Home ATTUALITÀ Torretta Valadier – Aperta da 16 anni chiusa da 160 giorni

Torretta Valadier – Aperta da 16 anni chiusa da 160 giorni

Torretta ValadierDa oltre 4 mesi gli spazi espositivi della Torretta Valadier sono chiusi al pubblico e la programmazione prevista dal mese di Aprile è stata sospesa con dispiacere dei cittadini e degli espositori che avevano già investito risorse in vista del calendario delle manifestazioni previsto.

Cosa è la Torretta Valadier e come viene utilizzata

Lo spazio espositivo della Torretta Valadier, assegnato al XX Municipio dal lontano 1996, è l’unica area espositiva del XX Municipio ad esser concessa gratuitamente a quegli artisti emergenti che ne facciano richiesta. Composta da 3 sale di cui 2 al primo piano ed una al secondo piano, l’area espositiva dal 2000 ospita gratuitamente le opere di artisti anche con l’ambizioso obiettivo di contrapporre, come “modello culturale”,  l’arte e la creatività ad alcune cattive abitudini giovanili della movida. Il 25 febbraio di quest’anno a questi spazi se ne è aggiunto un altro, il MICRO dedicato ai bambini.

Febbraio 2012. Chiude la torretta per manutenzione

La storia ha inizio a Febbraio di quest’anno quando la storica Torretta viene chiusa per la realizzazione di nuovi arredi espositivi interni la cui durata era prevista in 30 giorni. Ma al termine dei lavori appare sul sito istituzionale della torretta Valadier il seguente annuncio a firma del Direttore del XX Municipio:
Comunicazione di sospensione assegnazione spazio espositivo Torretta Valadier in attesa del rilascio delle necessarie autorizzazioni. Si comunica che, allo stato, è sospesa la concessione per utilizzo temporaneo dello spazio espositivo Torretta Valadier, in attesa del rilascio delle necessarie autorizzazioni da parte della Soprintendenza. Verranno inoltrate tempestivamente eventuali, nuove disposizioni.

Il perché della chiusura

Da oltre 4 mesi quindi artisti e pubblico non possono usufruire di questo spazio espositivo. Abbiamo raggiunto telefonicamente l’Assessore alla Cultura del XX Municipio Marco Perina per capire il perché del perdurare di questa situazione.

Assessore ci può spiegare perché gli spazi espositivi della Torretta Valadier non sono disponibili?
La Sovraintendenza ai Beni Culturali ci ha comunicato che a seguito di un sopralluogo che gli spazi espositivi non presentavano condizioni sufficienti a garantirne l’uso in sicurezza.

Quali sono le criticità riscontrate dalla Sovraintendenza?
sempre secondo la sovraintendenza le criticità riscontrate riguardavano , per quanto attiene agli spazi espositivi interni, il portoncino di ingresso e la scala di accesso/deflusso mentre, per le parti esterne, i parapetti dei terrazzi con altezza inferiore alle norme di sicurezza, l’impianto dei parafulmini,  gli intonaci ammalorati, e le pianelle dei cornicioni a rischio di caduta.

Perché i lavori di ripristino non sono stati eseguiti?
Dal mese di Marzo stiamo aspettando dalla Sovraintendenza l’elenco dettagliato dei lavori da effettuare fermo restando che, escluse le parti esterne della Torretta degradate dalle intemperie, gli uffici competenti del XX Municipio che ha in assegnazione l’immobile, ritengono gli spazi fruibili per quanto riguarda la normativa in tema di sicurezza.

Secondo la Sovraintendenza quindi gli spazi della Torretta non sono a norma mentre per l’U.O.T. del XX Municipio lo sono?
Sono 16 anni che questo edificio storico di Roma viene attentamente monitorato effettuando l’ordinaria e straordinaria manutenzione di concerto con la Sovraintendenza. Ai tempi del terremoto dell’Aquila l’U.O.T del XX Municipio effettuò prove statiche sulla stabilità del manufatto.

NDR:  Anche l’assessore ai lavori pubblici del XX Municipio Stefano Erbaggi, da noi interpellato, è dello stesso avviso.

Quando saranno disponibili nuovamente gli spazi espostivi della Torretta Valadier?
Per noi (XX municipio ndr) anche da subito. L’U.O.T. del XX Municipio ha più volte confermato la piena fruibilità in sicurezza della Torretta.

Fin qui le dichiarazioni degli assessori Marco Perina e Stefano Erbaggi, dalle quali si evince come la collaborazione più che decennale tra Sovraintendenza e XX municipio non sia, forse, in sintonia.  Che la Torretta abbia bisogno di interventi esterni è indubbio visto anche il recente intervento (13 Luglio) dei Vigili del Fuoco a causa della caduta di pezzi di cornicione. A tale proposito non capiamo perché, la Sovraintendenza, non abbia disposto anche la chiusura del passaggio pedonale del ponte,  le perplessità riguardano l’ accesso alle parti interne, utilizzate da anni senza che ci sia mai stato alcun peggioramento  anzi, recentemente riqualificate.

Sorge invece qualche dubbio sulla chiusura degli spazi espositivi  interni a causa delle asserite irregolarità del portoncino di ingresso (che così è da oltre 16 anni), delle pavimentazioni decoese ovvero instabili, (alcune  piastrelle da reincollare, che sono insite nello stato di una pavimentazione antica), dei parapetti dei terrazzi ritenuti non a norma (che oltre a non essere raggiungibili dai cittadini sono stati così realizzati di concerto con la Sovrintendenza per non rovinare lo skyline della Torretta). Ed infine   delle parti esterne quali gli intonaci ammalorati ovvero deteriorati e di alcune pianelle sconnesse, che, se vero, dovrebbe portare alla chiusura di non solo di gran parte dei monumenti romani ma anche di alcuni edifici pubblici ma che, in ogni caso non ne pregiudicano, la fruizione interna.

Fabrizio Azzali

     © riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome