Home ATTUALITÀ Labaro, sospesa la chiusura del poliambulatorio via Offanengo

Labaro, sospesa la chiusura del poliambulatorio via Offanengo

Dalla manifestazione tenutasi questa mattina a Borgo S.Spirito, dopo la veemente nota del presidente Giacomini per smentire le dichiarazioni della DG della della ASL RM E, arriva un risultato positivo. Il poliambulatorio di via Offenango per il momento non chiuderà, continuando a garantire assistenza sanitaria ai circa 40mila residenti di Labaro e Prima Porta fino all’entrata in servizio della nuova sede di via Clauzetto.

Tutti soddisfatti i partecipanti, a partire dal presidente del XX Municipio, Gianni Giacomini che aveva indetto la manifestazione di concerto con Antonella De Giusti, presidente del XVII, nel cui territorio un altro poliambulatorio è a rischio chiusura.

Tutti soddisfatti, dicevamo, e tutti cercano di rivendicare, forse giustamente, un po’ di merito.

Il PdCI-FDS, sezione di Labaro, ha infatti diramato una nota nella quale si sostiene che è “Grazie alla lotta cominciata in primis dai Comunisti Italiani di Labaro, che fin dall’inizio si sono battuti per questo poliambulatorio, se la ASL RME ha rinviato la chiusura del presidio finché la nuova sede di Via Clauzetto non sarà finalmente pronta. Inoltre la direzione si impegna a ristrutturare quanto basta per rendere agibili i locali di via Offanengo fino allo spostamento del presidio”

“Siamo molto contenti dei risultati che questa lotta di popolo ha portato – affermano dalla sezione di Labaro – rimarremo comunque vigili, perché non ci fidiamo della ASL RME, in quanto è del 2009 che prende i giro i cittadini. Il nostro comitato ha giocato un ruolo fondamentale, abbiamo aperto le porte a tutti cittadini e le associazioni del municipio, siamo riusciti ad unirci e a portare avanti una lotta comune. La lotta paga!”

A destra, altrettanta soddisfazione viene manifestata da Luca Della Giovampaola, segretario del circolo PDL “Ventesimo” che esclama: “Il Poliambulatorio di via Offanengo non chiuderà! Lunedì verrà effettuato un sopralluogo congiunto per stabilire gli interventi minimali da effettuare al fine di evitare la chiusura del servizio con la garanzia che entro i primi sei mesi del 2013 i servizi sanitari del poliambulatorio vengano trasferiti nella nuova sede di via Clauzetto.”

“Si tratta – sostiene Della Giovampaola – di una vittoria delle istituzioni e dei cittadini che stamattina spalla a spalla hanno manifestato sotto la direzione generale della Asl. Siamo pronti a tornare in piazza qualora non fosse ottemperato anche il più piccolo degli accordi presi. Quella di oggi – conclude – è stata l’ennesima prova della vicinanza del XX Municipio alle necessità ed ai bisogni dei cittadini”.

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Intanto il risultato raggiunto è certamente positivo per il nostro territorio.
    Resta in ogni caso un dovere da parte di tutte le forze politiche coinvolte, senza distinzione di colore, ovvero individuare CHI ha la responsabilità dello spreco economico e della mala gestione che fin dal 2009 a tutt’oggi si è evidenziato in questi giorni rispetto alla sede di Via Clauzetto.
    Non ultimo vigilare su come , in termini economici e tempistiche, saranno realizzati i lavori di adeguamento della citata nuova sede.
    Speriamo che il “contentino” non faccia abbassare la guardia!!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome