Home ATTUALITÀ Parcheggiatori abusivi, ecco la mappa a Roma

Parcheggiatori abusivi, ecco la mappa a Roma

Presidiano ospedali e locali, cimiteri e tribunali. I parcheggiatori abusivi sono ormai i padroni delle strade della Capitale. Il settimanale Il Punto dedica al fenomeno un’inchiesta che sarà pubblicata nel numero in uscita venerdì 23 marzo. Ma nel frattempo, sul suo sito web  ilpuntontc.com, rende nota la mappa dei taglieggiatori, quartiere per quartiere, strada per strada.

Non solo. Sulla base dei dati forniti da Angelo Giuliani, comandante della Polizia di Roma Capitale, Il Punto rende noto che in tutto il 2011 sono state 956 le multe fatte ai “guardiamacchine” della Capitale. Ed ecco l’elenco delle zone in cui sono stati individuati e sanzionati i parcheggiatori abusivi.

Stadio Olimpico (per eventi sportivi e non); Testaccio (aree di intrattenimento-discoteche); Cimiteri del Verano e di Prima Porta; Policlinico Umberto I; Ospedale Fatebenefratelli; Ospedale Pediatrico Bambino Gesù; Policlinico Tor Vergata; Terme di Caracalla (in occasione di eventi); Lungotevere-Centro Storico (nel periodo estivo della movida); Trastevere; Piazzale della Radio; via Ostiense-Piramide (per presenza uffici e per movida discoteche e pub); Gran Teatro di viale di Tor di Quinto; Lungotevere degli Anguillara; Lungotevere Sanzio; Passeggiata del Gianicolo; Piazza Bocca della Verità; piazza Castellani; piazza della Cancelleria; piazza della Consolazione; piazza G. Tavani Arquati; piazza Giustiniani; piazza Venezia; piazza Vidoni; via Campo Boario; via degli Annibaldi; via di San Gregorio; via Monte Testaccio; via Nicola Salvi; viale Terme di Caracalla; via San Gallicano; via Nicola Zabaglia; via Marsala; piazza Madonna di Loreto; piazzale Nervi; piazza Pakistan; piazzale Don Luigi Sturzo; viale Civiltà del Lavoro; piazzale Adenauer; via Ciro Il Grande; via del Pattinaggio; via delle Tre Fontane; via Cristoforo Colombo; piazza G. Marconi.

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. Abito in via di grottarossa, dove si sa bene che il parcheggio è selvaggio e difficile.
    Ieri sera alle 22.00 al terzo giro di auto, ho deciso di lasciare la macchina su via cassia dove ci sono quella serie di negozi sotto i pini. Sono rimasta esterefatta perchè in tutti e tre i parcheggi c’erano dei parcheggiatori abusivi con tanto di gilet arancione che mi invitavano a gesti verso dei posti rimasti ancora liberi.
    E’ scandaloso, non solo siamo costretti a parcheggiare a centinaia di metri da casa pure di notte, ma ci sono persone che pretendono di essere pagate per aver indicato un posto auto libero. Qui non siamo al centro ma a 2 km dal raccondo anulare. Qui non si chiedono i soldi (comunque non giustificati) a gente che vuole fare shopping a cola di rienzo, si pretendono soldi da chi abita in periferia, la sera torna da lavoro ed è costretto a lasciare l’auto in posti improbabili o lontana da casa perchè il MUNICIPIO non ha fatto assolutamente niente per migliorare la situazione parcheggi inesistenti della zona. Spero solo sia stato un evento isolato.

  2. ..forse devo rettificare il mio commento. Anche ieri sera tornando alle 23.00 c’erano questi parcheggiatori con gilet arancione di quelli catarinfrangenti, ma trovando posto sotto casa non mi sono fermata. Stando da sola e visto l’orario ho evitato di mettermi a chiedere se per caso non fossero autorizzati. Resto comunque perplessa perchè nemmeno al centro si paga alle 23.00. Il dubbio rimane, se avrò modo verificherò …se altri hanno notato la stessa cosa e sanno come mai, sarei curiosa di sapere come stanno le cose.grazie

  3. gli abitanti di via Oriolo Romano oltre ad avere notevole difficoltà nel parcheggiare vicino casa le proprie autovetture in quanto i posti disponibili sono sempre occupati da automobilistii provenienti da altre zone, hanno notevole difficoltà a camminare sui marciapiedi, per parcheggio di motociclette, ed a transitare con le proprie auto per il parcheggio in seconda fila e davanti ai secchioni della spazzatura.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome