Home ATTUALITÀ Regione Lazio, il M5S candida un informatico alla presidenza

Regione Lazio, il M5S candida un informatico alla presidenza

barillari.jpgE’ un informatico impiegato nella multinazionale IBM Italia il candidato del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Lazio che rappresenterà la novità nelle prossime elezioni che si dovrebbero tenere (di questi tempi il condizionale è d’obbligo visto un nuovo ricorso al TAR) il 3 e 4 febbraio 2013. Si chiama Davide Barillari,  il suo nome è stato il più cliccato nelle primarie non-primarie tenutesi sul web nello scorso fine settimana.

Lavora nella Big Blue, com’è chiamata in gergo, dal 1996, è uno specialista software senior in ambiente WebSphere Application Server e si occupa della gestione dei sistemi centrali di un grandissimo cliente istituzionale. Ha 38 anni, è sposato da 5 anni, ha un figlio di 3 ed un altro in arrivo.

Dal suo curriculum pubblicato in rete si apprende che (ovviamente, come dovrebbe essere per tutti i candidati a qualsiasi carica) la sua fedina penale è pulita e non ha carichi pendenti.
Guadagna circa 27mila euro l’anno e possiede solo una macchina, una bicicletta e una casa (con mutuo trentennale).

Si è avvicinato a Beppe Grillo in occasione dei V-day iniziando a frequentare un gruppo M5S nei dintorni di Milano, dove viveva. Trasferitosi a Roma per lavoro, ha aderito al gruppo M5S di Ostia ed è uno dei moderatori del forum Roma5stelle.

Ma prima di aderire al movimento di Grillo è stato un militante di Rifondazione Comunista e delegato sindacale per la Cgil-Fiom, dalla quale fu messo alla porta “dopo aver messo in discussione gli equilibri interni grazie al web”, racconta lui.

Ma alla stessa sorte sembra essere destinato chi, in questi giorni, all’interno del M5S prova a mettere in discussione il risultato delle “parlamentarie” alle quali hanno partecipato in pochissimi in tutta Italia. Equilibri interni e democrazia partecipativa a quanto pare sono concetti che non piacciono neanche al “lider maximo” del movimento.  Come dire che tutto il mondo è paese.

“Chi è dentro il MoVimento e non condivide” i “significati e fa domande su domande e si pone problemi della democrazia del MoVimento va fuori! Va fuori dal MoVimento. Non lo obbliga nessuno. E andranno fuori”. Dice proprio così Beppe Grillo in un video pubblicato sul suo blog replicando alle polemiche sorte all’interno del movimento.

“Tre cose fondamentali abbiamo fatto con queste votazioni. Una è che abbiamo dato un voto libero e da questo voto libero è nata una cosa che voglio sottolineare: il voto alle donne. Se il voto fosse sempre stato libero, in Parlamento oggi avremmo molte più donne che uomini. La seconda cosa è il permettere di conoscere i candidati, che forse andranno in Parlamento, 3 mesi prima in modo che tu puoi andare lì, discutere, conoscerli, votarli o non votarli. Consigliarli o maledirli. E la terza cosa è che non abbiamo speso un euro. Tutto a costo zero” dice Grillo che poi, incalzando, aggiunge: “A chi dice che non c’è stata democrazia perchè i voti sono stati pochi io faccio una domanda: quanti voti ha preso ognuno dei mille parlamentari oggi in Parlamento? Chi ha deciso di quella gente lì? Ve lo dico io: 5 segretari di partito. Non venite a rompermi i coglioni (a me!) sulla democrazia. Io mi sto stufando. Mi sto arrabbiando. Mi sto arrabbiando seriamente.”

E sempre più infervorato minaccia: “Abbiamo una battaglia, abbiamo una guerra da qui alle elezioni. Finchè la guerra me la fanno i giornali, le televisioni, i nemici quelli veri va bene, ma guerre dentro non ne voglio più. Se c’è qualcuno che reputa che io non sia democratico, che Casaleggio si tenga i soldi, che io sia disonesto, allora prende e va fuori dalle palle. Se ne va. Se ne va dal MoVimento. E se ne andrà dal MoVimento”.  Ipse dixit.

Claudio Cafasso

Visita la nostra pagina di Facebook

19 COMMENTI

  1. Sono un po perplesso, la seconda parte dell’articolo sembra un discorso totalmente scollegato con la presentazione di Davide Barillari

  2. Bravo Grillo, mi sei antipatico e non avrai il mio voto ma almeno hai il coraggio di dire (a differenza di questi disonesti che si sciacquano sempre la bocca con la democrazia) quello che pensi. Anche tu, FALLI PIANGERE!

  3. Caro Strix, stavolta non sono d’accordo con quanto scrivi… va bene il coraggio di dire in faccia ciò che si pensa, tanto Grillo non ha nulla da perdere, ma con quel video dimostra solo il verticismo e la concentrazione di potere che c’è nel suo movimento (d’altronde ha fatto registrare a suo nome il nome e il logo, e i suoi avvocati già diffidano tutti ad usarli..). Quindi nulla di nuovo sotto il sole…
    Anche sulla frase di farli piangere non mi trova d’accordo : qui a piangere saremo SOLO NOI… perchè tutti parlano di ricambio generazionale dei politici di tutti i partiti (e sono pienamente d’accordo), ma nessuno pensa al fatto che poi a tutti i politici epurati bisognerà pagare un lautissimo vitalizio esentasse… quindi ribadisco, a piangere saremo solo noi…

  4. Ma tu guarda se la devo pensare come Nico! Aggiungo che il movimento di Grillo si sta rivelando un grande bluff le cui idee però vanno assolutamente adottate (la dove non fossero presenti)

  5. Tanto in ogni caso il vitalizio gli va pagato! Ogni giorno veniamo a sapere di politici arrestati o indagati per truffa o peculato; il decreto sullo scioglimento delle Provincie lo hanno affossato; la legge elettorale hanno fatto finta di volerla cambiare (anche gli “amici” di Marinali) ma poi faranno la solita “porcata”: la “mummia” tornera’ a fotterci…….e neanche li vuoi far piangere?
    Almeno mandiamoli a casa tutti!

  6. @ Sig. Marinali, la ringrazio per la battuta… spiritosa… denota il solito “razzismo culturale sinistroide”…. Tralasciando le battute, devo dire che anche il suo partito ha votato per il “rinnovamento”…. un bersani tutto nuovo che invece di “spassolar le bambole..” fa la permanente alla merkel…

  7. Certo che si potrannon fare domande , diamine.
    E’ in Big Blue mica fischi !
    Basta connettersi alla piattaforma cloud usando WMWare , indicare l’indirizzo Ip prima di fare un backup del contenuto , indicizzando le richieste si potrà accedere ad un database condiviso e dopo essersi connessi in modalità remota potete accedere alla transazione , consultando il log potrete verificare quali domande sono state ammesse e quali no. Consigliato il s.o. Linux , potrete farvi prestare la coperta in attesa delle risposte.

  8. http://www.roma5stelle.com dove sta’ il dittatore beppe grillo?
    come al solito siete superficiali per quanto riguarda le problematiche dei cittadini, ma la c.d destra e sinistra, sinonimi a noi lontanissimi, sono attentissini alle loro tasche!!!!molto attenti

  9. Io me fido piu de Grillo che de sti quaquaraqua che c’hanno la pretesa de esse democratici , der partito dell’amore???? Cristiani Farisei, fascisti finti
    Avanti tutta pulizia de sta gente inciuciona .
    Vedi Atac , vedi AMA, Vedi sindacalisti che n’fileno i parenti dapertutto .
    Stamo ar capolinea sete arrivati, e’ notte er celo e’ stellato , u guarda na stella cadente , esprimi n desiderio ?
    Dovemo sbologna tutte l’idologie idiote che nun serveno a gnente solo a crea bande (a Polverini ha detto Faide) de persone ognizzate pe fa li cavoli loro soprattutto de quelli canno ngessato sto paese pe vent’anni.

  10. @ Sig. Lepore, considerando che la busta paga base NETTA mensile dei consiglieri , esclusi i tanti rimborsi tra cui quello che lei cita, è di € 12.763 , non penso che questo signore abbia fatto una cosa eccezionale rinunciando ad un surplus di 3.000 euro…
    Per quanto riguarda il “livello democratico” del movimento a Roma, non ci saranno problemi fino a quando non ci saranno suoi eletti… il lider maximo grillino ne ha già epurati 5… meno male che non esistono più i gulag comunisti…

  11. Senti un po’ Garzone ma me dovresti spiegà chi so’ sti “fascisti finti”; li “finiani” no perchè doppo sessant’anni hanno scoperto che è er “male assoluto” e so’ andati a fà le vacanze a Porto Santo Stefano invece che a Salò……quelli de destra nimmanco perchè ar tempo der Duce si rubbavi doppo un fracco de’ legnate te mettevano ar gabbio (quello vero). E allora chi sò? Forse forse sò solo finti…..eppure giuda?

  12. Ce provo a spiegattelo.
    L’artara domenica so annato a Anagni allora amo toccato n’argomento co gente de destra mezzi parenti e questo me diceva che era schifato pequello ca fatto a destra soprattutto Fiorito .
    Annanno avanti cor discorso questo se ricordava de Almirante che durante na giornata se spenneva pe fa tre comizi , uno a Anagni , poi a Filettino , poi a Frosinone .
    Voi sape qual’e’ a differnza tra Almirante e Fiorito, te premetto che quest’urtimo dicono che c’aveva a testa der Duce dentro na stanza comunale quindi se penza che dovesse avecce quarche Valore da parte , l’artro nun te dico gnente ma o sai che era ONESTO , CORRETTO prova a chiedelo a Moje .
    Voi che m’attappo le orecchie quanno durante na ripresa tv n’imprenditore de destra je dice a na recchia ricordete de mi fija, oppure voi che nun sento quanno a porverini dice che c’e na faida interna alla PDL , poemme faide o banda e’ uguale
    pe te e normale tutto cio .
    Fini pe me e’ n poraccio che s’e fatto frega da st’incantatore de serpenti che sta a tene sotto scacco n’intera nazione in cambio de che , confusione ……………………..>>>>>>>>>.
    I partiti de tutte e razze parleno dovemo vince, noi semo i moderati, noi semo i riformisti, noisemo quelli che.
    Basta nun se ponno piu senti .
    Riequilibrio sociale , onesta , trasparenza , condivisione, regole certe , regole pe tutti uguali ,.
    Fuori l’inquisiti dar parlamento , piu’ operai dentro ar parlamento , meno avvocati che non fanno un …………. meno imprenditori ………….. .
    Quanno fa cosi Grillo fa bene perche fino a oggi tutti i senatori de partito hanno fatto e nomine pilotato er MALE er bene de sto paese , se so rubati n sacco de sordi hanno fatto leggi pe loro pa amici , mentre a germania se riunificava noi stavamo a facce li c……… der biscione.
    Amo digerito pe tant’anni re bloco der cervello da bocca , me so ricordato n’artra cosa mportante ibisogna leva immediatamente er finanziamento ai giornali e aiuta a povera gente.
    L’imprese c’anno inciuciato che banche devono copriattraverso i cosiddetti imprenditori e debito pubblico .
    Me vorresti fa capi che l’operai hanno fatto er buco che c’avemo .
    Me ce vorrebbe n’anno pe spiegatte tutto q

  13. Ma allora è come dico io….”questi” non sono come Almirante che era non solo corretto ed onesto ma anche coerente (“Io non ho tradito”)…..”questi” solo solo ladri, disonesti e voltagabbana!

  14. Beppe ha fatto benissimo, dimostrazione di serieta.lo so voi siete abituati a ben altre persone che di serio hanno solo il loro orticello.
    Poche regole che devono essere rispettate.quando si avra’ potere decisonale si pensa alla realizzazione del programma , non di andare in tv.Serieta’ nei comportamenti.Ripeto oramai per molti quaraqua’ della politica questa parola non sanno manco dove sta’ di casa!!!!

  15. A mio parere, Grillo ha soltanto stabilito le regole che disciplinano il movimento, non il contenuto politico delle singole articolazioni territoriali, le quali sono libere di darsi il programma che ritengono più opportuno purché non sia incompatibile con le cinque regole fondamentali del movimento.

    Correttamente Grillo ha espulso coloro che hanno violato le regole, da quest’ultimi ben conosciute e accettate, così come ben ha fatto Di Pietro a chiedere l’esecuzione, mediante decreti ingiuntivi, delle promesse sottoscritte dai membri del suo partito che poi hanno deciso di fare il salto della quaglia (spesso direttamente in Forza Italia …).

    Ma oggi, in Italia, è davvero sconveniente rispettare le regole che ci si è dati?
    La decisione del M5S di buttare fuori i furbetti è un segno di civiltà; è quello che farebbero in Gran Bretagna, in Germania, e nel resto del mondo civile, dove la coerenza è ancora un valore.

    Gandhi pensava che il mondo potesse essere cambiato violando le leggi, ma era disposto ad andare in galera per questo.
    Fiorito pensava di cambiare il proprio mondo violando le leggi, ma era disposto a pagare pegno andando a San Pietroburgo, in Sardegna e a Positano …
    Mala tempora currunt

  16. Ma cosa state dicendo !!!!! Qui non sento altro che parlare di democrazia partecipativa e di non fare partiti personali, e poi difendete gente come grillo, di pietro… e lo stesso vale per il berlusca… Un pò alla volta grillo sta cacciando tutti quelli che non la pensano come lui, fino a ieri il gruppo di Forlì, e i risultati di queste azioni si sta già vedendo, dato che la base del movimento ha sconfessato il gran capo, difendendo gli epurati.
    Se questo deve essere il nuovo della politica, come quello del Pd che ripresenta la vecchia NOMENKLATURA (prendendo in giro tanta gente che sperava nel cambiamento), allora si può dire che non c’è NULLA DI NUOVO SOTTO IL SOLE…

  17. Caro Nico,
    La informo che il comitato XX intende proporre una lista civica.
    La invito pertanto ad attivarsi personalmente per il cambiamento.
    Altrimenti entrerà a far parte del solito coro.
    Cordialmente

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome