Home ATTUALITÀ Auriga Onlus: Comitato Genitori ricevuto dalla Regione Lazio

Auriga Onlus: Comitato Genitori ricevuto dalla Regione Lazio

Si apre uno spiraglio? – I genitori del comitato spontaneo che si è formato per scongiurare la chiusura del Centro L’Auriga sono stati ascoltati ieri, 24 febbraio, dalla Commissione Lavoro, pari opportunità, politiche giovanili e politiche sociali, e dalla Commissione Sanità della Regione Lazio riunitesi in seduta congiunta. Nel corso dell’audizione sono stati ascoltati anche la presidente e co-fondatrice del centro, la dottoressa Nicoletta Angelini, il presidente della Consulta per l’handicap del Comune di Roma, Vittorio Casasanta e il vicepresidente Emberti Gialloreti, la presidente dell’Associazione Genitori Soggetti Autistici Lazio Onlus, Maria Concetta Romano, e la consigliera del XX Municipio con delega ai servizi sociali, Clarissa Casasanta.

Fondata nel 1993, nel corso di questi anni l’Auriga onlus si è specializzata nell’offerta di attività rivolte a ragazzi disabili, soprattutto attraverso l’utilizzo di cavalli e asini all’uopo addestrati, la formazione di operatori specializzati e nella ricerca nel settore equestre socio-sanitario, come ampiamente descritto da VignaClaraBlog.it in una recente servizio (clicca qui).

Il centro, che in passato ha partecipato ad avvisi pubblici e ha realizzato progetti finanziati dal Comune e dalla Provincia di Roma, si è trovato costretto a chiudere anche a causa della mancanza di una legge che riconosca la riabilitazione equestre come terapia erogabile dal Servizio sanitario nazionale. Ed è proprio sulla possibilità di mettere a punto una legge quadro sull’ippoterapia che i consiglieri regionali presenti si sono soffermati.

A conclusione dell’audizione, la presidente della Commissione Sanità, Alessandra Mandarelli (Lista Polverini), e il presidente della Commissione Lavoro e Politiche sociali, Maurizio Perazzolo (Lista Polverini), hanno invitato la presidente dell’Auriga a inoltrare un progetto sperimentale per la prosecuzione delle attività del centro di ippoterapia, impegnandosi sollecitarne l’esame da parte dell’assessore alle politiche sociali Aldo Forte.

“Ci facciamo carico di esaminare il progetto, con l’obiettivo di superare al più presto la fase sperimentale e fare in modo che il centro sia finanziato ogni anno”, ha dichiarato il presidente della Commissione Lavoro e Politiche sociali, Maurizio Perazzolo. “I soldi ci sono, ma troppo spesso sono spesi male – ha proseguito Perazzolo – E spesso il lamentarsi che non ci sono fondi serve a nascondere sperperi e sprechi. Noi, invece, vogliamo passare da progetti sperimentali che ci offrano risultati scientifici e un rapporto costi/benefici apprezzabile a progetti strutturati che durino nel tempo a beneficio della nostra regione. Troppo spesso sono state avviate sperimentazioni sul territorio che non hanno prodotto alcun beneficio e nessun risultato scientifico. Noi vogliamo invertire questa tendenza”, ha concluso Perazzolo.

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. Ieri 22 marzo, a p. 6 della Cronaca di Roma nel Corriere della Sera, è apparso l’ennesimo articolo su L’Auriga onlus, leggibile qui: http://archiviostorico.corriere.it/2011/marzo/22/Auriga_col_fiato_sospeso_Bimbi_co_10_110322021.shtml .
    Con l’occasione, ricordo che il Presidente del XX Municipio Giacomini, nella riunione richiesta da noi genitori e tenuta nel suo Ufficio il 14 febbraio, si era impegnato esplicitamente ad adoperarsi celermente, per quanto nelle sue competenze, presso la Regione Lazio per far riaprire L’Auriga.
    Ora c’è una lettera di certificazione delle attività svolte da L’Auriga per il Municipio, e destinata alla Regione, redatta e firmata dalla Commissione Politiche Sociali del XX Municipio in seguito alla seduta dell’8 marzo, protocollata il 15 marzo, che sembra giacere ormai da troppo tempo, sul tavolo del Presidente Giacomini.
    Non si capisce, francamente, perché non sia stata ancora firmata e inviata.
    Non capiamo neppure, noi genitori, perché la segretaria di Giacomini, otto giorni fa, ci ha concesso un nuovo appuntamento solo il 5 aprile.
    Finora, in tre mesi di fermo, tutti gli Enti locali contattati hanno formalmente dichiarato stima, interesse, comprensione, promettendo di seguire la vicenda per far riprendere al più presto le attività de L’Auriga e quindi la terapia dei nostri ragazzi, ma in realtà tutto si muove troppo lentamente, con pigrizia, con attenzione più alla forma che alla sostanza della situazione.
    Infine, vi ricordo la cena solidale di sabato 26 nella sede del centro: vedere in http://www.lauriga.it .
    Grazie per l’attenzione.
    Andrea Lilli – per il Comitato genitori e amici de L’Auriga

  2. Solo una polemica, mi allaccio all’ultima frase dell’altro genitore: in realtà a nessuno importa della sostanza : nessuno forse dei politici vive la situazione che viviamo noi genitori di bambini con problemi e nessuno capisce quanto possa essere importante per loro poter continuare a vivere questa esperienza.

  3. La Segretaria di Giacomini? Forse la Moglie? La lettera giace sul suo tavolo da molto tempo? …Tutto normale, sennò che Giacomini sarebbe????!!!!
    La peggior gestione municipale ed ex circoscrizionale che si ricordi!!!!!!!!!!!!

  4. Io e credo che l’inerzia ed il disinteresse del Presidente Giacomini dipenda dal SUO personale disinteresse al mondo della disabilità! …forse i suoi interessi in merito alla “faccenda Auriga” sono altri? insomma, molti “interessi” e poca sensibilità!!

  5. Gentili pazienti (sia nel senso di disabili in terapia, sia nel senso di lettori che hanno pazientemente seguito fin qui la vicenda de L’Auriga Onlus), oggi abbiamo saputo finalmente qual’è il frutto dell’attenzione del Presidente Gianni Giacomini, a distanza di 5 settimane dalla seduta della Commissione Politiche Sociali del XX Municipio, e a distanza di 4 mesi dalle pubbliche dichiarazioni rilasciate dai Consiglieri Municipali agli handicappati e ai loro familiari in assemblea cittadina, in primis dal Consigliere Delegato all’Handicap Clarissa Casasanta, che già allora, nella sede stessa de L’Auriga, dichiarava il suo personale apprezzamento per la struttura, il suo convinto impegno a garantire la ripresa dei servizi di riabilitazione, integrazione, formazione, sportivi.
    Impegno manifestato più volte da Gianni Giacomini e da Clarissa Casasanta in diversi incontri pubblici, tra cui quelli tenuti con noi genitori il 14 febbraio e il 5 aprile nell’Ufficio di Presidenza del XX Municipio, nonché il 24 nell’audizione in Commissione congiunta alla Regione Lazio.
    Ebbene, grazie all’operosa sollecitudine dal Presidente Giacomini, ora gli organi competenti della Regione Lazio sono in possesso di una lettera, con cui il XX Municipio certifica il proprio interessamento ai servizi territoriali resi da L’Auriga.
    Come genitore di disabile, che era ed è in attesa di proseguire la terapia presso L’Auriga, e che dovrà probabilmente a lungo continuare a rivolgersi altrove, devo oggi constatare e testimoniare lo sforzo encomiabile, l’abnegazione, l’esemplare spirito di servizio, la sensibilità verso la condizione degli handicappati e delle loro famiglie, l’alto senso di responsabilità amministrativa della cosa pubblica, dimostrati in questa vicenda dal Presidente Giacomini e dal Consigliere Delegato Casasanta.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome