Home ATTUALITÀ Blitz nei campi nomadi della Capitale: 5mila auto intestate a 200 prestanomi

Blitz nei campi nomadi della Capitale: 5mila auto intestate a 200 prestanomi

vvuu7.jpgDalle primissime ore di questa mattina è in corso una vasta operazione della Polizia Municipale coordinata dal vicecomandante Antonio Di Maggio. 300 agenti  stanno controllando i campi nomadi di Baiardo, Castel Romano, Salone, Villa Gordiani, Monachina, Salviati, Cesarina, Candoni, Tor De Cenci, Ortolani e Arco di Travertino. Gli agenti hanno finora perquisito e sequestrato centinaia di veicoli intestati a prestanome e da questi poi rivenduti, senza passaggio di proprietà, a personaggi con precedenti penali, privi di patente. Alcuni dei veicoli sono stati utilizzati per attività delittuose.

Tutta l’attività investigativa, su delega del Sostituto Procuratore di Roma Carlo La Speranza, si è sviluppata nell’arco di un anno ed è scaturita da accertamenti di incidenti stradali nei quali i conducenti si erano dati alla fuga.

Le auto-pirata, prive di assicurazione, sono poi risultate intestate a prestanome, per lo più nomadi slavi e tossicodipendenti romani. Un totale di circa 200 nominativi per quasi 5000 veicoli intestati, alcuni anche di lusso e di grossa cilindrata.

Oltre ad auto e Suv, gli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale hanno posto sotto sequestro varie targhe contraffatte e numerosi documenti amministrativi che attestano i passaggi di proprietà dei veicoli. S’indaga, inoltre, sulle coperture assicurative e sull’ingente numero di tagliandi assicurativi falsificati rinvenuti.

Il Comandante del Corpo Angelo Giuliani esprime il suo vivo compiacimento e si congratula con gli agenti protagonisti del maxi-sequestro, che giunge positivamente in una fase di recrudescenza dell’odioso fenomeno delle auto-pirata.

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. l’unica cosa che si nota, a roma, è che ai posti di blocco fermano sempre macchine tranquille con famiglie a bordo. fare direttamente dei posti di blocco all’angolo con i campi nomadi, invece di aspettare questa escalation di pirati della strada?

  2. Per Giuseppe….hai proprio ragione è veramente un ingiustizia!!!!….Lo sanno tutti che questa gente gira con assicurazioni fantasma senza patente con targhe usurate bolli inesistenti, ma perchè non li fermano mai?????!!!!….questo è il primo vero bliz nei campi nomadi….ben vengano controlli periodici e severi…e basta
    sentire che si devono integrare!!!!!….incominciassero loro a rispettare le regole!

  3. Abbiamo conosciuto Di Maggio in occasione dello sgombero del 14 ottobre 2010 in Via Gradoli, apprezzandone le doti.
    Mi auguro che l’azione concertata sfoci in misure idonee a reprimere definitivamente le condotte permanentemente e palesemente illegali dei nomadi, in ossequio alla normativa vigente.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome