Home ATTUALITÀ Consiglio XX Municipio: prossima seduta lunedì 9 gennaio

Consiglio XX Municipio: prossima seduta lunedì 9 gennaio

Il Consiglio del XX Municipio è stato convocato lunedì 9 gennaio 2012 alle 9,30 nella sede di via Flaminia 872. Nella prima seduta dell’anno si discuterà di trasporto pubblico locale. All’ordine del giorno una proposta di risoluzione per l’istituzione di una nuova linea denominata 35, la modifica dell’itinerario della linea 32 e la soppressione delle linee 222-332. A seguire verrà dibattuta una proposta di revisione e parziale modifica della delibera del Consiglio Comunale n.154/97.

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. SEMPRE TEMPESTIVI…. La delibera del Consiglio Comunale ed i relativi documenti allegati, risalgono ad 1 anno fa (gennaio 2011). E’ SBALORDITIVO COME, A DISTANZA DI 1 ANNO, “QUALCUNO” DEL XX MUNICIPIO SI SVEGLI OGGI PER DISCUTERE UN PROBLEMA INUTILE, SORPASSATO E ASSOLUTAMENTE INATTUALE…!!!

  2. mi permetto di farle osservare , che il problema non è sorpassato e non è inattuale dato che ancora oggi, i contributi della 154/97 , vengono erogati appunto sulla base di un documento comunale del 1997 che ha addirittura i parametri ancora in lire ! Evidentemente negli ultimi 13 anni , nessuno dei consiglieri comunali si era mai accorto di questa mancanza, ! Il problema è stato sollevato lo scorso anno dall’assessorato ( Comune di Roma) , ed Io ho risposto preoccupandomi di elaborare un regolamento sulla base di criteri oggettivi. Documento che oggi propongo di nuovo nella speranza, che venga raccolto e migliorato dai miei colleghi. A questo punto, non sò su quale base Lei possa affermare che il documento proposto è ” inutile , sorpassato, ed inattuale “. Le risulta forse che i contributi della 154/97 vengono erogati sulla base di una delibera più recente ?

  3. in realtà è molto semplice. Tra i vari provvedimenti che i Municipi possono adottare a sostegno degli anziani, adulti e famiglie, è contemplata la possibilità di erogare contributi economici direttamente alla persona nei casi in cui siano accertate situazioni di disagio economiche. Per questo esiste una procedura che prevede una richiesta corredata da documenti ed un colloquio con l’assistente sociale. Ogni anno nel nostro Municipio , come in tutti gli altri, vengono erogati centinaia di contributi ad altrettante persone con una somma variabile dalle 500 € ai 2000,00 € . Non posso ricordare perfettamente a memoria il dato preciso, ma si tratta ogni anno di centinaia di migliaia di euro. La delibiera Comunale che regola la procedura per l’erogazione delle somme è appunto la 154 del 1997. Il punto è che i criteri per ” misurare” il livello di bisogno economico del richiedente sono ancora in lire e aggiornati a parametri generali del 1997, ma cosa ancor più grave è l’assenza di obbligo da parte di chi richiede le somme di portare documentazione adeguata a dimostrazione del reddito. A tal proposito può ( sempre secondo la delibera) essere sufficente un autodichiarazione. Poco più di due anni fà, il Presidente Giacomini mi affidò la delega alle politiche sociali . Dedicandomi in modo più approfondito alla materia , venni a conoscenza del fatto che la dirigente dell’epoca ( Dott.ssa Liliana Moretti ) come documentazione non richiedeva neanche la dichiarazione Isee . Inoltre le domande venivano raccolte in Via Cassia 472 e non sempre erano protocollate. E’ stata questa amministrazione a perfezionare la procedura con accorgimenti quali : obbligo di protocollare ogni domanda e rilasciare relativa ricevuta all’utente, richiesta di tutti i documenti per avere certificato il reale bisogno economico del richiedente . Ma ancora oggi, quella delibera non è mai stata aggiornata ma è grave sopratutto il fatto che sia stata concepita senza un regolamento attraverso il quale si possa formulare una graduatoria basata su dati oggettivi. Nel 2011 , ho chiesto l’aggiornamento di quella delibera ( aggiornamento che dovrà essere elaborato dal Comune) affinchè l’erogazione sia sempre più condizionata da parametri oggettivi . Ritirai la mia proposta di risoluzione che oggi ho deciso di sottoporre nuovamente in Consiglio. Ovviamente nel corso di quest’anno , nessuno nell’ambito delle forze di opposizione si è preoccupato di elaborare una proposta alternativa. Nessuno si è occupato di questa materia , esattamente come è accaduto negli ultimi 13 anni .

  4. 🙂 …Gentile Clarissa…. (cognome…????) la delibera era (a suo parere) talmente importante ed urgente che la proponente (sua omonima Casasanta), l’ha ritirata…. Perchè prova a contattarla e poi spiega a tutti noi il perchè….? Grazie

  5. non si tratta di una mia omonima, ma di me. Non ho mai detto che fosse urgente, quanto invece importante, e lo penso anche adesso. E’ stata da me ritirata , semplicemente a causa del fatto che tale proposta non era largamente condivisa. Ovviamente non è giunta nessun altra proposta alternativa ! di questo invece non mi stupisco ! purtroppo sono abituata all’atteggiamento di molti colleghi che si limitano a criticare salvo poi guardarsi bene dall’elaborare alternative perchè ciò richiede impegno, lavoro, e sopratutto competenza. Sia invece Lei così gentile di spiegarmi per quale motivo , secondo lei, l’atto era sorpassato, etc… Grazie.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome