Home ATTUALITÀ Ponte Milvio – Masini, Cozza (PD): il Sindaco faccia smontare subito l’impianto...

Ponte Milvio – Masini, Cozza (PD): il Sindaco faccia smontare subito l’impianto pubblicitario

Paolo Masini, consigliere PD capitolino, ed Alessandro Cozza, consigliere PD del XX Municipio,commentano molto ironicamente in una nota l’imponente installazione pubblicitaria sorta sul piazzale di Ponte Milvio ed autorizzata direttamente dal Gabinetto del Sindaco. “Che Alemanno ce l’avesse con il XX Municipio e i suoi cittadini avevamo cominciato a sospettarlo, ma a quanto pare sembra non rispettare neanche i suoi  ‘amici’ di partito che qui governano.”

“Dopo l’inaugurazione di Trony, il cantiere di via Due Ponti e il tentativo di cambio di segnaletica tra via Cassia Antica e via Cortina d’Ampezzo, oggi ecco l’ennesima forzatura del sindaco senza alcuna concertazione con l’amministrazione locale. Questa volta – esclamano i due consiglieri – lo riteniamo davvero inammissibile perché il Consiglio del Municipio, con un ordine del giorno proposto dal PD e votato all’unanimità nel dicembre del 2010, ha chiesto che l’area di Ponte Milvio rimanesse off-limits per qualsiasi tipo di attività che non fosse di carattere istituzionale o culturale.”

“Invece da stamattina proprio sotto la Torretta Valadier stanno montando un’enorme struttura pubblicitaria che fino al due maggio ospiterà la pubblicità di una nota casa automobilistica, e ad autorizzare l’iniziativa è stato proprio Alemanno. Non possiamo accettare – incalzano Masini e Cozza – che un sindaco scavalchi in maniera così arrogante quella che è la volontà di un municipio e dispiace constatare come, ancora una volta, la giunta municipale non riesca a far vale le sue ragioni”.

“Siamo stanchi – concludono – come amministratori ma sopratutto come cittadini, che questo sindaco gestisca Roma come fosse casa sua: chiediamo perciò che si faccia un passo indietro, revocando l’autorizzazione concessa e restituendo a Ponte Milvio quella sacralità che il XX Municipio ha sottolineato con un importante atto di Consiglio che oggi pretendiamo venga rispettato.”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome