Home ATTUALITÀ Comitato Via Gradoli: La Magistratura conferma l’ordinanza di sgombero

Comitato Via Gradoli: La Magistratura conferma l’ordinanza di sgombero

Il 10 gennaio 2012 sarà ricordato come un giorno importante per Via Gradoli. Il TAR del Lazio ha infatti respinto il ricorso di alcuni proprietari di immobili che chiedevano l’annullamento dell’ordinanza di sgombero delle cantine dei civici 65 e 69 emessa dall’ex sindaco di Roma, Walter Veltroni. Esulta il Comitato per Via Gradoli che, in una nota, si chiede perchè l’attuale amministrazione capitolina  si astiene dal prendere analoghi provvedimenti.

“Nel 2005 – spiega il Comitato – un gruppo di abitanti del civico 65/69 ha richiesto l’intervento della P.A. al fine di contrastare e reprimere l’illegittimo uso abitativo delle cantine presenti nell’edificio.Con l’ordinanza n. 129 del 2007, l’ex sindaco di Roma Walter Veltroni ha disposto lo sgombero delle persone dai locali di cui era stata accertata l’inabitabilità. I proprietari degli immobili interessati dal provvedimento hanno adito il T.A.R. al fine di farne dichiarare l’illegittimità, proseguendo, nel frattempo, la locazione delle unità.”

“Lo stallo in cui sono incorsi i relativi processi, di cui è responsabile l’attuale amministrazione, ha costretto i residenti a costituirsi nei giudizi per sostenere le ragioni sottese al provvedimento impugnato. Perdurando l’uso abitativo dei locali, e in seguito alle pressanti sollecitazioni del Comitato dei cittadini nel frattempo costituitosi, in data 14 ottobre 2010 è stato eseguito il sequestro penale dei locali in ragione dell’inadempimento dell’ordinanza sindacale, con contestuale allontanamento delle persone che vi dimoravano.”

“Il 10 gennaio 2012 il T.A.R. del Lazio ha respinto tutti i ricorsi presentati dai proprietari, confermando – continua il Comitato – i rilievi operati dalle ASL RME/RMC in merito alla insussistenza delle condizioni igienico-sanitarie e dei parametri edilizi normativamente richiesti per l’uso abitativo. Quanto sopra costituisce un monito sia per gli altri proprietari di analoghe unità immobiliari site nell’edificio e nella via illegittimamente utilizzate, sia per l’attuale amministrazione la quale – conclude la nota –  si astiene dal compiere gli ulteriori atti necessari per eliminare definitivamente tali speculazioni.”

Visita la nostra pagina di Facebook

18 COMMENTI

  1. Auspico che per gli sfruttatori della “cricca” di via Gradoli e più in generale per
    tutti gli speculatori del XX^ Municipio sia l’inizio della fine.
    Se il Sindaco invece di occuparsi di lucchetti, avesse più attenzione per l’immane problema dell’abusivismo edilizio sul nostro territorio………
    Con questa sentenza del TAR viene anche meno il pretestuoso timore dell’Ammistrazione Capitolina per i possibili ricorsi alla giustizia ammistrativa nei confronti di provvedimenti “illeggittimi” !

  2. Complimenti per il primo importante successo del comitato.
    Adesso viene il difficile, fare effettuare lo sgombero.

    Cercheranno in tutti i modi di addormentare la situazione sperando che si spengano quanto prima i riflettori.

    Starà a voi mantenere il livello di attenzione sempre alto.
    In bocca al lupo

  3. A noi la storiella di Davide e Golia è sempre piaciuta.
    Poi ci sono i corsi e i ricorsi storici e, a volte, anche i ricorsi (e le denunce) giudiziari(e).
    A presto

  4. Il 91 e 91g andate a controllare ci sono i bassi con bonbole del gas rischiamo di saltare per aria .HOfatto presente ma non ho avuto mai riposta .Spero che il comitato di via gradoli vadi a controllare, grazie

  5. Voglio precisare a Simone che lo sgombero relativo al civico 65/69 è già stato effettuato il 14 ottobre del 2010.
    Il Comitato chiede all’Amministrazione di emanare analoghi provvedimenti per tutti gli
    altri locali privi di abitabilità ancora presenti presso il medesimo edificio e negli altri civici
    dove i sopralluoghi hanno già certificato la mancanza di idoneità abitativa.
    Ad Angela voglio dire che non è il Comitato che deve verificare la presenza di bombole GPL; i controlli sono stati già effettuati dai VV.FF. e le relative relazioni sono state inviate
    agli Uffici deputati a prendere gli opportuni provvedimenti (U.O.T. del XX^ Municipio).
    Questi ovviamente se ne guardano bene dall’intervenire.

  6. Bisogna rilevare come i VV. UU., a seguito degli accertamenti svolti in passato, si siano limitati, nelle comunicazioni istituzionali, a “sconsigliare” (sic!) l’uso delle bombole GPL nei locali interrati e seminterrati.

    Peraltro appare molto significativa la circostanza per la quale tale Corpo, al quale era stata inviata l’ultima petizione dei cittadini, ha ritenuto opportuno restituire al mittente la petizione stessa.

    Amaramente constatiamo come non ci resti che, in caso di nuovi eventi esplosivi o incendiari, segnalare fatti e nomi alla procura della repubblica affinché procedano nei confronti di chi sapeva e non ha voluto dire o non ha voluto fare quanto opportuno o richiesto dalla legge.

    In questi frangenti emerge in tutta evidenza la funzione sociale della magistratura e siamo certi che verrà ristabilita la giustizia e la legalità in questa strada, diversamente da quanto sperano faccendieri, servi, corifei, lacché, traditori e delinquenti.

    Così va questo paese…ricordiamocene alle prossime elezioni…

  7. Ho l’impressione che tra chi protesta , GIUSTAMENTE , per le illegalità di via Gradoli, ci siano persone che , lamentandosi continuamente dei politici ed amministratori locali, vogliano solo sfruttare politicamente il movimento di protesta. Quello che mi fà capire ciò, è il fatto che finora non si è voluto colpire “il portafoglio” dei proprietari di quei loculi trasformati in pseudo miniappartamenti : basterebbe comunicare anche in forma anonima alla Guardia di Finanza, l’elenco dei nomi dei proprietari, per farli perseguire fiscalmente , perchè al mondo di oggi, se vuoi far male a qualcuno devi toccargli la tasca… Invece, per quel che mi risulta, tutto questo non è stato fatto, e penso che il motivo sia proprio nello sfruttamento politico della questione. Ripeto che posso sbagliare, ma penso che il tempo mi darà ragione….

  8. Francamemte non riesco a comprendere il retropensiero dell’anonimo Fly che invita a presentare esposti anonimi. La storia del Comitato viceversa é assolutamente limpida. Posso rassicurarlo circa il fatto che i proprietari del loculi, anche dal punto di vista fiscale, hanno pagato e pianto amaramente. E non é ancora finita !
    Rilevo un refuso di Carlo Maria quando cita i VV.UU.; ovviamente intendeva VV.FF.

  9. Rispondo al sig.Fly: regolari esposti sono stati presentati alla Guardia di Finanza. Deve essere poi quest’ultima a valutare le eventuali irregolarità fiscali poste in essere dai proprietari. Se ad esempio per uno scantinato viene presentato un regolare contratto di locazione ad uso deposito, la Guardia di Finanza prende atto che esiste un contratto e che l’importo indicato dovrebbe essere poi regolarmente riportato nel modello unico o 730. Il punto è che il contratto di locazione potrebbe riguardare uno scantinato che invece viene adibito ad abitazione, Questa è stortura principale, le cantine devono essere adibite a cantine. Appaiono pertanto evidenti, in primis, le pesanti irregolarità e responsabilità dei proprietari dal punto di vista tecnico-igienico-sanitario puntualmente evidenziate dalla sentenza del Tar. Sicuramente oltre queste ce ne potrebbero essere anche altre dal punto di vista fiscale, tuttavia, anche alla luce della recente normativa antievasione, appare probabile che i proprietari degli scantinati abbiano depositato dei contratti di locazione come uso magazzino, magari indicando un importo basso, scrivendo che il locale dato in uso è una cantina accatastata C/6 e non un’abitazione, visto che mancano i requisiti tecnico-sanitari per usarla come abitazione.
    La sentenza del Tar assume pertanto un’importanza fondamentale, anche dal punto di vista fiscale, per lo sgombero degli altri scantinati e sicuramente costituisce un monito per tutti quei furbetti e furboni che da anni si sono arricchiti ai danni della tanta brava gente residente nella via.

  10. Ancora ora la sera uscendo da via gradoli si vedono uscire da sotteranei loculi degli umani di razze e generi varii…. extracomunitari ….uomini,donne trans di varie etniee…….percorrono la strada a piedi e siu immergono nel mare magnum della cassia ex strada romana dell’impero romano…….ora…….strada di trans…ito……bizantino…….e Marrazzomo ci fa pure causa, poverino

  11. Premesso di non essere nè dietrologo, nè futurologo, la non risposta del dott. Frizzoni in merito al futuro politico degli attori di questa querelle, ripeto GIUSTISSIMA, non fa altro che confermare quanto già scritto. Le elezioni amministrative si avvicinano… vedremo…

  12. Il solito Marcolino visionario, SENSAZIONALE in via Gradoli: avvistati extracomunitari di razza umana di diverse etnie che (udite, udite !!) percorrono la strada a piedi (anche la sera !!) e non usano il cammello.
    Siamo letteralmente terrorizzati. E’ proprio vero, non c’è più religione.

  13. Ha ragione Frizzone non c’e’piu’ una cristiana religione a via gradoli…….ma un mix di altre religioni…..islamismo buddismo ed induismo in primis santeria e makumba in secundis……seguono altre se ascolti sul far della sera la preghiera rivolto alla mecca……un suk maghrebino con odori di spezie che salgono dalle cantine con le bombole del gas a tutta callara…….ed i cammelli se li sono gia’ mangiati da un pezzo…….

  14. @Marcolino: ma non aveva detto che aveva cambiato casa e che era andato a vivere al Fleming ? E allora si preoccupi dei problemi del Fleming che non sono pochi invece di continuare a buttare spazzatura razzismo e provocazioni su via Gradoli !
    E i cammelli se li mangi lei ! E cosa avrebbe da dire contro le religioni diverse dal cattolicesimo ??

  15. Il sig. Fly evidentemente vola alto, ma solo con la fantasia (nella migliore delle ipotesi).

    Con riguardo ai fatti, la prima petizione fu protocollata, per mano di Luciano Frugoni, anche alla GdF di Via Nomentana.
    La conseguenza è stata che qualcuno ha dovuto vendere la cantina per pagare il debito monetario nei confronti dello Stato per le sanzioni ricevute.

    Purtroppo l’italietta è piena di personaggi modesti, sempre pronti ad accusare gli altri nascosti dietro le coperte di casa.
    Fly scenda in politica e si dia da fare!
    Oppure si dichiari pubblicamente, forse scopriremo che lei politica già la fa…..

    Con riguardo a Marcolino, reparti libici avvistati notte tempo STOP qualcuno ha visto Gheddafi con Natalì STOP la lega non basta, attendiamo le truppe aerotrasportate STOP

  16. Settimio …..settimo di sette fratelli come dice la bibbia,quanto astio e risentimento nelle sue parole…..meno male che gli amici che ho in via gradoli sono piu’ aperti di mente…..le assicuro che la carne di cammello e’ buonissima e la rassicuro che sono per il pluralismo delle religioni e per via gradoli …….quindi Settimio……?

  17. PS: nel verbale di consegna, la GdF ha espressamente riferito che agli esponenti non sarebbe stata fornita alcuna indicazione sull’esito della segnalazione.

    Chiunque affermi che il Comitato è politicizzato nel senso deteriore del termine, che on realtà nulla ha fatto per la soluzione delle problematiche della via, afferma, puramente e semplicemente, il falso, violando in tal modo non solo i precetti morali, ma anche quelli cristiani e di ogni altra religione.

  18. Il comitato non e’ politicizzato,vuole solo ripristino ordine e legalita’ nella strada,tutto qua….ma ai piu’ non e’ chiaro e si accaniscono contro…..Mosco lo ribadisca spesso almeno tuti capiscono…….buon lavoro……

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome