Home ATTUALITÀ Cassia – “Punto. Accapo, diamoci da fare”…con le affissioni abusive

Cassia – “Punto. Accapo, diamoci da fare”…con le affissioni abusive

Roma Nord: I Quartieri Emergenti e Le Opportunità da Non Perdere

tuttinoi120.jpg“Punto. Accapo, diamoci da fare”. Per far cosa non si sa, o forse si: per imbrattare la città. L’invito a darsi da fare viene infatti rivolto ai romani, ma soprattutto ai residenti in zona Cassia, nel tratto compreso fra San Godenzo e Tomba di Nerone, da decine di manifesti abusivi affissi su cassonetti e paline. Sibillino il messaggio come misterioso è chi lo firma.

I manifesti abusivi sono infatti firmati dal movimento “Tutti…Noi”, una probabile new entry nella galassia dei movimenti romani./p>

Continua a leggere sotto l‘annuncio

Sui manifesti campeggia un bel logo dal sapore araldico: una corona reale che sovrasta una colomba della pace ben poggiata su tre colli. Che vorrà dire?

Promotore del movimento è il signor Maurizio Trua – così si legge sui manifesti – che, a meno di omonimia e stando a quanto si apprende in internet, parrebbe essere il responsabile di una società di costruzioni con sede in via Salaria.

Ma torniamo al sibillino messaggio: “Punto. Accapo. Diamoci da fare”. Qualunque significato di buone intenzioni possa avere è stato scelto il metodo più errato per diffonderlo: imbrattando la città, infischiandosene del decoro urbano delle strade di “tutti noi”.

Un messaggio boomerang perché così come è stato lanciato altrettanto facilmente ricade sulla testa degli autori. Datevi da fare seriamente: rimuovete i vostri manifesti abusivi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 COMMENTI

  1. Nulla se crea nulla se distrugge tutto se trasforma.

    Me sembra che se dice cosi no? …..
    Maligno se penso che questi smbreno Fij de quelli che fanno i proclami , No a discarica, si a raccorta porta a porta .
    Mo posso sembra n’Profeta ma seconno me nasceranno nsacco de sti movimenti che so no specchietto pe l’allodole.
    De Fori so mbiancati ma dietro so sempre i stessi soggetti che atturmente ce stanno a frega , che? Semplice er tempo , a democrazia, O SVILUPPO.

    Spero che me sbajo ma io a penso come quello c’ha scritto er pezzo.

  2. Spett. Redazione,
    dato che gli annunci pubblicitari riportano il nome di coloro che gli installano abusivamente, basterebbero pesanti multe per evitare che i sullodati soggetti evitino l’affissione.
    Si tratterebbe di un provvedimanto a costo zero, anzi, con incassi per il comune. Considerato che i responsabili al controllo non prendono provvedimenti in tal senso, deduco che, probabilmente, non si vogliono colpire gli installatori, oppure……………

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome