Home ATTUALITÀ Tor di Quinto: campo nomadi via del Baiardo, in atto nuovo sgombero

Tor di Quinto: campo nomadi via del Baiardo, in atto nuovo sgombero

23 Giugno: è iniziata nelle prime ore di questa mattina la seconda fase dello sgombero dello storico campo nomadi di via del Baiardo, a Tor di Quinto, fase che pare avere tutti i presupposti per essere la seconda ed ultima. Già nella mattinata dello scorso 30 maggio, con l’abbattimento di oltre 40 baracche, era stata infatti smantellata gran parte del campo, un campo incontrollato, che si estende senza regole seminando insicurezza e degrado in tutta la zona ed  al posto del quale sorgerà una grande area sportiva. Questo è l’impegno preso da tempo dal Presidente del XX Municipio, Gianni Giacomini, che questa mattina sta seguendo di persona le operazioni.

Visita la nostra pagina di Facebook

17 COMMENTI

  1. questa sarebbe un’ottima notizia, se non fosse per le reali intenzioni che, ovviamente, non sono di rendere fruibile quell’area a tutti, ma di assegnarla a qualche amico che poi ci fa una bella piscina con ingresso a 25 euro.
    modello aquaniene ecc.

    comunque mi chiedo come mai dalla ciclabile non si vedesse nulla di nuovo dopo il primo sgombero di 40 baracche, visto che dal satellite l’area è di 200×200 metri circa in tutto…

  2. E come fai tu a conoscere le reali intenzioni ? La tua è una malignità bella e buona, gratuita e pure inutile. Perchè se tu fossi un minimo informato invece che tanto prevenuto sapresti che il municipio non ha nessuna competenza sulle sponde del tevere che sono invece di responsabilità della Regione, dell’ente Bacino per il Tevere, dell’Ardis e via dicendo.
    Le intenzioni veramente reali sono solo quelle di chi deve sparare sentenze tanto per.

  3. Nessuna malignità, tranquillo. Vuoi scommettere qualsiasi cifra che la cosa che sorgerà in quel luogo sarà accessibile non al “popolo” ma solo ai ricchi signori come te? Nessuna prevenzione, è solo l’esperienza.

    Circa la tua accorata difesa dell’incompetenza territoriale, cito da intervista a Giacomini
    «Quell’area, fino ad oggi fortemente degradata, sarà recuperata e riqualificata in favore del progetto Cittadella dello Sport, che coinvolge tutta Via del Baiardo: saranno costruite altre strutture sportive …. La Presidenza del XX Municipio, continua la sua politica dei fatti».

    Anche se non ce n’era bisogno, perché come saprai Comune, Regione e XX sono della stessa banda e le modalità di utilizzo e sottrazione dei beni pubblici a fini privati purtroppo sono sempre quelle.

    Cordialmente

  4. Allora, caro Piero, lei cosa proporrebbe?
    Un’area sportiva gestita da privati, no, forse meglio uno sfasciacarrozze? Un capannone industriale? Un bel parcheggio?
    O abbandonare l’area a se stessa, così tempo un mese, riverrebbe di nuovo “lottizzata” fino al prossimo sgombro?
    Sono sinceramente un pò curiosa di conoscere la sua proposta, e con quali fondi pubblici penserebbe di realizzarla.
    P.S. Io non sono ricca, faccio la ministeriale, e sicuramente non voto il partito di Giacomini e compagnia bella!

  5. No, non sono malignità, sono solo illazioni da 4 soldi da parte di un prevenuto, tranquillo tu, si capisce benissimo da che parte stai. Basta leggere frasi come “ricchi signori come te”… ma mi conosci? abbiamo mai mangiato insieme? no, però solo perchè ho toccato il tuo sensibile animo di difensore degli interessi del popolo vessato e strozzato io sono automaticamente un ricco. Ci mancava solo “proletari di tutto il mondo unitevi contro giacomini” e poi il quadretto era completo.
    E visto che ti senti uno scienziato del linguaggio della politica “continuare la politica dei fatti” non significa aver il potere di incidere e di decidere ma può significare anche saper indirizzare le scelte verso una soluzione anzinchè un’altra. Ma che parlo a fa ? Coi finti sordi non ci può essere dialogo.

  6. Sì, sto dalla parte di quelli che lasciano mezzo stipendio in tasse, e che vorrebbero capire dove vanno a finire i soldi.
    Tu ti ritieni soddisfatto dalla gestione degli spazi pubblici ceduti ai privati. Lo sai quanto si paga un ingresso nelle famose strutture che dopo i mondiali di nuoto dovevano diventare fruibili al popolo? allora, le cose sono tre, sei un pò ignorante in materia, o sei così ricco da essere disinteressato alla materia, o sei di una certa parte politica.
    SIgnora lucia, un bel campetto di calcio-calcetto comunale aperto a tutti come lo vede? O una piscina comunale? In altre parti d’italia si fanno persino queste cose.

  7. bhe pero’ come si dice, a pensar male….
    Il campo va sgombrato anche perche li accanto sono sorte delle splendide e costosissime villette con garage proprio dentro il parco di via delle fornaci di tor di quinto. Un parco molto grande ben visibile da google, con tanto di laghetto, dove far scorazzare i cani da un lato e fare i picnic nei weekend dall’altro come fanno molti veri poveri (i Filippini ad esempio). Adesso provate a mettervi nei panni di un costruttore che deve piazzarele villette avendo pero’ il campo nomadi a circa 50 metri da cotanto lusso. Voi credete che uno che e’ riuscito ad edificare in un parco Romano, non riesca ad esercitare una qualche influenza sullo sgombero, che oltretutto si e’ velocizzato proprio in corrispondenza dell’ultimazione dei lavori? Io penso male…..mi sbagliero?

  8. carissimi signori che già discutete sul da farsi riguardo il terreno occupato dagli zingari via del baiardo sappiate che gli occupanti non potranno mai andare via perche troppo raccomandati e non lo dico per sentito dire ma per esperienza( poi chi vuol capire capisca). non fatevi problemi per le strutture che dovranno sorgere su quel terreno tanto non ci saranno mai. ma de che volemo parlà se le cose non le sapete non aprite bocca e date fiato.

  9. IL PROBLEMA E’ CHE ORA I ROM GIRANO PER VIGNA CLARA CORSO FRANCIA E VILLAGGIO OLIMPICO SENZA PROBLEMI ROMPONO SPORCANO E RUBANO FRUGANO TRA I CASSONETTI.
    QUANDO LI MANDIAMO VIA?
    SE SON ROM SONO NOMADI E DEVONO ESSERE DI PASSAGGIO NON STAZIONARE RIPRENDIAMOCI IL NOSTRO PAESE E LA NOSTRA DIGNITA’

  10. @ RG: lei, come tutti, è libero di scrivere le sue opinioni su questi spazi, anche se queste opinioni dovessero apparire banali, superficiali, venate da razzismo o avere un vago sapore di qualunquismo.
    Ciò che le viene richiesto, però, è di usare un minimo di educazione (Netiquette), dato che siamo in uno spazio pubblico e non suo privato: su internet scrivere tutto un post in maiuscolo equivale a urlare. E non ce ne è proprio bisogno, anzi..
    La ringrazio

  11. Ma si, mentre questi signori rubano, insozzano e devestano noi pensiamo alle netiquette e alle lettere maiuscole.

    Paese da neuro.
    (con il presidente del consiglio che ci ritroviamo è il minimo…)

  12. Lo so, caro prof. Paolo, che pensare che i nomadi rubano, sporcano, rompono, ma aggiungerei anche violentano, e a volte uccidono pure (Giovanna Reggiani per esempio), significhi pensarla da razzisti e qualunquisti, e anche da superficiali, però che vuole, c’è tanta gente dotata di animo semplice e con opinioni tanto banali, ma anche tanto concrete, che purtroppo è tanto esasperata che ha voglia di urlarla questa esasperazione, seppure su un blog, e questo sfogo, seppur “virtuale”, in una situazione senza tante speranze di soluzione, non gliela vogliamo mica negare, vero?

  13. Eppero’ vuoi mettere…. schierarsi dalla parte dei rom etichettando tutti come razzisti fa tanto chic.

    Personalmente mi sono scocciato di contribuire a fondo perduto al loro mantenimento. Basta con il parassitismo di questa gente.

  14. Vede, cara Lucia, credo che molti di noi abbiano più di un motivo (ben più grave della presenza di un campo rom) di esasperazione al giorno d’oggi. Pensi alla disoccupazione e al precariato cronico, alla corruzione dilagante, all’aumento continuo delle tasse a fronte di meno servizi, pensi anche semplicemente all’impossibilità di muoversi in città in auto (a causa del traffico insostenibile) o a piedi (a causa della maleducazione di chi parcheggia ovunque). Se tutti iniziamo a urlare e a vomitare la nostra rabbia su questo sito attraverso proclami e minacce senza senso, da una parte non risolveremmo nulla, dall’altra renderemmo questo blog un “bar dello sport” di infima categoria, col risultato di allontanare coloro i quali vorrebbero confrontarsi, condividere idee, apprendere, informarsi e proporre soluzioni. Questo giornale on-line è un raro esempio di giornalismo gratuito e di qualità, in cui i lettori possono partecipare attivamente. Mi piacerebbe che rimanesse tale. Spero anche a lei. Saluti.
    PS: le faccio notare che in quasi tutti i forum su internet, chi non rispetta le poche e semplici regole di Netiquette, viene bannato, ossia escluso dai moderatori. Un motivo ci sarà…

  15. @ Simone (quello vero)
    Senza polemica alcuna mi sembra di ricordare che chi ha ucciso la povera signora Reggiani non era un ROM ma un extracomunitario.

    Questo non vuol dire che non ci sia il problema dei ROM.

  16. Non ho fatto alcun riferimento alla morte della signora Reggiani, semplicemente mi sono scocciato di mantenere gente che non ha nessuna intenzione di integrarsi e troppo spesso si rende protagonista di episodi criminosi.

  17. No, caro Stefano, chi ha ucciso la povera Sig.ra Reggiani era un rumeno di 24 anni, tale Romulus Nicolae Mailat che risiedeva in uno degli accampamenti abusivi a Tor di Quinto.
    Per carità Prof. Paolo, certo che di problemi ne abbiamo tanti, anzi tantissimi, ma tra questi indubbiamente vi è la presenza dei rom, che comunque credo si possa considerare un fastidio “trasversale”, cioè riguardante tutte le fasce sociali.
    Credo che senza far male a nessuno la rabbia si possa condividere, democraticamente e civilmente, anche su questo blog.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome