Home ATTUALITÀ XX Municipio – Torquati (PD): la Patria non si commemora spendendo 13mila...

XX Municipio – Torquati (PD): la Patria non si commemora spendendo 13mila euro per un Consiglio all’aperto

“Il Consigliere Calendino ha dichiarato la sua intenzione di scrivere al Presidente della Repubblica per metterlo al corrente del mio voto contrario al Progetto dei 150 anni dell’Unità d’Italia all’interno del Piano della cultura del XX Municipio. Eviti, il consigliere del PdL, di scomodare il Capo dello Stato” dichiara in una nota il capogruppo PD al XX Municipio, Daniele Torquati, secondo il quale il Presidente Napolitano è “già molto occupato a proteggere la nostra Patria dalle offese dei Ministri leghisti e dalle brutte figure del nostro Sindaco, che mangia pajata e polenta in piazza.”

La nota di Torquati fa seguito a quella di Giuseppe Calendino, presidente della commissione cultura del XX Municipio, che accusa il suo collega PD di aver votato contro la realizzazione di un evento destinato a commemorare il  150mo anniversario dell’Unità d’Italia (leggi qui).
Accusa e relativi risolti che non sono affatto piaciuti a Torquati che li respinge al mittente dicendo “esprimo tutto il mio rammarico per l’ipocrisia delle dichiarazioni del Presidente della Commissione Cultura, il quale lascia intendere che il voto contrario del PD al Progetto dei 150 anni dell’Unità d’Italia equivalga all’essere contrari a ricordare il sacrificio di quanti hanno dato la vita per la nostra Patria. Mi vedo perciò costretto – rivela Torquati – a chiarire che il voto contrario del PD, ed in particolare il mio, è sul merito, è sulla scelta di spendere 13.000 euro per consentire lo svolgimento di un Consiglio Municipale all’aperto in Piazzale Ponte Milvio: sarebbe un evidente spreco di risorse.”

“Invito perciò tutti i membri della Commissione Cultura, e il Presidente stesso, a cambiare opinione su tale progetto – conclude il capogruppo, – e a prevedere per quei soldi una destinazione più degna, impiegandoli per esempio in un progetto che porti il XX Municipio a festeggiare l’Unità d’Italia all’interno dei nostri istituti scolastici così da condividere il passato con i giovani che sono la spina dorsale della nostra Patria e il nostro futuro”.

Visita la nostra pagina di Facebook

23 COMMENTI

  1. Il Consiglirere Torquati mente sapendo di mentire. La contrarietà del PD sull’iniziativa dell’Unità d’Italia, è stata espressa già prima della progettazione dell’iniziativa stessa. La commissione, per ogni iniziativa, ha stilato un relativo progetto, accogliendo tutti i suggerimenti pervenuti dai singoli membri. Io ho ribadito più volte che le mie intenzioni erano quelle di dare vita ad una commemorazione che coinvolgesse tutti i consiglieri di ogni schieramento politico, per ritrovare l’unità sotto un’unica bandiera, il TRICOLORE. Se il PD volesse fare marcia indietro e suggerire qualcosa, anzicchè bocciare preventivamente, ne sarei felice. Per quanto riguarda l’invito di Torquati, gli suggerisco di documentarsi prima di fare dichiarazioni. L’iniziativa in questione, prevede già il coinvolgimento delle scuole. Una mostra sul tema del risorgimento verrà allestita nella torretta di Ponte Milvio, raccogliendo i lavori provenienti da tutte le scuole del municipio. Detto questo, resta l’amarezza di dover discutere sull’unico argomento che avrebbe dovuto unirci. Auspicando che gli esponendi più moderati, ragionevoli e capaci del PD ( e ne conosco ) riescano a prevalere sugli amanti delle polemiche, annuncio che mi asterrò da ulteriori commenti.

  2. Si vabbè, ma la cifra di 13.000 euro è vera o no ?
    Se si, pieno appoggio a Torquati, c’e’ senz’altro qualche altro modo per spendere meglio questi soldi.

  3. La cifra dei 13.000 è vera, come i 12.000 euro per la Giornata della Solidarietà e i 10.000 euro per la creatività giovanile entrambe promosse dai membri del PD, e allora? La Commissione dà un indirizzo politico, il Consiglio Municipale approva la delibera, viene pubblicato un bando, le associazioni interessate presentano un progetto, una commissione tecnica di esperti proclama il vincitore, gli interessati possono presentare ricorso, gli uffici amministrativi affidano l’iniziativa agli aventi diritto. Dove è lo scandalo? Forse ci saranno altri modi per spendere i soldi, ma la competenza di come spenderli, piaccia o non piaccia, spetta al Consiglio Municipale, eletto dal Popolo e dunque sovrano.

  4. Sorvolo sull’enfasi ipocrita e demagogica da parte di chi milita in un partito stretto e convinto alleato di quella Lega Nord che con cadenza regolare ci ricorda che cosa ci si pulisce con quel tricolore…
    Però BASTA con questa visione dei giovani e degli alunni come soggetto meramente passivo, BASTA col proporre nel 2010 roba ammuffita e priva di qualsiasi appeal come una mini mostra sul Risorgimento in uno spazio museale. Ma che palle! Basta improvvisazioni e vecchi cliché. Ma perché non vi fate consigliare da qualcuno che stia sul pezzo, da un pedagogista, un sociologo, da qualcuno che segua da vicino le dinamiche giovanili PER MESTIERE.
    E se proprio non avete idee, non conoscete nessuno e non sapete che proporre, fareste sicuramente più bella figura a telefonare ai dirigenti scolastici di zona per farvi elencare i loro problemi e le loro necessità (sono tanti e tante…). Sceglietene uno risolvibile con i fondi che avete a disposizione e poi vi presentate lì con bandiere (e fascia giallorossa) dicendo ” Oggi celebriamo l’Unità d’Italia, avevamo tot da spendere in festeggiamenti, ma abbiamo preferito investire le risorse per allargare il marciapiede davanti alla vostra scuola, per riparare il tetto, per comprarvi banchi e sedie o quel che sia. Alla fine mettetegli un po’ di “musica a palla” e regalategli la Costituzione.
    Costi inutili = zero. Ma una probabilità molto maggiore che i ragazzi apprezzino e ricordino, un domani, la volta che vennero i consiglieri municipali a festeggiare l’Unità d’Italia.

  5. Il nostro Comitato, naturalmente molto interessato alla celebrazione dell’Unità d’Italia, desidererebbe avere maggiori chiarimenti sul progetto della Commissione Cultura che prevede la spesa di 13000 euro.

  6. Non c’e’ nessuno scandalo consigliere Calendino ma penso che iniziative cosi’ costose, che provengano poi dal pdl o dal pd piuttosto che o dall’idv, debbano essere vagliate con maggiore attenzione.

    Tredicimila euro sono tanti per una commemorazione.
    Personalmente – anche se di competenza diverse si tratta – avrei preferito che con quei soldi il municipio avesse risistemato un giardino o bonificato un’area degradata.

  7. Consigliere Torquati, condivido ciò che lei scrive, ma mi spieghi, lei che sta all’opposizione perchè non ha criticato lo scorso anno o forse a inizio anno, quando uno scellerato convegno di una sola giornata, organizzato forse dalla commissione Pari Opportunità o forse dal Presidente in occasione della festa delle donne sono stati spesi ben 15000,00 euro?
    …che vergogna!!!!!!!!!

  8. Mi dispiace registrare ancora una volta, dalle parole di CALENDINO, delle cose inesatte. Dice che io mento. Gli faccio una domanda: avete pensato di fare un Consiglio all’aperto a Ponte Milvio o no?
    13.000 euro potrebbero risultare pochi per un evento all’altezza e tanti per un Consiglio all’aperto, inoltre rischiamo di fare un doppione scadente di altre iniziative promosse da Istituzioni con maggiore disponibilità di fondi e più autorevoli.
    Se l’intenzione della maggioranza dovesse rimanere quella di commemorare l’Unità d’Italia, con i fondi della cultura, potremmo verificare l’ipotesi di coinvolgere in modo originale e diverso le scuole, magari facendoci aiutare dalla Consulta della Scuola (organo che il Municipio deve Istituire grazie alla nostra delibera votata all’unanimità, che sembra ancora non decollare). Condivido infatti, in parte, le parole del PROF. PAOLO il quale ci invita a riflettere sulla “visione dei giovani e degli alunni come soggetto passivo”.
    Per onestà mi sento di dire a SIMONE che fondi destinati alla cultura non possono essere utilizzati per finanziare marciapiedi o risistemazione di giardini. Sarebbe fin troppo facile e anche strumentale, per noi opposizione, dire “utilizzate quei fondi per risistemare giardini o marciapiedi”. La sfida degli amministratori rimane quella di impegnare fondi in maniera adeguata per ogni capitolo di bilancio.
    Infine rispondo a MONICA, che giustamente sollevava domande sul concorso delle pari opportunità, in quel caso abbiamo fatto richiesta accesso agli atti e interrogazioni, come nel caso della festa della befana, come per gli affidamenti di molte altre iniziative. Se dovessimo fare un comunicato per ogni atto o interrogazione che portiamo in aula neanche l’attenta VCB potrebbe seguirci. Facciamo molto di più di quello che arriva all’esterno, purtroppo.

    Cordiali Saluti

    Daniele Torquati
    Capogruppo PD Municipio Roma XX
    danieletorquati@virgilio.it

  9. @ Torquati : non purtroppo, male invece che non fate sapere ai cittadini quello che succede nelle stanze del municipio o quello che emerge dagli atti che richiedete. Per esempio, per tornare al caso di cui parla Monica, siete riusciti a sapere perchè la festa della donna, il concorso letterario per donne ed ora un corso di vela per ragazzi portatori di handicap sono stati dati da fare tuttti e tre alla stessa associazione, a quanto pare brava a fare tutto, e senza mai fare un bando ? Ecco le cose che dovete fare emergere e denunciare all’opinione pubblica, se no che opposizione siete ?

  10. Alex siamo consiglieri, non investigatori. Facciamo politica (tentiamo) e non indagini. Però siccome lei è molto attento e informato mi può fare da consulente, visto che dell’imbarcazione a vela io non ho parlato con nessuno e non mi sembra di averla mensionata.
    A parte le battute quello che volevo dire che tutto quello che è possibile far uscire compatibilmente con il tempo e l’appetibilità della notizia per media locoali cerchiamo di farlo uscire.
    infine, il problema non è della barca a vela, ma dell’impianto dell’intero Piano Regolatore Sociale. Lo diciamo da circa due anni. Un piano regolatore e i finanziamenti della legge 285 (attività rivolte ai minori) spacchettati in 15 microfinanziamenti non serve a nessun cittadino del XX. Vede, quel piano regolatore è stato votato da tutto, dico tutto, il PDL. Prima di verificare come vengono spesi i soldi ho il dovere di non far fare scelte sbagliate all’amministrazione. Ma vorrei che fosse chiaro: il problema non è il progetto singolo, ma l’intero impianto del PRS che si presta allo sperpero di denaro pubblico. Penso che questo lo abbiamo detto in tutte le salse e spero che i cittadini di sinistra, ma soprattutto quelli di destra, un po’ più consapevoli, lo sappiano. L’opposizione che si limita solo a verificare come vengono spesi i soldi e che non si pone prima l’obiettivo di contestare le scelte politiche non è un’opposizione. In ogni caso facciamo anche tutto il resto, non si preoccupi.
    Cordiali saluti

    Daniele Torquati
    Capogruppo PD Municipio Roma XX
    danieletorquati@virgilio.it

  11. Caro Torquati, ci sono moltissimi argomenti, segnalati dai lettori anche su VCB, che avete COLPEVOLMENTE (come opposizione) non approfondito, l’ultimo, ad esempio, sui cassonetti abusivi, sul quale non c’è stata da parte vostra alcuna dichiarazione, interrogazione, denuncia ecc.
    Eppure mi sembra un argomento degno di nota, o no…?

  12. Caro Torquati, non creda di essere l’unico a sapere le cose. Mi dispiace però prendere atto del fatto che lei si naconde dietro un discorsone politico che sarà pure giusto ma che ha sviato l’attenzione dalla mia domanda. Insomma dalla sua risposta capisco che lei è al corrente di questa storia di malcostume ma preferisce tacere, faccia un po’ come crede ma non mi venga a dire che è così che si deve comportare l’opposizione. Saluti a lei.

  13. E’ scorretto pensare che un voto contrario corrisponda alla contrarietà ad una celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Leggerla in questo modo è miope.
    Per la ricorrenza in oggetto si stanno spendendo, giustamente, decine di migliaia di euro di fondi pubblici e questo pone di fronte a noi un’ampia scelta di eventi, iniziative, convegni e mostre.
    La domanda allora è: quanto è necessario creare, in un territorio purtroppo povero di manifestazioni culturali, un evento che altro non è se non un doppione di altre iniziative?
    Per un principio logistico nell’utilizzo del denaro pubblico non ha forse più senso investire in un evento originale e diverso? Non ha senso creare eventi alternativi e differenziare l’offerta?
    Noi, come PD, pensavamo di sì. Senza alcuna logica di contrapposizione ideologica o tantomeno contrarietà all’Unità d’Italia.

    FRANCESCO SCOPPOLA
    PD

  14. Alex, non ti meravigliare più di tanto, quello che succede nel XX rispecchia con le dovute proporzioni quello ch succede a livello nzionale. Una maggioranza che trova la vera e unica opposizione solo al suo interno ed una minoranza che non fa opposizione, che perde consensi e che non sa cavalcare la protesta.

  15. Cons. Federico Targa

    Ho letto attentamente le varie risposte prima di dare un giudizio su una vicenda che riguarda personalmente anche me visto che sono menbro della Commissione Cultura ed ho partecipato attivamente a tutte le riunioni per la stesura delle nuove proposte da mettere a bando e la riconferma delle ricorrenti.
    Innnanzitutto chiariamo definitivamente che ci sono fondi per ogni capitolo di bilancio e quindi i fondi per la Cultura non possono essere utilizzati per finanziare marciapiedi o risistemazione di giardini.
    Detto ciò mi sembra molto riduttivo e soprattutto demagogico ridurre una celebrazione così importante ad una semplice equazione di spesa in quanto avevamo concordato che tutti e ripeto tutti i Componenti della Commissione avrebbero dato il loro contributo alla stesura del bando con vincoli per l’eventuale aggiudicatario con idee propositive per rendere omaggio ad una celebrazione così importante.
    Abbiamo deciso di coinvolgere la scuole per farle partecipare quel giorno con dei disegni che verranno esposti alla Torretta.
    Abbiamo deciso che sarebbe stato bello vedere Piazza Ponte Milvio inbandierata dall’alto con dei maxi palloni e dei tricolori.
    Abbiamo deciso che avremmo regalato un piccolo tricolore a tutti i bambini partecipanti.
    Abbiamo deciso che avremmo coinvolto il reparto di fanteria che avrebbe suonato l’Inno prima della seduta del Consiglio.
    Abbiamo deciso di coinvolgere le varie Associazioni che potessero darci un reale contributo alla realizzazione della manifestazione.
    Abbiamo deciso di fare una seduta pubblica del Consiglio Municipale all’interno del nuovo parcheggio.
    Ci sembrava di aver ideato una cosa costruttiva ed educativa anche se ci saranno altre molteplici iniziative a vari livelli Istituzionali in tal senso ma perchè non avere la possibilità anche noi nel nostro piccolo di fare bella figura per una Commemorazione così importante?
    Passiamo al capitolo di spesa…puo’ partecipare chiunque al bando e farsi due rapidi conteggi per vedere che l’impegno di spesa non è solo per l’allestimento e l’amplificazione del Consiglio all’aperto come qualcuno vuol far pensare….
    detto ciò solo ed escusivamente per dovere di informazione reale e non demagogica e mi fermo qui……

  16. Forse sarà passato come messaggio il totale disinteresse da parte del PD, ma non è così. Chi lo dice e è dentro il Municipio lo dice strumentalmente e spero che chi lo dice da lettore disinteressato non lo dica per questo.
    Sono tutte e due vicende molto complicate e come tali devono essere trattate. Ad esempio, per i cassonetti c’è, oltre la nostra richiesta di accesso agli atti, c’è anche la richiesta di accesso agli atti della polizia provinciale per accertare violazioni penali. A me interesserebbe, ed interessa, accertare le violazioni politiche, ed è quello che abbiamo iniziato a fare in commissione trasparenza, ed è quello che faremo nei prossimi giorni, non mi sembra che non abbiamo fatto nulla, anzi cerchiamo di lavorare in modo serio e non urlato.
    Per quanto riguarda la barca a vela abbiamo intenzione di chiedere le relazioni di tutti i micro-progetti della legge 285: barca a vela, sportello legale, bullismo, non ci vogliamo limitare, ma questo è il lavoro quotidiano che facciamo per tutto, non mi sembra che io faccio finta di non sapere e soprattutto
    Non credo che il mio sia un “discorsone politico”, credo che questo sia il mio compito: di fare politica, e non investigazione e tantomeno gossip. Non ho assolutamente sviato la domanda, ho semplicemente risposto , anzi le dirò di più è lei che mi sembra non sorvolato, caro ALEX, sulla responsabilità di tutta la maggioranza (exAN e exFI) per quanto riguardo l’intero piano regolatore, ovvero il vero problema.
    Concordo con DECIO MERIDIO che considera colpevole un atteggiamento di non curanza rispetto i temi che vengono sollevati, ma questo non è accaduto.
    Sono veramente rammaricato invece dal commento di GIANMARIO perché ormai mi rendo conto che la politica per i cittadini è sempre di accostabile ai salotti televisivi (stile porta a porta) nei quali si riconosce chi fa opposizione chi urla di più e non chi dice le cose più sensate. Sempre nello stesso immaginario si dice che l’opposizione alla maggioranza è quella di Fini, colui che per 15 anni ha detto sempre “si” al suo capo e che ora non soddisfatto del suo percorso personale “fa opposizione”. Fini dice cose condivisibili, che magari avrebbe potuto dire un ventennio fa e che il PD dice da sempre su Berlusconi.
    Cordiali saluti

    Daniele Torquati
    Capogruppo PD Municipio Roma XX
    danieletorquati@virgilio.it

  17. Consigliere Targa, lei mi chiama idee propositive i disegni degli scolari, i palloncini, i tricolori e la fanfara ?? Roba da fiera paesana. Non voglio essere offensiva ma io credo che voi consiglieri non siate onniscienti e mi auguro che non vi riteniate tali, in grado di discettare dal rifacimento di una strada all’organizzazione di una festa importante. Volete organizzare un grande evento e fare una bella figura ? Affidatevi prima di tutto a chi organizza eventi per mestiere, chiamate qualche consulente, andate a vedere cosa si organizza negli altri municipi o anche nelle altre città, insomma non peccate di presunzione pensando che dalla vostra unica testa possa uscire di tutto. Gliela do io un’idea prendendo ad esempio quello che ha fatto il sindaco Alemanno per il tram di piazza Argentina. Fate un bel sondaggio sul sito del municipio, coinvolgete i cittadini, fate scegliere a loro cosa vorrebbero per festeggiare l’unità d’Italia. Fateci partecipare alle scelte, non date l’idea di avere il terrore di sentire coma la pensiamo ! E se dovessimo dirvi che del consiglio all’aperto non ci interessa nulla non prendetvela a male, perchè a dirla tutta non è che io a vedervi seduti nel parcheggio a cantare l’inno nazionale senta il mio paese più unito, anzi la dico prorpio tutta, la vedrei solo come una passerella.
    Buon lavoro.

  18. Consigliere Federico Targa

    Buongiorno Sig. Maurilia,
    mi preme fare delle dovute precisazioni in merito alla sua risposta.
    Innanzitutto mi auguro che, visto che Lei parla con convinzione assolluta e propositiva possa partecipare al bando e magari aggiudicarselo.
    Le nostre solo esclusivamente delle idee ma ripeto sarà la Commissione tecnica esaminatrice a proclamare il vincitore del bando e siamo certi che, visto il clamore che stà suscitando, che ci saranno molte e validisssime proposte di Associazioni o Comitati che ci regaleranno un grande evento.
    Per le consulenze da Lei menzionate mi duole farLe notare che la mia professione fuori dalla politica è da moltissimi anni l’organizzazione di eventi ed ho l’escusiva Italiana dei migliori DJ Americani ed il mio ultimo evento mondiale a Luglio ha visto la presenza di oltre 10.000 persone….la prossima volta La inviterò così magari invece di parlare di noiosissime questioni politiche Municipali ascoltiamo bella musica e ci beviamo una vodka orange 🙂
    Buona giornata

  19. Premesso che Maurilia è un nome da donna e quindi non sono sig. ma sig.ra, anche a me preme darle una risposta.
    Non mi sembrava di essermi rivolta a lei con tutto il sarcasmo e l’ironia gratuita con la quale mi risponde. Lei sarà anche bravo ad organizzare eventi da 10.000 persone ma palloncini e fanfare restano elementi da fiera paesana ed il suo modo di snobbbare un suggerimento fatto in buona fede da una cittadina è veramente irritante. Tutto ciò conferma la mia supposizione, di ciò che pensiamo noi non vi interessa nulla. Buono a sapersi.
    Maurilia

  20. Non ho altro da aggiungere sulla “sagra paesana” perchè ritengo i commenti della Sig.ra Maurilia chiari e pienamente condivisibili, nella forma e nella sostanza.
    Sui capitoli di Bilancio: Cons. Targa, sì, è evidente che “ci sono fondi per ogni capitolo di bilancio e quindi i fondi per la Cultura non possono essere utilizzati per finanziare marciapiedi”. Esiste però uno atto politico amministrativo che si chiama “Varazione di Bilancio” che come Consiglieri potete proporre e votare, al fine di rettificare parzialmente l’allocazione delle risorse. Sarebbe una vostra grave sconfitta politica se il Comune (oggi governato dai vostri amici) non dovesse darvi parere favorevole. Non trova?
    Detto ciò, può essere contabilmente corretto utilizzare i fondi per la Cultura per palloncini e celebrazioni, ma personalmente lo trovo moralmente disdicevole. In più ritengo che abbia molto più senso che ad organizzare questo tipo di celebrazioni siano altri soggetti istituzionali (Presidenza della Repubblica, Governo, Comune di Roma in quanto Capitale d’Italia) e non dai Municipi, che mi sembra abbiano ben altre funzioni e una cronica scarsità di fondi..
    Già che ci siamo, visto che ci invita a partecipare al Bando, può gentilmente indicarmi dove trovarlo sul sito ufficiale del Municipio? Ho provato ad aprire la pagina Trasparenza/Bandi ed esiti di Gara, ma è desolatamente vuota. Mentre quella Municipio XX/Bandi e Gare presenta solo un bando relativo ai centri estivi (oramai scaduto…). Grazie

  21. Cons. Federico Targa

    Sig.ra Maurilia non era mia intenzione snobbare i Vostri preziosi consigli e suggerimenti ma cercavo solo di stemperarare un pochino i toni…tutto qui.
    Per quanto riguarda il Prof. Paolo le comunico che i Bandi non sono ancora pronti ma verranno pubblicati nel Sito del Municipio e Vi comucherò la data tramite Vignaclarablog.
    Buona giornata

  22. sarà pure che voi vi occupate solo di politica però una cosa è certa dopo la richiesta agli atti della polizia provinciale tutti anno alzato le antenne e sono cominciati i distinguo con i se e i ma fino ad arrivare all’undici con le famose dimissioni fino ad allora quella dei cassonetti era cosa che ai consiglieri inpegnati ben su altri fronti non glienè poteva fregà de meno! adesso sulla nave è rimasto solo il direttore che non sa nuotare!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome