Home ATTUALITÀ Flaminia – Non chiude la Romana Macinazione

Flaminia – Non chiude la Romana Macinazione

rosetta.jpgIn via Flaminia, non chiuderà i battenti la Romana Macinazione, uno dei primi mulini di Roma che risale al Novecento e che ha dato i natali alla “rosetta”. L’azienda aveva annunciato la prossima chiusura dello stabilimento ubicato al km 8,5 di via Flaminia ma la lunga trattativa con le organizzazioni sindacali si è conclusa con il ritiro della procedura di mobilità e l’introduzione di una cassa integrazione straordinaria per dodici mesi con rotazione dei 39 dipendenti.

Ne danno notizia Luca Battistini, segretario generale della Flai-Cgil di Roma e del Lazio, e Angelo della Vecchia, segretario della Fai Cisl di Roma e del Lazio.

“Siamo soddisfatti di questo risultato – dichiarano i due esponenti sindacali – anche perchè, come avevamo detto dall’inizio della vertenza, non eravamo disposti a trattare con i licenziamenti sul tavolo. Ringraziamo i lavoratori per la compattezza e il coraggio che hanno dimostrato, lottando fin dall’inizio attraverso scioperi e azioni di lotta sindacale per difendere i propri diritti. Il risultato raggiunto ha premiato la loro tenacia. La cassa integrazione sarà comunque un sacrificio per i lavoratori ma almeno in questo modo essi continueranno a lavorare e a produrre come hanno sempre fatto”.

“Per quel che ci riguarda – concludono i sindacalisti – continueremo a vigilare affinchè questo periodo di cassa integrazione possa servire a rilanciare uno dei mulini storici di Roma”.

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. come e’ possibile mandare in crisi un settore alimentare la cosa e’ alquanto strana bisognerebbe indagare a fondo, forse vogliono far produrre il pane ad aziende non italiane a basso costo con qualita scadente, anche questo fa parte della manovra monti? ce lo chiede l’europa?

  2. Ma non avete capito che anche lo stabilimento della Romana macinazione farà posto ad altra speculazione edilizia, sempre riconducibile al ben noto palazzinaro romano che ha costruito i due palazzoni intensivi (trasformati incredibilmente da alberghi in abitazioni grazie a funzionari comunali consenzienti) e che ora vuole mettere le mani sulla fermata Due Ponti costruendo addirittura 4 piani di uffici per soffocare ancora di più il quartiere? informatevi!!

    Vergogna…

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome