Home POLITICA Zotta (M5S): “Finanziare dirette web del Consiglio col compenso da presidente, chi...

Zotta (M5S): “Finanziare dirette web del Consiglio col compenso da presidente, chi ci sta?”

zotta120.jpg“Ieri, domenica 5 maggio, ho pubblicato sul nostro sito internet  una proposta per rendere trasparenti e visibili a tutti i cittadini le riunioni del consiglio municipale trasmettendole in diretta streaming e finanziando tale iniziativa con parte del compenso dovuto al Presidente. E se questo non fosse sufficiente, siamo pronti a rinunciare ad ulteriori compensi e benefici pur di permettere a tutti di seguire i lavori del consiglio.” Lo annuncia in una nota Teresa Zotta, candidata presidente al XV Municipio per il Movimento 5 Stelle.

“Per noi non deve essere il cittadino ad informarsi, deve essere l’amministratore pubblico a rendicontare il suo operato, a giustificare ogni singola spesa, dalle matite alle cose importanti, a non lasciare che alcuna richiesta del cittadino, alcun problema resti inascoltato o senza soluzione. Allarghiamo questa proposta – conclude Zotta – a tutti i candidati  presidente che si propongono a queste elezioni augurandoci che vogliano farla propria.”

Visita la nostra pagina di Facebook

11 COMMENTI

  1. @Faby: l’evidenza delle amministrazioni in genere e’ tenere lontano le persone mediamente oneste e favorire diciamo quelle che possono esserti di aiuto.io non so’ come andranno le prossime elezioni ma confido sempre che le persone oneste si ribbellino con l’unico modo che gli e’ rimasto, il voto, senza doverli sentire, al bar, lamentarsi dopo.

  2. Gentile signora Zotta oltre che le dirette del Consiglio andrebbero trasmesse anche le dirette delle riunioni di Giunta dove vengono prese le decisioni più importanti.
    Ma basterebbe anche la pubblicazioni degli atti. Cosa che non è mai accaduta negli ultimi 5 anni.

  3. Vedemo che sapete fa n’mezzo a st’esercito de giovani puliti schierati pe Giacomini sfiduciato che sta a usa tutti li mezzi pe rifregacce nartri 5 anni .
    Vedemo che fate contro er belloccio incognita che se nfila dentro a posta elettronica de tutti se sbraccica modelo berlusca di poveri paganno cene de qu e de la’ .
    Roma c’ha bisogno de decoro “se dice così no”

    Simone Ariola a forza de uno ca tirato fori e sfere pe vole cambia na COSA ambigua piannose responsabilità Nobili “se dice così no”.
    Daniele Torquati uno di qui ragazzi che sicuramente nun sta a guarda ma se da da da fà combatte e nun fa er cagnolino ma cerca a trasparenza er contato cor territorio .

    Sicuramente questa nun e’ na scola ma siccome m’hanno detto che sei n’insegnante porta dentro a sto municipio n’po de disciplina n’po de rispetto per popolo sovrano de cui i politicanti de turno se riempieno a bocca .

    Questo e’ er municipio dove i palazzinari c’hanno messo l’occhi sopre e nun gne frega gnente da gente , ha cominciato cor piano d’assetto co na serie de confitto de n’teressi tra sto municipio er comune de Roma e i palazzinari.
    SVEjateve gente SVEjateve a guerra e’ cominciata.

  4. La delibera per la diretta de Consiglio già c’è, ma non è diventata esecutiva per mancata copertura finanziaria ( hanno detto a voce ). Se questo è vero noi la renderemo esecutiva con il nostro contributo. Nel nostro programma è scritto chiaramente che tutte le delibere saranno rese pubbliche on line prima della loro approvazione per ricevere i commenti dei cittadini E aggiungo che un compito molto importante sarà esercitato dai Comitati di quartiere che, attraverso propri rappresentanti, avranno un ruolo consultivo. Questo per noi è democrazia partecipata
    TITOLO IV del regolamento del Consiglio del Municipio: Trasparenza e informazione / Commissione trasparenza ( art.58 ), presieduta da un consigliere/a dell’opposizione in quanto organo di garanzia. Qui lascio a voi le riflessioni; mi limito a dire “ Le leggi son, ma chi pon mano ad esse? “ ( Dante )
    Per quanto riguarda le sedute di giunta che sono segrete, provvederemo alla modifica del regolamento (art.49, 47 comma 5 ).
    Il sito del Municipio abbonderà di informazioni; in caso contrario ci sarà sempre il nostro sito. Questo per noi è vera trasparenza.
    Teresa Maria Zotta

  5. @ Teresa Maria Zotta

    Ma che c’entra la Commissione Trasparenza con le dirette web??
    Santo Cielo! Poveri noi…
    ‘sti grillini, in Parlamento come in Municipio, leggono, “studiano”, ma…non capiscono un tubo!

  6. @DIAMANTE di certo la buon Teresa non poteva riportare tutto il titolo IV soprattutto l’art 59 comma 1 dove invece viene ben delineata che la diretta streaming puo’ essere uno strumento di informazione fornito ai cittadini per garantire la loro partecipazione. Ha sottolineato invece il punto dolente che ha sempre caratterizzato il paese in genere.la mancanza di una vera opposizione.Mi auguro che la ottima Zotta si ricordi che la differenza con i politici avuti fino ad ora e’ che una volta eletti continuino a fare del territorio la loro via crucis.

  7. @ Matteo:
    Appunto. La Commissione Trasparenza non ha il compito di “pubblicizzare” quanto approvato dal Consiglio.
    Non vedo il motivo per cui tirare in ballo, in una discussione sulle dirette web, una Commssione che il suo l’ha fatto e che, proprio perchè presieduta dalle opposizioni (mi pare di ricordare che, nell’ultima consiliatura, si siano avvicendate alla sua guida La Destra, PD e SEL) ha lavorato bene.

  8. @diamante,il problema non è “pubblicizzare” ma controllarne l’esecuzione che è diverso e credo era quello che intendeva Zotta.La mia era una risposta alla questione del “tubo”.
    A me è sembrato un attacco gratuito più che un commento.Perchè non capisce un tubo?A me è sembrato un riferimento giusto,e lo è.Comunque qua le cose sono due (al di là della sicurezza che la precedente maggioranza se ne è fregata ): o la commissione trasparenza non ha il giusto “potere”(e sicuramente in tal senso va rivisto il regolamento) o non ha inciso abbastanza.Se la commissione ha fatto tutto il possibile(come Lei sostiene),allora opto per la prima.
    (parlo sempre della questione dirette web)

  9. Matte ce semo hai capito er senso cosi se fa .
    Tutti penzeno che sete teste vote fateje vede che nun state co a testa tra e stelle ma ve piace guarda er cielo co e stelle e prova a sogna n paese diverso.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome