Home ATTUALITÀ Torquati, Paris (PD): occorre un presidio fisso dei Vigili in via Due...

Torquati, Paris (PD): occorre un presidio fisso dei Vigili in via Due Ponti

“Dopo la richiesta della corsia alternativa e lo stop del cantiere non intendiamo dimenticarci di Via Due Ponti”. Ad annunciarlo sono Elisa Paris e Daniele Torquati, consiglieri PD del XX Municipio, spiegando che “l’invivibilità della Cassia continua ad essere un problema e la gente le prova tutte per evitare qualche ora nel traffico, anche prendere contro mano la corsia che con tanta fatica abbiamo richiesto e che ora viene però percorsa in entrambi i sensi come se fosse la norma.”

“A seguito delle molte interrogazioni portate in aula abbiamo ottenuto dei risultati importanti ed è per questo che l’attenzione rispetto al cantiere di Via Due Ponti deve rimanere alta. Quindi chiediamo al Presidente Giacomini di farsi carico presso il XX Gruppo della Polizia Municipale di predisporre un presidio fisso in loco, per scongiurare eventuali incidenti.”

“Tale richiesta – anticipano Paris e Torquati – verrà formalizzata con un emendamento in aula alla proposta di risoluzione sull’apertura a doppio senso di marcia della strada di fondovalle, sperando che la maggioranza che governa il nostro Municipio, ormai abituata a far cadere il numero legale, decida di assumere un comportamento rispettoso dei cittadini e si presenti in aula a votare.”

Visita la nostra pagina di Facebook

25 COMMENTI

  1. abbiate pazienza, lasciateci sta corsietta: facciamo attenzione, ci diamo la precedenza e riusciamo a sopravvivere. il giro oriolo romano-giovanna elisabetta-san godenzo ci fa stare in macchina quindici minuti in più. oppure mettete un semaforo per il senso unico alternato come quelli che erano in via di grottarossa durante i lavori di contenimento. Non può essere sempre una punizione, non potete sempre scegliere la cosa che più complica la vita dei cittadini.

  2. ma per favore!!! il resto della circoscrizione è abbandonata a sè stessa, cosa volete un vigile ad ogni segnale stradale in zona Cassia!!!!!? così si risolvono i problemi, mettendo un segnale umano a far da controllore all’inciviltà e alla mancanza di senso civico della gran parte delle persone!? Le altre consolari non mi sembrano così presidiate, decisamente no, e vi assicuro che la Tuscolana, la Casilina, Tiburtina, et cetera non stanno meglio di questa strada, che da quando andavo io al liceo è sempre stata così, fisiologicamente trafficata, solo perchè raccoglie un bacino di utenza dell’hinterland non indifferente e non ha alternative se non la Cassia Veientana che ormai è obsoleta. E non di mentichiamo le scuole, le traverse e amen. Tutta fuffa, siete capaci a fare solo quello. E preoccupatevi anche del resto della circoscrizione piuttosto,
    che è stata completamente abbandonata!!!!

  3. Direi che oltre al danno anche la beffa dobbiamo subire: Prima avviano i lavori bloccando TUTTO.

    Poi aprono una corsia e mettono il divieto di percorla a senso unico alternato.

    Per prima cosa pensate a far ripartire questi lavori, perchè se a luglio non sono conclusi come dovrebbe essere direi che i cittadini avranno diritto di lamentarsi.

    Ci pensiamo noi alla corsia, non ci sono stati incidenti e diluisce un pò il traffico, per noi che viviamo in via santa giovanna elisabetta sono 15 minuti per uscire di casa ogni volta.

    I vigili urbani quando vengono mandati a diluire il traffico, invece che smaltire quello di via san godenzo smaltiscono quello della cassia (che è il solito). Cosa assurda perchè al semaforo di san godenzo c’è una coda che parte da via s. giov. elisabetta.

    Perfavore, riflettete prima di agire e fate qualcosa di decente perchè noi intanto paghiamo per tutti.

  4. “Impegnare il Presidente del Municipio Roma XX presso il XX Gruppo di Polizia municipale al fine di istituire un presidio fisso che regoli il traffico veicolare nella corsia altenativa accanto al cantiere e di verificare l’ipotesi di predisporre il senso unico alternato”
    Questo è l’emendamento approvato oggi.

    Non capisco dagli interventi precedenti che cosa si vuole dire.
    Nessuno ha parlato di togliere la corsia alternativa che abbiamo chiesto in tempi non sospetti, come testimonia questo comunicato del 15 Febbraio.
    https://www.vignaclarablog.it/2012021518004/via-due-ponti-gruppo-pd-xx-nostre-proposte-per-rimediare-caos-pdl/

    Nessuno ha mai parlato di presidiare tutte le strade (addirittura le traverse) del XX Municipio, ma di avere una maggiore attenzione sulla viabilità di un cantiere che non può essere controllato dal principio: “facciamo attenzione, ci diamo la precedenza”, perchè tale principio non è contemplato dal codice della strada, e il codice della strada è quello che decide ad esempio nel caso capitasse un incidente chi ha ragione e chi ha torto. Nel caso non ci fosse la disciplina di traffico la clpa sarebbe dell’amministrazione che nel caso fosse condannataa pagare lo farebbe con le vostre tasse.

    Ma è possibile che in Italia non si è in grado di realizzare e pretendere le cose come devono essere fatte?
    Ci deve essere la corsia, i lavori devono essere ultimati nei tempi e la corsia deve avere una disciplina di traffico. L’alternativa è fare le cose alla “carlona” come è solito fare il XX Municipio.

    Cordiali Saluti

    Daniele Torquati
    Capogruppo PD Municipio Roma XX
    danieletorquati@virgilio.it
    http://danieletorquati.blogspot.it/

  5. basta un semaforo, i vigili mandiamoli a controllare i divieti di sosta, a Grottarossa evitano accuratamente di fare multe, e così ci abituiamo all’inciviltà…

  6. basterebbe un segnale di senso unico alternato con diritto di precedenza per un senso, in genere il codice della strada prevede la precedenza per il senso più disagevole, come in eventuale pendenza. Le cose alla carlona le decidete voi politici, procrastinando e trovarando spesso e solo soluzioni d’immagine, fuffa e nient’altro. Via Vibio Mariano e via del Sesto Miglio non sono traverse forse? Eppure vedo spesso vigili anche li!! E in ogni caso il resto della circoscrizione, ripeto è stato completamente abbandonato. Buon lavoro.

  7. Ripeto: “Impegnare il Presidente del Municipio Roma XX presso il XX Gruppo di Polizia municipale al fine di istituire un presidio fisso che regoli il traffico veicolare nella corsia altenativa accanto al cantiere e di verificare l’ipotesi di predisporre il SENSO UNICO ALTERNATO”. Presentato e approvato.
    Che si contesta su questa proposta? E’ “fuffa”?

    Noi “politici” del PD abbiamo fatto questo. Come abbiamo proposto ben tre mesi prima dell’inizio del cantiere, ribadendolo anche dopo, l’apertura della corsia alternativa accanto al cantiere.

    5 Marzo
    https://www.vignaclarablog.it/2012030518194/via-due-ponti-torquati-paris-pd-tutto-tace-nessuna-risposta-sulla-corsia-proposta-dal-pd/
    15 Marzo
    https://www.vignaclarablog.it/2012031518297/xx-municipio-torquati-pd-via-due-ponti-un-mese-di-promesse-zero-risposte/
    28 Marzo
    https://www.vignaclarablog.it/2012032818450/via-due-ponti-pd-xx-municipio-nuova-corsia-avevamo-chiesta-da-mesi/
    4 Aprile
    https://www.vignaclarablog.it/2012040418513/via-due-ponti-torquati-paris-pd-la-corsia-che-ce-e-non-ce/

    Tutta “fuffa” che ha permesso di aprire una corsia della quale adesso non si può fare, giustamente, a meno e che secondo noi deve essere disciplinata anche attraverso il senso unico alternato per lo meno fino a quando la corsia può essere aperta.

    Non capisco poi la questione di “tutto il Municipio” di cui noi del PD ci occupiamo quotidianamente.

    Cordiali Saluti

    Daniele Torquati
    Capogruppo PD Municipio Roma XX
    danieletorquati@virgilio.it
    http://danieletorquati.blogspot.it/

  8. “verificare l’ipotesi di predisporre il senso unico alternato” ma che vuol dire? mettete un semaforo volante, no? è tanto difficile da capire e da realizzare? torquati, mi scusi, per inciso io l’ho anche votata, cerchiamo di semplificarci la vita, o almeno di complicarcela un po’ meno. Non capisco come mai il semaforo non sia già lì, al solito chi si occupa di queste cose se fosse competente saprebbe prevedere i disagi futuri e prevenirli nei limiti del possibile. invece ogni volta dobbiamo inventarci le soluzioni, passando per assurde procedure burocratiche con non raggiungimento di numeri legali. A mio parere si tratta di un’azione tecnica da cantiere.

    A parte, mi scusi ma ho visitato il suo sito: ma lei che lavoro fa? ma si intende di queste cose? Il PD non ha da mettere in campo due ingegneri, due urbanisti? Mi fa piacere che lei abbia una passione per la politica ma il suo curriculum non è sufficiente per la gestione di queste problematiche. Guardi, io ho sempre votato PD, ma questa volta ci penserò. Scusate, ma siamo a livello di Erbaggi. Ma come possono funzionare le cose???

  9. Caro consigliere, dall’articolo si evinceva che fosse in disaccordo con la transitabilità
    nei due sensi, infatti riportava con un virgolettato, come fossero sue parole:
    …“l’invivibilità della Cassia continua ad essere un problema e la gente le prova tutte per evitare qualche ora nel traffico, anche prendere contro mano la corsia che con tanta fatica abbiamo richiesto e che ora viene però percorsa in entrambi i sensi come se fosse la norma.” …
    Ora che ha spiegato che non è proprio così, non polemizziamo inutilmente, stiamo dicendo tutti la stessa cosa: la corsia deve essere percorribile per i locali nei due sensi, come già avviene, avendo i cittadini nei fatti anche questa volta anticipato la decisione politica. In particolare a mio giudizio un “semaforo provvisorio” in un cantiere stradale è una soluzione sensata e percorribile senza altro spendere.

  10. Ma mi sono perso qualcosa? Torquati è al governo del Municipio? Oh, finalmente un po’ di aria nuova. Vediamo se questi sono in grado di fare qualcosa.
    Allora, Presidente Torquati, faccia mettere subito il presidio x qualche giorno, mentre completate le pratiche per il semaforo volante. Poi, passi a tutte le iniziative sulla trasparenza (finora rimaste lettera morta) come la diretta web, ecc . Poi c’è l’ufficio anagrafico, poi c’è da togliere quello stupido e inutile sportello per i diritti degli animali, riprendendo e utilizzando meglio quello spazio di Giuochi Istimci regalato ai soliti amici degli amici con bando agostano, poi, poi, poi…
    Governare dopo gli incapaci facilita le belle figure, ma c’è tanto da sgobbare…
    buon lavoro 🙂

  11. @ Caro consigliere Torquati, non ci crederà proprio ma sto per difenderla… Ha letto cosa ha scritto uno/a votante il suo partito,Bibì, lei non ha le capacità di fare politica e conseguentemente di amministrarci. Secondo il ragionamento del compagno/a , che già lo aveva espresso in un altro post contro il suo “collega” di maggioranza Erbaggi, per fare i collettori fognari bisogna essere stagnari, nel suo caso deve avere una laurea in urbanistica e viabilità …. Scusi Bibì, per le mense scolastiche bisogna essere cuochi??? Come già le ho scritto, in Italia c’è stato già un governo delle corporazioni, meglio conosciuto come il governo del Fascio : ora mi incuriosisce il fatto che uno/a che ha sempre votato a sinistra, ora cerca una simile amministrazione….

  12. le migliori intenzione a volte sono portate avanti dalle persone sbagliate, ma non per questo sono meno vere, giuste e perseguibili..

  13. Nico, bentrovato!!

    Niente fasci, solo vorrei che il Paese fosse gestito da persone che hanno studiato per farlo, tutto qui. Lei farebbe gestire il suo condominio da un salumiere? Le persone che ci amministrano non si intendono di nulla: economia, gestione dei rifiuti, viabilità, urbanistica, cultura, lavori pubblici, mi dica un campo della vita di noi cittadini e mi mostri una cosa che funziona, se può. Ma è naturale, non può funzionare: hanno mai gestito un negozio, un condominio, uno stabilimento balneare, un piccolo comune di provincia? No, niente, miracolati da qualche centinaio di voti si trovano in una realtà più grande di loro e noi ne paghiamo le conseguenze. Se il traffico non funziona, l’AMA non funziona, la USL mi richiede due ore di fila per la più semplice delle operazioni, la colpa di chi è? E’ mia? o è di chi non sa gestire queste cose? Non capisco perché per fare qualunque professione serva un curriculum e per amministrare un paese non ce ne sia bisogno. Stiamo tutti con il mal di stomaco per lo stress di campare così, ma se ne rende conto o no? Ma non vede quanto è arrabbiata la gente?

  14. Caro/aBibì, quindi lei è per la tecnocrazia, un governo Monti a tutti i livelli… quindi alle elezioni bisognerebbe portare i curricula e casomai se si presentano 10 ingegneri e ce ne serve uno, facciamo fare a tutti un concorso per titoli ed esami… e chi dovrebbe giudicarli??? altri tecnici ?? o noi che li eleggiamo ma non siamo esperti in materia??? La democrazia funziona diversamente… oltre ad una cultura personale chi viene eletto, di qualsiasi parte politica sia, deve avere solo una virtù : l’onestà… Dipende solo da questo…. poi se lei dice che le corporazioni vanno meglio, allora si facciano avanto tutti i giardinieri per amministrare l’ambiente, i muratori per l’urbanistica,ecc.. o devono essere solo laureati?? e gli altri non vanno bene??

  15. De Lorenzo è un medico ed ha fatto il Ministro della sanità per cinque anni (lo ricordi Poggiolini) Giancarlo Pagliarini è un commercialista ed ha fatto il Ministro del Bilancio ma non ricordo grandi azioni di governo, Giorgia Meloni era giovane e l’hanno messa a fare il Ministro dei giovani.
    Caro BIBI, ti piaceva il Ministro medico? Ti piace il Governo Monti fatto dai tecnici: il soldato alla difesa l’economista all’economia il medico alla sanità. Giustissimo, sacrosanto ma i curriculum sono spesso senza anima. Mi dispiace per il tuo malumore e in parte può essere compreso ma non partiamo sempre in tromba con gli unici che fanno qualcosa e si espongono. Il politico è una persona che ha messo al servizio il proprio tempo e la propria preparazione/esperienza al servizio della collettività. La collettività, come non smettero’ mai di ripetere, DEVE criticare affinche’ si faccia meglio. Insultare e basta solo perche’ uno fa allora è mesglio starsene zitti e buoni e tirar fuori la testa sotto elezioni, come fa la maggior parte dei 25 presenti in Consiglio.
    Per me Torquati (e la Paris) sta facendo un ottimo lavoro e spero per lui di poter maturare altra esperienza nel settore.

  16. Caro Marinali, se lei mi cita De Lorenzo allora fa meglio il mio gatto, che se non altro non ha interessi personali. Ma per esempio alla sanità sarebbe perfetto il senatore Ignazio Marino che, oltre ad essere una persona di grande correttezza, ha una valida preparazione nel campo. Sa come funzionano gli appalti, sa come lavorano gli operatori, conosce le problematiche, i punti deboli, i punti forti del sistema sanitario. Non era mia intenzione insultare nessuno, ma ogni volta che mi capita di vedere la pagina di un assessore/deputato/amministratore pubblico mi domando per quale ragione sia lì.
    Guardi il nuovo governo francese: ci sono persone con idee forti, con grandi capacità, che hanno già dimostrato di saper gestire delle realtà pubbliche. Tutto qui. Se lo capiamo, bene, altrimenti niente, rimaniamo come stiamo.

  17. Quanti danni ha creato Berlusconi e adesso ne crea Grillo. Credo che sfugga qualcosa del senso dell’amministrazione pubblica, che è composta da tecnici e da politici. In senso ampio, infatti, comprende tutti i soggetti che svolgono la funzione pubblica. In senso oggettivo, invece, è quell’attività che cura gli interessi della collettività grazie a decisioni prese sulla base di un indirizzo politico. In poche parole: i tecnici, entrati con concorso pubblico, hanno il compito (e le capacità) di verificare la fattibilità tecnica delle scelte dei politici che dovrebbero essere espressione della polis, della Città. I politici sono eletti con sistemi che tutelano e consentono (a parte la legge elettorale promossa dal Governo Berlusconi) che uno Stato sia democratico (governo del popolo).
    Dal punto di vista personale spesso mi domando, e proprio in questo momento per ovvi motivi lo sto facendo, per quale arcano motivo invece di “perdere tempo” con gli interessi pubblici non abbia fatto il mio interesse privato laureandomi, perché per la cronaca la consigliera Paris è un ingegnere ed io invece che “ho perso molto tempo” con la politica a 27 anni sono un vecchio laureando in scienze politiche (indirizzo amministrazione).
    La questione delle lauree vuol dire molto e non vuol dire niente, perché il nostro partito, e noi che crediamo nella pubblica amministrazione e nell’interesse pubblico, si avvale di numerosi tecnici con i quali noi fanciulli ed “inesperti” (siamo il Gruppo più giovane di Roma) consiglieri municipali ci confrontiamo quotidianamente in lunghissime e piacevolissime riunioni dei gruppi di lavoro del partito municipale e romano. In ultimo, senza entrare nella discussione del Governo tecnico (credo che si sia sconfinato abbastanza), vorrei dire che io faccio parte di una cultura politica, e mi onoro di farne parte, che da sempre si è battuta per portare nei luoghi di decisione, operai, contadini, commercianti, perché aldilà di tutta la “fuffa”di cui ci possiamo riempirci la bocca, credo che le competenze si acquisiscano con il lavoro e lo studio, azioni che cerco personalmente di non farmi mai mancare.
    Tornando alle questioni serie e al problema che stavamo trattando, il PD ha chiesto la realizzazione della corsia alternativa (credo che non debba un’ulteriore volta spiegare perché ho utilizzato il verbo “chiedere” e non ci siamo messi il cappelletto da cantiere e con la paletta in mano siamo andati a dirigere il traffico) che in un primo momento i colleghi del centrodestra dichiaravano come irrealizzabile, quindi non ci sogneremmo mai di volere la chiusura della stessa. Mi scuso se in questo comunicato non è espressamente esplicitato, ma credevo che dopo tre mesi la posizione del PD fosse chiara.
    Infine, la nostra volontà non è, e non era, quella di fustigare o di ricercare con il lanternino chi percorre contromano un pezzo di strada, ma quella di richiedere una segnaletica adeguata ad una viabilità alternativa, tenendo presente le esigenze di chi vive il quartiere, e lo soffre, assicurando loro la sicurezza di percorrerlo.
    Credo che se in questo momento c’è la possibilità di percorrere la corsia alternativa, la viabilità debba essere adeguatamente segnalata, tanto più se ci saranno le condizioni (devo spiegare perché ho detto “se ci saranno le condizioni”?) per predisporre il senso unico alternato.
    Non può esistere la regola del “passo io, passi te” o per lo meno credo che il Municipio non possa permettersi di lasciare una viabilità alternativa senza un’adeguata segnalazione rischiando che accadano incidenti.
    Credo che fino a quando ci sarà la possibilità di passare, visto che l’apertura per la prossima tratta inizia ad essere difficile da realizzare considerando l’ampiezza del cantiere, credo che per tutti (cittadini e Municipio) la viabilità debba essere controllata e studiata quotidianamente. Ovvero, si deve fare tutto quello che il centrodestra capitolino e municipale non ha fatto prima dell’inizio del cantiere e non sta facendo tutt’ora, sperando che questi giovani, inesperti e non laureati ragazzotti\e del PD possano essere attaccati non perché “chiedono”, ma perché “non hanno fatto”.

    Cordiali Saluti

    Daniele Torquati
    Capogruppo PD Municipio Roma XX
    danieletorquati@virgilio.it
    http://danieletorquati.blogspot.it/

  18. gentile sig. Torquati, non serve un presidio, basta un segnale stradale, è fuffa nel momento in cui insistete nel dispiegare personale della Municipale in posti insensati, per questioni di “immagine”, quando, le ripeto, il resto della circoscrizione è abbandonato!! Su questo non risponde?. Si faccia un giro per zona Flaminia, o Labaro. Quelle son zone di serie B per caso? Il presidio è fuffa, il segnale è l’ovvietà, l’utenza l’ha già deciso per necessità e buon senso: senso unico alternato. Date l’imprimatur e fatela finita di dire banalità.

  19. L’imprimatur c’è. Non so se è chiaro che c’è stata l’approvazione dell’emendamento in cui si dice: “predisporre il senso unico alternato”.
    Visto che sono dell’opposizione il fatto che il Municipio non abbia una splendida “immagine” potrebbe essere solo la conferma di quello che quotidianamente dico, ma sono consapevole che il XX Municipio è abbandonato non per la mancanza dei vigili (che tra l’altro in alcuni post precedenti si diceva che sono presenti – Via Vibio Mariano e Via Sesto Miglio), ma per una serie di difficoltà tutte dovute da una carente gestione della cosa pubblica e un’incompetenza neanche tanto celata di chi governa il Municipio.
    Noi dell’opposizione la “fuffa” non l’abbiamo fatta quando abbiamo proposto ben tre mesi prima dell’apertura del cantiere la corsia, la “fuffa” non la facciamo adesso quando chiediamo il senso unico alternato e chiediamo di disciplinare il traffico in maniera adeguata, che oltre ad essere un dovere è un diritto dei cittadini. Va bene tutto ma credo che sia proprio fuori da ogni logica pensare che dei cittadini chiedano di non far rispettare le regole, ma soprattutto su questo principio come si fa a pretendere di avere degli amministratori onesti?
    L’utenza l’ha già deciso ed è un dovere dell’amministrazione tenerne conto, come è un dovere per il Municipio far rispettare le regole che sono la base della convivenza civile e, più in generale, sono la garanzia per chi è più debole.
    Il resto è veramente fuffa.

    Cordiali Saluti

    Daniele Torquati
    Capogruppo PD Municipio Roma XX
    danieletorquati@virgilio.it
    http://danieletorquati.blogspot.it/

  20. Da ieri la corsia è stata richiusa e non è più transitabile in nessun senso!
    In compenso l’incrocio di via Signa è presidiato dai vigili urbani.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome