzione ordinaria.
    se anche l’associazione fosse nata ieri (e non è così dato che è nata più di un anno fa…) ma fosse animata da ottime intenzioni potrebbe acquisire una qualsiasi area di verde pubblico… ha capito che avere in adozione l’area non comporta alcun privilegio per l’associazione ma solo oneri??

    @Giuseppe Reitano le bugie sono le seguenti:
    1 – nessuna gestione ma adozione di un’area verde senza alcun vantaggio per l’associazione! studi le procedure prima di parlare a vanvera;
    2 – i fondi sono del Dipartimento Ambiente di Roma Capitale che, ovviamente, non poteva impegnare in altre opere diverse da interventi sul verde;
    3 – è prevista la realizzazione di un ponticello che colleghi l’area verde del marymount con il parco dei cani che aprirà sabato…. prima di attaccare a testa bassa, informarsi no?

    detto ciò le rispondo alle domande a cui non ho già risposto con i suddetti punti.

    2. che non c’è un’altra area cani nelle vicinanze? vero infatti questo è un vero e proprio parco… venga sabato a vederlo!

    4. che l’inaugurazione dell’area avvenga a ridosso delle elezioni amministrative nelle quali lei e l’Onorevole Guidi siete candidati rispettivamente al Municipio XV e all’Assemblea Capitolina? vero e quale sarebbe il problema ad essere invitati in quanto abbiamo collaborato e aiutato l’associazione in tutte le forme possibili per riuscire a farle raggiungere quest’obiettivo?

    5. che all’inaugurazione partecipano esclusivamente esponenti del PDL?
    Guardi che se viene a noi fa piacere…. purchè si dia da fare insieme a noi….

    a presto,

  8. il modello “Via Pareto” e’ la giusta rappresentazione in questo disgraziato paese di cosa significhi oggi difendere il “bene comune”.

  9. siamo sicuri che verrà messo il ponticello? a via pareto dovrebbero allargare la strada e creare dei parcheggi o perlomeno rendere il parco usufruibile per hci abita verso via fabbroni la possibilità c’è basta creare un ingresso

  10. @Ass. Sfid. Erbaggi: riprendo con copia e incolla direttamente dal sito dell’associazione Ambienti amo “Il parco, il cui accesso è libero e consentito tutti i giorni, è stato concesso in affidamento all’associazione AmbientiAmo da Roma Capitale. A rendere ancora più unico questo progetto, una serie di attività gratuite dedicate ai cani e ai loro padroni, a comporre un calendario di appuntamenti molto vario, un’autentica zona di confronto con esperti di settore (veterinari, addestratori, canili, ecc).”

    1. Come vede è l’Associazione Ambientiamo a parlare esplicitamente di affidamento dell’area da parte di Roma Capitale e non di adozione; pertanto mi sembra evidente che che l’equivoco, o la bugia per usare la sua terminologia, sia imputabile al responsabile della comunicazione dell’associazione, che, se non erro, è anche il suo addetto stampa.

    2. Avere a disposizione uno spazio pubblico dove erogare i propri servizi, ancorché gratuiti (sempre se poi saranno veramente tali), non è semplicemente un onere, ma un privilegio di non poco conto.

    3. Per ora il ponticello non c’è, mentre permane la triste abitudine di inaugurare un qualcosa molto prima che questa sia realmente fruibile dalla cittadinanza (tanto all’occorrenza si può benissimo fare una seconda inaugurazione e magari anche una terza).

    4. Mi auguro che il fervido impegno ambientalista del nutrito gruppo di volontari di Ambientiamo non sparisca nel nulla un paio di mesi dopo le elezioni, così come dal nulla è sorta l’associazione stessa un paio di mesi prima delle elezioni.

    Giuseppe Reitano
    (Candidato SEL XV Municipio)

  11. @ stefano erbaggi: non discuto di cosa comporti l’affidamento, non discuto delle capacità o della buona volontà dell’associazione e dei supi componenti (anche se almeno il nome di un “responsabile” non sarebbe poi male comunicarlo, eh…); il punto – che non ha avuto risposta – è più “generale”: di questa, come di altre iniziative (facevo l’esempio dell’uffico diritti degli animali e della sua sede) viene verificata, dopo un congruo periodo di tempo, l’efficacia effettiva? Quelle decine (centinaia?) di migliaia di euro spesi per “i diritti degli animali”.. cosa hanno “portato”? Non credo che la verifica “a posteriori” delle iniziative di chi si assume l’onore (e l’onere, ovvio..) della pubblica amministrazione debba essere presa come “attacco politico” o insinuazione personale… dovrebbe essere la regola basica di una democrazia.

  12. @gg stiamo lavorando con il Parco di Veio per le necessarie e dovute prescrizioni per la realizzazione del ponticello. Si farà.

    @Giuseppe Reitano
    le risponderò ancora perchè evidentemente Pica non le ha spiegato alcune terminologie amministrative.
    1 – tecnicamente si parla di affidamento in adozione dell’area… l’area viene affidata all’associazione per la manutenzione ordinaria e basta. Diversamente sarebbe l’affidamento in concessione che è tutt’altra cosa…
    2 – privilegio? ha un concetto strano di privilegio… impegnare soldi e fatica per mantenere un’area è un privilegio? io lo chiamerei impegno sociale da apprezzare e sostenere…
    3 – l’area è fruibile già ora… ieri c’erano 100 cani con relativi padroni… è ovvio che è necessario il ponticello… intanto qualcuno si dà da fare e altri parlano…
    4 – sta proprio fuori strada…

  13. @sorchisciotte non confonda tra lo sportello degli animali (concessione) su cui anche io ho espresso le mie perplessità e l’apertura del parco dei cani (adozione)…
    è ovvio che se non venisse mantenuta bene dall’associazione l’area tornerà in carico anche per la manutenzione ordinaria al Comune e sono d’accordissimo di fare verifiche a posteriori!
    Infatti nel nostro caso mi sono sentito in dovere di rispondere perchè qualcuno la critica la faceva a priori…. o no?
    a presto,

  14. @stefanoerbaggi
    vorrei capire a ch isi riferisca quel “stiamo lavorando”,visto che usa il presente e non l’imperfetto. Il municipio è commissariato,

  15. @rosanna non bisogna essere eletti per poter lavorare per il bene pubblico… Molte cose che sono state impostate in precedenza continuano a procedere anche con il mio ausilio personale…

  16. sono stata al parco! è carino ma il problema del parcheggio è un problema serio infatti per camminare su quella strada una paura! l’idea del ponticello è ottima ma è prevista per settembre…io mi chiedo è prevista per settembre solo se a vincere nel municipio sarà il pdl? e se invece non vince cosa accadrà?
    Inoltre ho delle perlessità sul fatto che reggano quelle pareti di terra che sono state fatte quelle che sostengono la stradina che scende!Temo che alle prime pioggie venga giù tutto!
    Un’ultima cosa più avanti il terreno continua ma immagino non sia più dell’associazione…mi sono infomrata e ho visto che appartiene al concessionario che sta più avanti e leggendo quà e là mi è sembrato di capire che sia tutta roba abusiva o sbaglio?

  17. @Giovanna concordo sul discorso ponticello ed è per questo che stiamo lavorando seriamente per realizzarlo a prescindere dal risultato elettorale. Certo se poi qualcuno a livello comunale cambiasse amministrazione e ci fosse la volotà di bloccare la cosa vorrà dire che andremo a protestare ma non penso che avvenga perchè queste iniziative non sono di destra o di sinistra ma sono semplice buona politica.
    sulla parete non tema, chi ha fatto i lavori ne ha la responsabilità per il primo anno.
    sui terreni limitrofi le confermo che appartengono entrambi al medesimo privato il quale, su quello confinante con via di villa Lauchli ha un contenzioso in corso.
    A presto,

  18. La fruizione del parco dell’Inviolatella avviene per lo più dai vicini abitanti di Vigna Clara ai quali dovrebbe essere garantito di potervi andare anche a piedi: a tal riguardo è stata avanzata l’ipotesi o utilizzare la scala che dal cinema Odeon Multiscreen (in piazza Stefano Jacini) scende su via Vilfredo Pareto, sul cui lato sinistro potrebbe essere realizzato un marciapiede al momento mancante.
    Anche quando verrà realizzata la passerella di collegamento tra il Parco Cani Pareto inaugurato sabato scorso ed il parco pubblico di via di Villa Lauchli (ripristinando a tale destinazione l’attuale risicata area cani) rimarrà pur sempre irrisolto il problema di un parcheggio per chi volesse comunque accedere in macchina al parco da via Vilfredo Pareto.
    A tal riguardo tutte le amministrazioni interessate (Ente Parco di Veio, Comune e XV Municipio) dovrebbero cercare di acquisire l’area che una volta era riservata al parcheggio clienti della concessionaria Nissan gestita dal sig. Seccaroni e che è stata sottoposta a sequestro penale assieme al fabbricato all’incrocio tra via Pareto e via Cassia Vecchia: si potrebbe proporre al proprietario di riutilizzare commercialmente il fabbricato in cambio della cessione gratuita dell’area retrostante ad esso (se non anche del terreno contiguo che arriva a confinare con il Parco Cani Pareto) per dotare in tal modo l’intero parco pubblico di un adeguato parcheggio auto.

  19. Concordo con Rodolfo! È un vero peccato che di tutto quel parco non possa essere usata la striscia di verde diciamo al di quà del fiume! Se i terreni sono sequestrati il comune non può riutilizzarli sono sprecati!

    Per rispondere al sig Stefano Erbaggi: il terreno non frana ma chi ce lo dice che lì non diventa tutta fanghiglia? È questo che temo! Poi vorrei sapere quando ci saranno gli eventi nel parco e dove andare a vedere su internet?

    Grazie!

  20. Disporre dell’intero territorio che lambisce il Fosso dell’Acqua Traversa sarebbe una bella cosa ma in questo particolare momento forse conviene più puntare sui parchi che abbiamo e che ancora non aprono (Inviolatella e Volusia); se non si riesce ad avere la pulizia del minuscolo giardino di Tomba di Nerone in totale stato di abbandono come si può pensare alla mautenzione di aree così vaste?
    Cara Giovanna è vero che in presenza di possibili illeciti o irregolarità ogni cittadino ha il diritto di protestare però non esageriamo: sono stato a vedere l’Area Cani Pareto e l’ho trovata molto bella (come dovrebbero essere tutte le aree cani): il rischio “frana” lasciamolo valutare ad un geologo esperto. Cordiali saluti, RH.

  21. Non ho parlato di frana ma di fango che si forma….speriamo di no alle prime pioggie!

    Cmq mi fa piacere che si interessi anche del parco Volusia! chissà quando aprirà e se sarà possibile portare i cani!

  22. sono andata al parco e l’ho trovato molto carino ma si’, e vero, finche’ non ci sara’ un marciapiede, delle strisce per attraversare e il ponticello e’ un po’ difficile andarci….ottimismo pero’, e’ stata un ottima iniziativa!

  23. Io farei na funivia da piazza jacini dove se parcheggia epoi via cor cane n’mezzo ar parco che bello vivere dentro na valle verde.
    Ricordateve de porta er sacchetto pe riccoje le dejezioni se dice cosi no.
    Scusate a voi nun vo posso di sete precisi .
    Nioi de borgata giocamo pe strada i cani a fanno dapertutto diciamo semo buzzurri aiutatece a cresce voi da roma bene spegateje ai politicanti de turno che ce sta pure a periferia .
    Vabbe scusate me so ntromesso dentro a st’articolo che nun c’azZECCA gnente .
    Comunque sappiate ca periferia c’ha piene escatole de sta a n’angoletto.

  24. Caro ‘garzone’ in attesa che i politicanti di turno si ricordino pure della periferia perchè intanto non prendi sega, martello e chiodi e realizzi una bella Little Free Library? Sarebbe la “prima di borgata” e magari potrebbe essere una bella cosa per quelli che tu chiami ‘buzzurri’.
    Se hai bisogno di aiuto o di libri ci sono Robin Hood e Giovanna. Ciao.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome